Cerca nel blog

venerdì 19 ottobre 2012

Agricoltura: la legge sui contratti agrari è stata una scelta vincente Garantito un moderno sviluppo dell’impresa



Agricoltura: la legge sui contratti agrari è stata una scelta vincente
Garantito un moderno sviluppo dell'impresa
 
Il presidente della Cia Giuseppe Politi conclude il convegno della confederazione a Roma sui trent'anni del provvedimento legislativo (203/82). Sono state garantite le esigenze d'imprenditorialità degli affittuari, senza mortificare la proprietà.
 
          "A trent'anni dalla sua approvazione, la legge 203/82 sui contratti agrari si dimostra ancora di grande attualità. E' stato un provvedimento che ha avuto il merito di far crescere l'agricoltura, attraverso una moderna regolamentazione dei rapporti tra proprietà e impresa agricola. Uno strumento, quindi, che anche in futuro potrà contribuire allo sviluppo aziendale, sempre più orientato all'innovazione". Lo ha affermato il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori Giuseppe Politi chiudendo il convegno promosso a Roma, appunto, sui trent'anni dalla legge sui contratti agrari.
          "Il bilancio della legge -ha aggiunto Politi- è stato altamente positivo. In trent'anni la legge è riuscita a garantire le esigenze di imprenditorialità degli affittuari, senza mortificare la proprietà. Non solo. La delega legislativa, conferita con l'art. 45 alle organizzazioni di categoria, si è dimostrata la chiave di volta per determinare, nel territorio, una maggior diffusione del contratto di affitto di fondi rustici. E' proprio questa funzione che ha permesso, in ogni condizione particolare, la definizione di un contratto equilibrato, rispondente alla necessità della domanda e dell'offerta".
          "Da sempre -ha rilevato ancora il presidente della Cia- abbiamo operato perché la legge 203/82 venisse applicata correttamente. Ci siamo battuti contro ogni modifica di sostanza della normativa vigente, in quanto il provvedimento si è dimostrato valido e ha dato impulso al mercato fondiario, favorendo l'imprenditorialità dei concessionari senza danneggiare i concedenti".
          "La legge sui contratti agrari, dopo la riforma agraria, ha così cambiato profondamente molte delle cose in agricoltura. Oggi -ha rimarcato Politi- vengono utilizzati oltre 12 milioni di ettari per l'attività produttiva: nel settore opera il 6 per cento della forza lavoro attiva. Con meno terra e meno addetti produciamo circa tre volte di più del passato e, in rapporto agli addetti, circa sei volte di più. Si può dire che, ora, ogni agricoltore dà da mangiare a 30 italiani".
          "Anche davanti all'attuale situazione dell'agricoltura italiana, lo strumento dell'affitto conferma, del resto, il suo valore. Le difficoltà ad allargare la maglia poderale, i valori fondiari poco compatibili con l'effettiva redditività della maggior parte delle colture agricole, gli ostacoli nell'accesso al credito, sono tutti elementi che inducono sempre più gli agricoltori professionali, già alle prese con costi pressanti, a orientarsi verso l'affitto dei terreni. Meno sicuro e più soggetto alle mutevoli condizioni di mercato, ma decisamente più flessibile rispetto all'indebitamento a cui vanno incontro gli operatori che sono in grado di ottenere mutui per l'acquisto della terra".
          A introdurre il convegno è stato Domenico Brugnoni, vicepresidente nazionale della Cia. Le relazioni sono state svolte dal prof. Corrado Giacomini, Dipartimento di Economia Sezione di Economia agroalimentare dell'Università di Roma ("Trasformazioni economiche ed evoluzioni delle politiche agrarie. Conseguenze sui rapporti e contratti agrari"), dal dott. Andrea Povellato, Inea ("La mobilità fondiaria per lo sviluppo dell'impresa"), e dall'avv. Paolo Bendinelli ("Trent'anni di contratti agrari con la legge 203/82"). Nel corso dei lavori c'è stata una significativa testimonianza "Da mezzadro a imprenditore agricolo", attraverso la quale si è inquadrata la positività della legge

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI