Cerca nel blog

mercoledì 18 settembre 2013

GREENPEACE: A MILANO MODA DONNA SFILA IL FLOP DELLA SOSTENIBILITÀ DELLA MODA ITALIANA

GREENPEACE: A MILANO MODA DONNA SFILA IL FLOP DELLA SOSTENIBILITÀ DELLA MODA ITALIANA


MILANO, 18.09.13 – A poche ore dall'inizio della grande kermesse milanese "Milano Moda Donna" Greenpeace fa un primo bilancio della campagna www.thefashionduel.com che sfida 15 case d'alta moda a eliminare la deforestazione e le sostanze tossiche dalle proprie filiere. Valentino Fashion Group si conferma unico marchio ad avere accettato la sfida impegnandosi con i propri consumatori, mentre due grandi brand dello stile italiano – che negli ultimi mesi hanno avviato un confronto apparentemente costruttivo con Greenpeace – hanno mancato l'obiettivo non prendendo un impegno pubblico per l'eliminazione delle sostanze tossiche dai propri prodotti: Armani e Gucci.

"Dietro al glamour e alla bellezza che vedremo sfilare nei prossimi giorni in passerella c'è un mondo che l'industria della moda ci vuole nascondere. È un mondo pieno di materie prime pericolose, che sta lentamente contaminando i nostri fiumi e distruggendo gli ultimi polmoni del pianeta" - avverte Chiara Campione, Project Leader di #thefashionduel.

La sfida di Greenpeace all'alta moda - lanciata a febbraio di quest'anno con un guanto di sfida simbolo della campagna e l'invio di un questionario su tre importanti segmenti delle filiere produttive di questi grandi nomi: la pelle, la carta per il packaging e l'utilizzo di sostanze chimiche - chiede a 11 case italiane e 4 francesi di ripulire le proprie produzioni da deforestazione e sostanze tossiche. La valutazione dei questionari e gli impegni formali presi sino ad ora dalle aziende hanno consentito a Greenpeace di stilare una classifica che vede in testa Valentino Fashion Group.

Delusione quindi per Armani e Gucci che perdono l'occasione di poter salire sul podio della moda verde. Nessun ulteriore impegno da Ermenegildo Zegna, Versace e Ferragamo. Mentre altre aziende come Prada, Dolce e Gabbana, Alberta Ferretti, Trussardi e Roberto Cavalli continuano a rifiutarsi anche solo di rispondere a una richiesta di trasparenza da parte di Greenpeace, rimanendo così in fondo alla classifica.

" Con #thefashionduel abbiamo voluto sfidare l'alta moda sul campo di battaglia dello stile, dell'etica e del rispetto della vera bellezza: le ultime foreste e le risorse idriche globali – continua Campione –. Ad eccezione di Valentino Fashion Group che in questi mesi ha intrapreso le prime azioni pubbliche e concrete per eliminare le sostanze tossiche e la deforestazione dai nostri vestiti, il settore della moda ha fallito."

Mentre queste case di moda fanno risplendere le loro ultime collezioni sulle passerelle milanesi Greenpeace è sul campo a documentare gli effetti delle loro irresponsabili politiche produttive. "Alle aziende dell'alta moda abbiamo dato un anno di tempo per accettare la sfida e collaborare insieme a Greenpeace e alle comunità locali per invertire la rotta della distruzione e della contaminazione. Il termine scade a Febbraio del 2014. Non c'è tempo da perdere" - conclude Campione.

La classifica della campagna "The Fashion Duel" è consultabile al seguente link: http://it.thefashionduel.com/classifica/

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI