Cerca nel blog

venerdì 20 aprile 2012

Disidrat, l’impianto che ridà vita ai rifiuti



Inaugurata a Ravenna la piattaforma di trattamento fanghi, fra le più importanti d'Europa. Grazie all'impianto raddoppierà la quota di materia recuperata, con riduzione conseguente dei conferimenti in discarica

Ricavare valore dal fango, contribuendo allo stesso tempo alla salvaguardia dell'ambiente. E' questa l'ambizione del nuovo Disidrat, l'impianto di trattamento fanghi industriali inaugurato questa mattina a Ravenna.

L'impianto, gestito da Herambiente (società del Gruppo Hera dedicata a trattamento e smaltimento rifiuti), tratterà, come da Autorizzazione Integrata Ambientale, circa 150.000 tonnellate di rifiuti speciali, pericolosi e non pericolosi, liquidi e solidi, complessivamente intesi come "fanghi". Grazie alle tecnologie impiegate, gran parte del materiale in ingresso potrà essere recuperato e riutilizzato come copertura per le discariche in sostituzione del terreno vegetale o come materiale di consolidamento per le miniere.

Complessivamente il materiale recuperato a seguito del processo, attualmente attorno al 25% nel vecchio Disidrat, potrà all'incirca raddoppiare, comportando una drastica riduzione dei conferimenti in discarica controllata. Il nuovo Disidrat, realizzato in 24 mesi  con un investimento complessivo di 13 milioni di euro, per varietà dei rifiuti trattabili, dimensioni e caratteristiche tecnologiche, si pone fra le eccellenze europee nel settore.

La piattaforma è stata realizzata con le migliori tecnologie disponibili sul mercato, nel pieno rispetto dell'ambiente. E' stata garantita la protezione della falda e del suolo mediante impermeabilizzazione con telo in polietilene ad alta densità (HDPE) sotto l'intera area dell'impianto. Grazie alla realizzazione di tre impianti di aspirazione e trattamento aria, si è potuto garantire il contenimento degli odori e delle emissioni. Inoltre è stato realizzato un sistema fognario a tenuta in HDPE per la raccolta e l'invio delle acque delle aree di lavorazione all'adiacente impianto di trattamento chimico-fisico. La progettazione della struttura ha tenuto conto anche dell'impatto acustico, che con apposite soluzioni, è stato minimizzato, nel pieno rispetto delle normative vigenti.

Il contesto industriale in cui è inserito il Disidrat gode già della certificazione ambientale ISO 14001, della registrazione EMAS e della certificazione per la sicurezza OSHAS 18001. Già da quest'anno si prevede di ricomprendere nelle suddette certificazioni anche l'impianto inaugurato oggi.

 "Un impianto di questo tipo avvicina l'Italia alle migliori esperienze europee", spiega il Ministro dell'Ambiente Corrado Clini. "Dimostra in particolare che è necessario e possibile investire per realizzare una diffusa dotazione impiantistica al servizio del ciclo rifiuti, in grado di preservare l'ambiente e trattenere in Italia la ricchezza economica che il recupero di energia e materia può fornire".

"L'impianto inaugurato oggi, che adotta le migliori tecnologie oggi disponibili per trattamenti di questo tipo, conferma Herambiente come assoluto leader nazionale nel trattamento e smaltimento rifiuti", afferma il Presidente di Hera Tomaso Tommasi di Vignano. "Ritengo inoltre che rappresenti un'opportunità importante per l'intero sistema Paese, non solo per il valore che consente di ricavare da rifiuti diversamente inutilizzabili e per gli indubbi benefici ambientali, ma anche in considerazione del forte fabbisogno ancora espresso dalle imprese per quanto attiene lo smaltimento di rifiuti speciali con modalità trasparenti, professionali ed efficienti".



 Maggiori informazioni  on-line su www.gruppohera.it/herambiente.

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI