Cerca nel blog

domenica 2 agosto 2009

Francia: Rete vittime dei pesticidi

Nasce in Francia la "Rete per le vittime dei pesticidi"


L'uso massiccio e troppo disinvolto dei pesticidi, pericoloso per tutti gli esseri viventi, comincia, da più parti, ad essere contestato.

Dopo la pubblicazione, nel 1962, del saggio "Primavera silenziosa" di Rachel Carson (1907 - 1964), fu vietato il DDT e sono stati presi alcuni provvedimenti legislativi in materia di tutela ambientale, ma purtroppo non è ancora stato fatto abbastanza.

Ogni giorno, in tutto il mondo, si contano i "martiri"dei pesticidi : http://www.getipm.com/our-loved-ones/memorium.htm

Con tutti gli altri problemi quotidiani da affrontare, si tende a sottovalutare quest'argomento, intorno al quale ci sono ancora troppa indifferenza e troppa ignoranza.

Inoltriamo quindi volentieri il Comunicato di Equivita con preghiera, se potete, di inviarlo a Vostra volta a chi pensate possa ulteriormente divulgarlo, consapevoli che ogni nostra scelta quotidiana incide sulla salute.

I PESTICIDI, dalle irrorazioni chimiche antizanzara ai diserbanti ritenuti normalmente innocui, sono BIOCIDI, uccidono cioè la VITA e, accumulandosi irreversibilmente nei tessuti grassi, lentamente, anche la nostra.

COMUNICATO 31/07/09

Una buona notizia da portare in vacanza
nasce in Francia la "Rete per le vittime dei pesticidi"


Le Monde del 17/7/09 ha annunciato che il "Movimento per i diritti e il rispetto delle generazioni future" (MDRGF), associazione nata in Francia 15 anni fa, sta reclamando la messa al bando dei pesticidi, nelle città, nei giardini e nei parchi, "affinché i bambini non debbano essere avvelenati dai residui dei pesticidi quando raccolgono la palla caduta sul prato".

Esso richiede, inoltre, che siano create "zone cuscinetto" (coltivazioni biologiche o pascoli), tra le zone agricole e le zone abitate, e che alle nuove norme vengano accluse sanzioni penali.

La Rete, spiega François Veillerette, presidente dell'associazione, ha il fine di rispondere alla richiesta dei numerosi cittadini che hanno deplorato la mancanza di qualsiasi mezzo di difesa contro le nebulizzazioni dei pesticidi, essendo la legislazione totalmente carente.

Il Movimento intende agire soprattutto in difesa dei più vulnerabili, i bambini, nei quali si riscontra il più spaventoso aumento di incidenza di alcune forme di tumori. Ma spera anche di portare aiuto alle vittime delle malattie professionali, affinché le loro patologie vengano riconosciute come tali. Numerosi studi, anche epidemiologici, dimostrano il nesso tra esposizione ai pesticidi e rischio di cancro, problemi riproduttivi e malattie neurodegenerative (vedi Suzanne de la Monte sul Journal of Alzheimer Desease, vedi "la pandemia silenziosa" su The Lancet, 11/06 e tanti altri).

Come è accaduto nel caso dell'amianto, sugli effetti del quale si terrà entro breve un giudizio, l'associazione si prefigge - per numerose sostanze tossiche usate fino ad oggi in maniera per lo più incontrollata - di rompere la legge del silenzio e di far retrocedere chi, per interessi privati, danneggia la salute umana (oltre che l'ambiente e la biodiversità).

Occorre rilevare che vi è in tutto il mondo una presa di coscienza, molto lenta ma costante, riguardo alla necessità di dare infine ascolto all'appello lanciato da Luc Montagnier e da numerosi altri scienziati internazionali nel 2004 all'Unesco. Intitolato "Dichiarazione internazionale sui Pericoli dell'Inquinamento Chimico" esso iniziava con le parole "La specie umana è ancora in pericolo".

Già alla fine degli anni '90 è stata, con un libro bianco, affrontata in Europa la necessità di tutelare la nostra salute dall'azione di circa 100.000 sostanze di sintesi introdotte nell'ambiente nell'ultimo mezzo secolo, generalmente senza alcuna verifica dei loro effetti tossici (peraltro difficili da verificare, poiché si manifestano quasi sempre con anni di ritardo).

Oltre al Regolamento europeo REACH, per la Valutazione e Regolamentazione delle Sostanze Chimiche nell'ambiente (già in vigore dal 1° giugno del 2008, ma reso assai meno efficace nella sua stesura per le pressioni subite dalle aziende chimiche), una nuova importante iniziativa è stata da noi accolta con grande soddisfazione.
Si tratta del Regolamento europeo del 13/1/09, che mette limiti molto severi all'uso dei pesticidi: 22 di essi vengono vietati, tra i quali il glufosinate (abbinato a svariate colture ogm che, di riflesso, dovranno essere vietate), mentre gli agricoltori vengono esortati a privilegiare l'agricoltura tradizionale o biologica.
Più recentemente (12/06/09) si è saputo che con la Revisione della Direttiva sui Biocidi 98/8/CE, è in programma la regolamentazione dei prodotti che risultano cancerogeni, mutageni o tossici per la riproduzione o per il sistema endocrino.
Il Comitato Scientifico EQUIVITA si augura che questi segnali indichino l'inizio, se pure lento, di una nuova era nella gestione della Sanità in Europa, un'era che veda infine la massima attenzione centrata sulla prevenzione (anche se spesso meno lucrosa), piuttosto che esclusivamente sulla cura dei nostri mali.


Comitato Scientifico EQUIVITA
Tel. + 39. 06.3220720, + 39. 335.8444949
E-mail: equivita@equivita.it

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI