Cerca nel blog

giovedì 14 novembre 2013

Legambiente: “No a nuovi rincari sul TPL. Dalla Regione Piemonte una politica folle e dannosa per l’ambiente e le tasche dei cittadini”


Legambiente sull'aumento delle tariffe del trasporto pubblico previsto dalla Regione Piemonte

 

 "No a nuovi rincari sul TPL. Dalla Regione una politica folle e dannosa per l'ambiente e le tasche dei cittadini"

 

 

"Ci uniamo all'Anci e all'Uncem nel ribadire la nostra contrarietà ai nuovi rincari sul trasporto pubblico previsti dalla Regione Piemonte –dichiara Fabio Dovana, presidente di Legambiente Piemonte e Valle d'Aosta-. Ormai è chiara la folle politica messa in atto dalla Regione: aumentare il prezzo dei biglietti e ridurre il servizio offerto. Tutto ciò nonostante in Piemonte il numero dei pendolari sia in costante aumento. E' dunque assurdo in questo contesto che si prevedano nuovi rincari a fronte delle numerose soppressioni di corse e di intere linee. Aumentare oggi le tariffe disincentiverebbe l'uso dei mezzi pubblici a discapito dell'ambiente e delle tasche dei cittadini".

 

Tra il 2009 e il 2011 il numero dei pendolari è cresciuto del 13%, mentre il servizio offerto è diminuito di un 5% nel 2011 e di un ulteriore 5% nel 2012. Le tariffe sono invece aumentate del 10% nel 2011 e del 12% nel 2012.

 

"Questo è invece il momento storico per mettere in campo tutte le misure possibili, a partire da politiche di incentivo del trasporto pubblico, per convincere i piemontesi a ridurre drasticamente gli spostamenti in automobile –dichiara Federico Vozza, vicepresidente di Legambiente Piemonte e Valle d'Aosta-. Il perdurare del problema smog nella nostra regione è principalmente dovuto ad un parco auto che non ha eguali in Italia e in Europa: 624 auto agni mille abitanti rispetto, ad esempio, alle 586 della vicina Lombardia, alle 450 dell'Olanda e alle 480 della Francia".

 

 

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI