Cerca nel blog

giovedì 9 luglio 2009

Energia. Le centrali nucleari non servono. Intervento al Senato



Energia. Le centrali nucleari non servono. Intervento al Senato

Intervento della senatrice Donatella Poretti, parlamentare Radicali-Pd

Segue il testo dell'intervento pronunciato in Aula al Senato durante la discussione del Ddl 1195- B, Disposizioni per lo sviluppo e l'internazionalizzazione delle imprese, nonche' in materia di energia.

Nessun pregiudizio, nessun preconcetto sta alla base della nostra contrarieta' al provvedimento in esame, in particolare per la parte riguardante il nucleare e la delega al Governo su cui vorrei soffermarmi. Alle richieste di confronto che da oltre un anno stiamo avanzando, alle perplessita' che la scelta del nucleare sia quella piu' conveniente, nessuna risposta, ma solo annunci propagandistici, e misure illiberali che impongono scelte impedendo un confronto su costi e benefici.
Questo decreto stabilisce che dopo la sua approvazione il Governo avra' sei mesi per predisporre la normativa necessaria, per localizzare i siti su cui sorgeranno le centrali, decidere i sistemi di stoccaggio e di deposito dei rifiuti radioattivi. I siti dichiarati di "interesse strategico nazionale" e sottoposti a segreto di Stato e controllati dai militari. La tipologia degli impianti sara' decisa dal Cipe. Per costruirli e farli funzionare bastera' un'unica autorizzazione che verra' rilasciata dal ministro dello Sviluppo economico, d'accordo con i colleghi all'Ambiente e alle Infrastrutture. Una partita di giro all'interno di Palazzo Chigi. Si istituisce l'Agenzia per la sicurezza nucleare, composta da un presidente e quattro membri nominati dal presidente della Repubblica su proposta del presidente del Consiglio, senza neppure darle la parvenza che sia una agenzia indipendente. In pratica il Governo chiede ed esige un mandato in carta bianca, per fare come meglio crede, s
enza
bisogno di consultare il Parlamento, ne' tanto meno gli enti locali... alla faccia del federalismo.
Non e' un caso che il nucleare e' fermo da tempo la' dove le preoccupazioni e il controllo dell'opinione pubblica hanno piu' peso e dove l'energia e' un affare del mercato; invece continua ad andare avanti in Cina, in India, in Russia, dove il controllo democratico o non c'e' oppure e' molto piu' fragile e dove le centrali vengono pagate con i soldi dello Stato. Nel complesso il nucleare e' in declino, e la Iea -International Energy Agency- calcola che nel 2030 la quota di elettricita' prodotta nelle centrale atomiche si ridurra' dall'attuale 16 al 9-12%.
Si dice che la scelta nucleare serva a diminuire la nostra dipendenza di fonti energetiche (petrolio) dall'estero, un falso. Vediamo perche':
- la tecnologia nucleare e' di importazione, cioe' estera (Francia), e la Francia con il suo 78% di produzione elettrica nucleare consuma piu' petrolio della Germania. Perche' se e' vero che la Francia ci vende energia elettrica nelle ore morte (e' sovracapacitata), nelle ore di punta la compra dalla stessa Germania.
- il combustibile (uranio) e' estero (il 58% delle riserve sono in Canada, Australia e Kazakhstan). Il premio Nobel Carlo Rubbia mette in guardia sulla poca disponibilita' dell'uranio a livello mondiale e di conseguenza il prezzo e' soggetto a speculazioni, come e peggio del petrolio. Se la dinamica sara' la stessa che l'uranio ha seguito dal 2000 ad oggi, aumentando di venti volte da 7 a 130 dollari per libbra -ha spiegato il fisico premio Nobel- il prezzo potrebbe arrivare a 500, ed il costo dell'elettricita' nucleare schizzerebbe da 40 a 65 euro per Megawatt, un livello insostenibile. Si aggiunga il problema della disponibilita': le riserve conosciute valgono non piu' di una trentina d'anni, per due terzi il mercato dipende dalle forniture militari, e il piu' grande impianto di estrazione, quello di CigarLake in Canada, tarda ad entrare in esercizio.
Ancora tra i vantaggi di questa scelta ci si dice che "Il nucleare dovra' produrre un quarto dell'energia elettrica del Paese (25%)", ma si finge di dimenticare che la produzione elettrica italiana rappresenta il 18% del nostro fabbisogno energetico complessivo, l'82% del quale (carburanti, etc.) va essenzialmente ai trasporti.
L'obiettivo del 25% del ministro Scajola, rispetto al 18% di produzione elettrica, significa che il nucleare sara' il 4,5% del fabbisogno di energia elettrica.
L'alternativa c'e' ed e' quella di puntare sull'efficienza energetica, la piu' grande fonte di energia a detta di tutti gli esperti. Significa evitare gli sprechi. La via e' quella di un mix di energie rinnovabili: efficienza energetica, solare, eolico e quant'altro la tecnologia odierna possa offrire. E poi la ricerca. Un recente studio (The case for investing in Energy productivity) dell'istituto McKinsey, uno dei piu' accreditati a livello mondiale, spiega come con l'efficienza energetica nella costruzione di edifici si possa coprire il 4% del nostro consumo nazionale. La stessa cifra delle centrali nucleari. Questa sarebbe la strada da percorrere. E lo si puo' fare da subito, spendendo molto meno.
Infine, non possiamo non porci il problema tutt'altro che marginale della sicurezza e delle scorie, in un Paese in cui non si riesce neppure a smaltire la spazzatura. Dopo il referendum del 1987, non siamo ancora riusciti a liberarci delle vecchie scorie stoccate in luoghi non adatti come a Saluggia o che sono rimaste nelle vecchia centrale. A Caorso (Pc), per esempio, sono state trasferite in speciali piscine. Vogliamo ricordare la storia di Scanzano Jonico (Basilicata)? Tutti d'accordo, un decreto del Governo, organismi tecnici, Arpat (Agenzia per l'ambiente), Enea, Sogin e dai sindacati Cgil-Cisl-Uil, poi la sollevazione popolare e i rifiuti radioattivi sono stati mandati in Francia al modico costo di 250 milioni di euro, pagati dal contribuente. Ancora notizie giornalistiche ci parlano della Basilicata come luogo individuato per lo smaltimento delle scorie. Auguri.
Noi non abbiamo neanche un Piano energetico nazionale per avere un quadro della situazione e delle scelte per il futuro. Senza questo, le date di cui parliamo restano numeri senza senso.

Sen. Donatella Poretti - Parlamentare Radicale -Partito Democratico
Roma, Palazzo Cenci, piazza Sant'Eustachio 83, tel.0667063265, fax 0667064771
Firenze, via Cavour 68, Tel. 0552302266 Fax 0552302452

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI