Cerca nel blog

lunedì 27 gennaio 2014

VEDOGREEN: Tholos, prima ESCo certificata RINA secondo la norma UNI CEI 11352, entra nel network per la finanza e le aziende green


VEDOGREEN: Tholos, prima ESCo certificata RINA secondo la norma UNI CEI 11352, entra nel network per la finanza e le aziende green

 

·         Fondata nel 2005 da Guerino Loi e Antonio Patteri, Tholos è tra i primi 10 operatori del settore e leader per numero di progetti di efficienza energetica all'attivo (oltre 700 fra standardizzati, analitici e a consuntivo)

·         Nel 2012 ricavi pari a € 11 mln (€ 2,3 mln nel 2011) ed EBITDA margin del 13%; 256 clienti complessivi, controvalore dei TEE in portafoglio pari a € 3,0 mln

·         La Società si è evoluta da operatore qualificato nella certificazione dei risparmi energetici a finanziatore degli interventi stessi attraverso l'attività di FTT

·         € 60 mld gli investimenti previsti dalla SEN entro il 2020 nella "White Economy" legata al mercato dell'efficienza energetica

 

Milano, 27 gennaio 2014

 

Tholos, prima società di servizi energetici (ESCo) certificata RINA secondo la norma UNI CEI 11352, entra nel network VedoGreen, la società del Gruppo IR Top specializzata nella finanza per le aziende green.

 

Fondata nel 2005 da Guerino Loi e Antonio Patteri, Tholos opera sul mercato sin dall'attivazione del meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE) e si colloca oggi tra i primi 10 operatori del settore con il più alto numero di progetti di efficienza energetica all'attivo (oltre 700 fra standardizzati, analitici e a consuntivo). Nel 2012 la Società si è evoluta da operatore qualificato nella certificazione dei risparmi energetici a finanziatore degli interventi stessi attraverso l'attività di Finanziamento Tramite Terzi (FTT).

 

"Il mercato dell'efficienza energetica – ha dichiarato Anna Lambiase, Amministratore Delegato di VedoGreen – ha registrato dal 2005 ad oggi una crescita esponenziale, raggiungendo nel 2012 un volume d'affari generato dal sistema italiano dei TEE pari a 650 milioni di euro, in crescita del 64% rispetto al 2011 (365 milioni di euro). Il settore presenta inoltre prospettive molto positive, rivestendo un ruolo centrale nella Strategia Energetica Nazionale che prevede investimenti pari a 60 miliardi di euro entro il 2020. Accogliamo pertanto con soddisfazione nel nostro network finanza-impresa Tholos, che si contraddistingue per lo sviluppo di soluzioni all'avanguardia in un settore di forte interesse per gli investitori nazionali e internazionali che costantemente monitoriamo in VedoGreen."

 

"Siamo molto contenti - ha dichiarato Guerino Loi, Amministratore Delegato di Tholos - di entrare nel Network di VedoGreen, contiamo di valorizzare e rafforzare la nostra presenza nei mercati e di fare la nostra parte nel contribuire alla diffusione dell'efficienza energetica soprattutto nel settore industriale."

 

Tholos ha registrato nel 2012 ricavi pari a 10,6 milioni di euro (+316% rispetto a 2,3 milioni di euro nel 2011) e un EBITDA pari a 1,4 milioni di euro (EBITDA margin 13%), in crescita del 374% rispetto a 0,3 milioni di euro nel 2011. Il controvalore economico dei TEE in portafoglio è pari a 3,0 milioni di euro, +366% rispetto a 0,6 milioni di euro nel 2011. La società ha acquisito 153 nuovi clienti e gestito un portafoglio complessivo di 256 clienti (tra cui S.E.A. Energia, Bosch, Viessmann, Elbi International, Carlsberg, Cordivari) per oltre 130.000 TEE generati.

 

Tholos nasce come ESCo specializzata nell'Origination e nel Trading dei TEE e si concentra sull'attività di supporto alle aziende che adottano soluzioni tecnologiche che comportano un risparmio di energia nella gestione dei loro impianti produttivi. Negli anni il target è passato dalle PMI alle grandi realtà industriali con processi produttivi caratterizzati da elevati consumi di energia termica e ampi margini di efficienza nell'utilizzo della stessa; oggi è attiva su tutto il territorio nazionale con focus nei settori chimico, siderurgico, cartario, calce e cemento, industriale in generale e agroalimentare.

 

Tholos ha maturato significative esperienze nei più diversi settori tecnologici e una profonda conoscenza del mercato e degli operatori, nonché dei diversi produttori di tecnologie efficienti divenuti nel corso del tempo suoi partner stabili (tra cui Viessmann, Ferroli, Brofind).

 

Il modello di business si articola in 4 attività: i) Proposal: a seguito di uno specifico audit, Tholos svolge un ruolo attivo nel promuovere presso il cliente interventi di efficienza energetica economicamente vantaggiosi; ii) Finanziamento Tramite Terzi: Tholos porta l'efficienza al cliente finanziando fino al 100% gli interventi; iii) Origination: uno dei maggiori punti di forza è l'elevata competenza nell'ottenimento dei TEE; iv) Portfolio Management: Tholos è l'unica ESCo che offre servizi di gestione portafoglio titoli avanzati; v) Customer Service: partnership di lungo periodo con i clienti e attenzione particolare alle loro specifiche esigenze. Le caratteristiche uniche e distintive del modello di business, in termini di posizionamento, formulazione di un'offerta integrata ed efficienza operativa, hanno consentito a Tholos di generare un vantaggio competitivo sostenibile rispetto alle altre ESCo presenti sul mercato.

 

Tholos ha investito fortemente nella ricerca e potenziamento del modello di business e ha sviluppato nel 2012 l'attività di Finanziamento Tramite Terzi (FTT): i primi prodotti FTT immessi sul mercato sono il F.A.R.E. (Finanziamento ad Alto Rendimento Energetico) e il F.A.R.E. Habitat, quest'ultimo ideato come soluzione specifica per il settore delle serre. Il modello FTT consentirà di creare valore al di fuori del meccanismo dei TEE,  differenziarsi dall'offerta non integrata delle ESCo Tradizionali e Generaliste ed esportare il modello di business a livello internazionale. Nei prossimi anni gli interventi su cui Tholos prevede di investire sono: fuel switching, recupero di calore, cogenerazione ad alto rendimento (CAR) e inverter applicati all'industria dell'acciaio, mineraria, farmaceutica, alimentare, della carta, del legname, chimica e agricola.

 

Le scelte strategiche di Tholos sono volte a consolidare la posizione di mercato acquisita nell'ottenimento dei TEE e servire clienti industriali di grandi dimensioni, con tipologie di interventi strutturati e performanti (anche effettuando più interventi sul medesimo soggetto).

 

La certificazione RINA secondo la norma UNI CEI 11352 attesta gli elevati standard organizzativi, diagnostici, progettuali, gestionali e la capacità economica e finanziaria che Tholos mette a disposizione dei propri clienti per il miglioramento dell'efficienza energetica con garanzia dei risultati. Tholos è inoltre certificata RINA secondo lo standard UNI EN ISO 9001.

 

Il mercato dell'efficienza energetica

 

A maggio 2012 risultano accreditate presso l'AEEG 2.173 ESCo. Le ESCo realmente attive, cioè quelle con almeno 1 progetto di efficienza energetica registrato, sono 329 (16%)[1]: alcune di esse sono legate a "specifici" Soggetti Obbligati e/o a grosse realtà industriali per le quali lavorano con un accordo di reciproca esclusiva. Solo 12 delle 329 ESCo attive hanno presentato più di 15 proposte di progetto (PPPM) in ambito industriale e con rendicontazione a consuntivo: Tholos è tra le 12 ESCo attive e ha presentato il più alto numero di progetti, posizionandosi tra i primari soggetti del meccanismo dei TEE.

 

La Strategia Energetica Nazionale (SEN) indica che entro il 2020 verranno investiti 60 miliardi di euro nella "White Economy", legata al mercato dell'efficienza energetica. Tale cifra rappresenta un terzo degli investimenti totali previsti dalla SEN, chiaro segnale della decisione, coerente con le direttive europee, di portare avanti politiche energetiche innovative orientate ai settori in cui Tholos è protagonista. L'efficienza energetica rappresenta, dunque, la priorità tra le azioni definite dalla SEN che prevede, entro il 2020, una riduzione dei consumi energetici primari del 24%. In questo contesto, la SEN punta alla crescita e alla strutturazione delle ESCo, incentivando le società che offrono servizi/prodotti evoluti e di qualità, e favorendo in particolare il ruolo attivo nella promozione e realizzazione degli interventi di efficienza energetica.

 

VedoGreen

VedoGreen è corporate finance advisor per la quotazione in Borsa (IPO) e l'apertura del capitale agli Investitori Istituzionali. Promuove la visibilità e lo sviluppo delle aziende green italiane proponendo un accesso privilegiato al mercato dei capitali e l'opportunità di entrare in contatto con un'ampia platea di investitori qualificati sensibili alle grandi potenzialità della Green Economy. Le società quotate e private hanno la possibilità di incrementare la propria visibilità beneficiando della vetrina offerta da VedoGreen per il posizionamento sul mercato, il consolidamento del brand e la comunicazione del valore aziendale anche attraverso Investor Day tematici.

 

Tra le aziende quotate in Borsa Italiana che hanno aderito al network VedoGreen: TerniEnergia, True Energy Wind, GreenItaly1, Kinexia, Enertronica, Sacom, Innovatec, Biancamano. Tra le aziende non quotate del network VedoGreen: Beta Renewables (JV del Gruppo Mossi & Ghisolfi attiva nel settore della chimica verde), Plastica Alfa (leader nei sistemi integrati per la gestione efficiente dei consumi idrici ed energetici), Electra Italia (utility del Gruppo BKW Energie SA), Waste Italia, Italeaf (startupper company per le aziende green), Lucos Alternative Energies (efficienza energetica).

 

 

www.vedogreen.it

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI