Cerca nel blog

giovedì 7 novembre 2013

WWF: LE AREE PROTETTE EUROPEE DEVONO DIVENTARE RISORSE IMPORTANTI PER IL RILANCIO ANCHE ECONOMICO

PRESENTATI I FONDI COMUNITARI 2014 – 2020 PER LA BIODIVERSITÀ TUTELATA DALLA RETE NATURA 2000

 

In Italia serve un salto di qualità nell'approccio alla gestione di Natura 2000, le aree protette speciali tutelate a livello europeo che costituiscono una risorsa importante per il rilancio anche economico del nostro Paese e dell'Unione Europea, utilizzando le nuove opportunità di finanziamento per la tutela della biodiversità europea presentate al workshop dedicato alla rete Natura 2000 che si è tenuto oggi a Roma organizzato dal WWF Italia in collaborazione  con la Direzione Protezione della Natura del Ministero dell'Ambiente della Tutela del Territorio e del Mare. Il workshop è stato un  momento di confronto di idee ed occasione di dibattito tra i diversi soggetti istituzionali che dovranno definire nelle prossime settimane la nuova programmazione dei fondi comunitari 2014-2020.

 

Il bilancio della UE impegnerà nei prossimi anni  960 miliardi di euro (erano  994 miliardi nel 2007 – 2013) e per l'Italia sono previsti complessivamente 78,6 miliardi di Euro (- 5,9% rispetto al periodo 2007 – 2013) che rappresentano le uniche reali risorse per gli investimenti indispensabili per la ripresa economica del nostro Paese (a queste risorse si aggiunge la quota di cofinanziamento nazionale attraverso il fondo di rotazione che per il nuovo periodo di programmazione sarà unico per tutti i fondi e ripartito per il 70% sul bilancio dello Stato e il 30% sui bilanci delle Regioni).

L'agricoltura ha senza dubbio un ruolo importante, non solo per le relazioni dirette tra pratiche agricole e conservazione della biodiversità ma anche per il peso economico che la Politica Agricola Comune continua ad avere sul bilancio europeo. In Europa oltre il 50% delle specie selvatiche considerate a rischio di estinzione dipendono dal mantenimento delle pratiche agricole tradizionali.

 

La PAC dell'Europa con 2 8 Stati membri impegna 363 miliardi di Euro, per l'Italia si tratta complessivamente di 36,6 miliardi di euro (tra primo e secondo pilastro).

Se una piccola percentuale di queste risorse fosse destinata alla gestione della rete Natura 2000 si potrebbe assicurare con la necessaria efficacia la conservazione del patrimonio naturale del nostro Paese riconosciuto d'interesse europeo e creare importanti opportunità di nuova occupazione, in particolare per i giovani, e sviluppo di nuove imprese di servizi ambientali e turistici ed aziende agricole multifunzionali per una valorizzazione sostenibile della biodiversità.

 

Natura 2000 è il principale strumento per la conservazione della Natura dell'Unione Europea, in attuazione della Strategia 2020 per la biodiversità e per il rispetto degli impegni che l'Europa ha assunto a livello internazionale per raggiungere gli obiettivi 2020 della Convenzione Internazionale sulla Diversità Biologica.

In Italia la rete Natura 2000 si sta concretizzando però con lentezza e con troppe contraddizioni. Sulla carta abbiamo una rete Natura 2000 che copre circa il 19% del territorio nazionale e dovrebbe garantire la tutela anche di specie importanti come l'orso bruno, il lupo, il pelobate fosco, il nibbio reale, l'aquila del Bonelli, il capovaccaio, il camoscio appenninico e tante altre ancora. Nella pratica quotidiana si continua ad assistere, con un drammatico senso d'impotenza, alla distruzione degli habitat (in particolare le zone umide ed i fiumi) ed alla continua uccisione della nostra fauna come l'ultima e unica popolazione di orso bruno marsicano. Le Zone di Protezione Speciale e i Siti di Importanza Comunitaria sono infatti per l'Italia aree naturali protette ma non ritenute tali per la Legge quadro di riferimento.

 

"In Italia serve un salto di qualità nell'approccio alla gestione di Natura 2000, aree protette speciali che costituiscono una risorsa importante per il rilancio anche economico del nostro Paese e dell'Unione Europea.

L'auspicio è che i temi trattati in questo Workshop trovino spazio adeguato anche nel dibattito che animerà i lavori della Conferenza Nazionale dedicata proprio alla "Natura dell'Italia" del 11 e 12 dicembre, sede ideale per annunciare da parte del Governo anche l'adozione di un Programma Operativo Nazionale nel quale la conservazione della biodiversità dovrà avere la giusta rilevanza all'altezza delle sfide globali, europee e nazionali che dobbiamo affrontare" Ha dichiarato Dante Caserta Presidente WWF Italia.

 

Natura 2000 è la rete ecologica europea delle aree protette, creata con l'obiettivo di mantenere e ripristinare gli habitat e le specie di grande valore per l'Europa.

La direttiva Habitat attribuisce agli Stati Membri della UE la responsabilità per la gestione della rete Natura 2000 in modo che gli habitat protetti e le specie di interesse comunitario raggiungano uno stato di conservazione favorevole. L'attuazione delle misure di gestione necessarie per raggiungere questi obiettivi deve avvenire attraverso l'utilizzo dei vari strumenti di finanziamento comunitari e nazionali. Numerose opportunità di finanziamento per Natura 2000 erano già disponibili  nei precedenti periodi di programmazione, elencati nel "Manuale Guida al Finanziamento di Natura 2000" (CE 2007), che è stato ampiamente utilizzato in tutta l'Unione Europea. 

 

Discutere le modalità per assicurare la necessaria coerenza tra l'accordo di partenariato ed i programmi operativi regionali con gli obiettivi prioritari indicati dall'Unione Europea può essere utile in questo momento per stabilire priorità chiare, misure di gestione, individuare le azioni necessarie e definire le esigenze di finanziamento di Natura 2000.

In questo contesto, il progetto della Commissione europea "Rafforzare l'utilizzo dei fondi UE per Natura 2000" (ENV.B.3/SE/2012/0020)", di cui il workshop organizzato a Roma è parte integrante, mira a garantire una migliore comprensione delle opportunità di finanziamento.

 

I partecipanti hanno potuto avanzare  suggerimenti e proposte per un migliore utilizzo dei fondi comunitari per la gestione di Natura 2000 in questa fase di programmazione aperta a livello nazionale e regionale, in considerazione anche alle esperienze positive e negative realizzate nella passata programmazione dei fondi UE 2007 – 2013.

 

Il workshop è organizzato nell'ambito del progetto "Rafforzare l'utilizzo dei fondi comunitari per Natura 2000 (ENV.B.3/SER/2012/0020)", realizzato dal WWF Germania e dall'Ufficio Politiche Europee del WWF Internazionale in collaborazione   con l'Institute for European Environmental Policy (IEEP) ed il contributo della Commissione Europea. 

Il Workshop ha inoltre ottenuto il patrocinio speciale del Ministero dell'Ambiente del Territorio e del Mare quale evento verso la Conferenza Nazionale "La Natura dell'Italia. Biodiversità e aree protette: la green economy per il rilancio del paese".

 

Per approfondimenti: www.financing-natura2000.eu

 

PROGRAMMA DELLA GIORNATA http://awsassets.wwfit.panda.org/downloads/programma_workshop_7_nov_natura_2000.pdf

 

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI