Cerca nel blog

venerdì 23 maggio 2014

Il "modello Capannori" diventa una prassi di riferimento per le altre amministrazioni pubbliche

Del Ghingaro: "Ben volentieri mettiamo a disposizione di altri enti la nostra esperienza nella gestione delle politiche ambientali e di partecipazione"

IL 'MODELLO CAPANNORI' DIVENTA UNA 'PRASSI DI RIFERIMENTO' PER LE ALTRE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

Le buone pratiche raccolte in un documento pubblicato da Uni, l'unico ente italiano di normazione riconosciuto dall'Unione Europea

Capannori fa scuola per la buona amministrazione praticata negli ultimi dieci anni.


Le buone pratiche realizzate dall'amministrazione Del Ghingaro in campo ambientale, culturale e sociale  sono state raccolte in un documento  denominato 'Prassi di riferimento', realizzato dal Comune in collaborazione con l'Ente Nazionale Italiano di Unificazione (Uni), l'unico ente italiano di normazione riconosciuto dall'Unione Europea, da tutti i suoi Stati membri e dall'ordinamento legislativo italiano, quale unico rappresentante dell'Italia in tutte le attività normative.

Pubblicato sulla home page del sito internet di Uni www.uni.com e quindi consultabile da parte di tutti, il documento che vede anche la collaborazione dello 'Studio Sgrò' si intitola 'Governance di un Ente Locale attraverso il coinvolgimento della Comunità' ed è un importante strumento con cui  si vuole trasmettere e condividere l'esperienza  dell'ente, delineando delle linee guida che traducano in termini generali e sistematici il processo, le azioni e gli strumenti che hanno portato a quello che è stato definito da più parti come il "Modello Capannori".

"Premesso che c'è ancora tanto da fare e che questa è solo una tappa, per quanto importante, del percorso 'Rifiuti Zero' - spiega il sindaco, Giorgio Del Ghingaro - abbiamo voluto realizzare questo progetto  anche per rispondere alle numerose richieste di informazioni sulle buone prassi adottate dal nostro Comune, che quasi ogni giorno giungono da amministratori, associazioni e gruppi di cittadini, che considerano Capannori un 'modello' da seguire per migliorare le politiche ambientali, dar vita ad uno sviluppo sostenibile del territorio e rendere protagonista  la comunità. E' per noi un piacere, oltre che motivo di orgoglio, poter mettere a disposizione di  altre amministrazioni pubbliche, associazioni e cittadini, l'esperienza da noi maturata nella gestione delle politiche ambientali e nell'ambito della partecipazione dei cittadini alle scelte dell'ente. Due settori strategici per i quali abbiamo ottenuto ottimi risultati, grazie all'imprenscindibile e straordinario apporto dato dalla comunità. E' una soddisfazione poter condividere le nostre eccellenze e l'introduzione di nuovi metodi di  governo locale e contribuire così alla crescita di un know how comune a livello nazionale, che faccia circolare la cultura dell'innovazione di cui c'è molto bisogno nel nostro Paese".

La prassi di riferimento racconta i progetti e le esperienze pratiche messe in atto a Capannori: dalla raccolta dei rifiuti 'porta a porta' e  alla strategia Rifiuti Zero, alle politiche per la partecipazione  con il progetto 'Dire, fare partecipare', dal 'Patto per la Scuola' che ha dato vita ad un sistema  integrato per l'istruzione, all' l'istituzione dei Punti Insieme che ha unificato l'acceso ai servizi sociali e socio sanitari.

Il documento, che ha un carattere para normativo, valorizza le esperienze fatte rendendole maggiormente visibili e oggettivamente esportabili ed adottabili da altri enti locali, ponendo particolare attenzione agli strumenti che hanno consentito di valorizzare un territorio attraverso modalità di coinvolgimento della comunità e dei cittadini e di networking tra diversi soggetti.

Vengono infatti specificate le modalità di attuazione di scelte sostenibili, attraverso la capacità di fare rete, informare, comunicare e rendere conto, fornendo esempi pratici in relazione alle tematiche ambientali, sociali e di partecipazione.

Il documento è ora  nella fase di consultazione pubblica, che si concluderà il prossimo 19  giugno al fine di raccogliere osservazioni. (per consultare la prassi di riferimento e fare osservazioni www.uni.com).

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI