Cerca nel blog

venerdì 12 settembre 2014

Assemblea Nazionale Programmatica sulla Responsabilità Estesa del Produttore


Verso gli Stati Generali della Green Economy
Assemblea Nazionale Programmatica
sulla Responsabilità Estesa del Produttore


Martedì 16 settembre 2014 – ore 9:30
Sede ENEA – Via Giulio Romano 41 – Roma


La responsabilità estesa del produttore in tutti i paesi europei ha rappresentato e continua a rappresentare uno strumento economico di forte stimolo per la corretta gestione dei rifiuti, per la crescita del settore del recupero e, quindi, di un comparto strategico della green economy. Alla luce del processo di revisione dell'assetto normativo europeo, l'Italia è chiamata a rispondere ad alcune domande: l'EPR (Extended Producer Responsibility) è uno strumento idoneo al perseguimento dei nuovi target europei di riciclo al 2020? Se sì, qual è la via per assicurare che si applichi a tutti i produttori dei rifiuti in modo che la corretta gestione di questi ultimi non sia un costo per la società? Nel 2020 occorre raggiungere il 50% di riciclo complessivo di carta, plastiche, metalli, vetro, legno e della frazione biodegradabile presenti nel rifiuto domestico. L'attuale contesto consentirà di raggiungere i nuovi obiettivi? Se sì, qual è la direzione da seguire? Nel 2020 siamo chiamati a raggiungere il 70% di riciclo dei rifiuti da costruzione demolizione, ma in capo a chi è posto l'EPR e chi è chiamato a rispondere del mancato raggiungimento di tale obiettivo? Entro il 2018 occorre ridurre il conferimento del rifiuto biodegradabile a smaltimentofinale. È ipotizzabile l'applicazione di uno schema di responsabilità estesa del produttore? Se sì quali gli attori chiamati a rispondere a tale obbligo? La gestione efficiente del rifiuto è la via per renderne sostenibili i costi e per rendere meno onerosa la responsabilità estesa del rifiuto: quali sono le politiche di intervento idonee e rendere più efficiente il sistema di gestione dei rifiuti? E quale deve essere il ruolo del pubblico? E quello dei Consorzi? L'EPR è uno strumento economico in grado di agire anche sulla prevenzione nella produzione di beni/prodotti sempre più riciclabili, nellaproduzione dei rifiuti, e sulla minimizzazione della pericolosità degli stessi?


Questi e tanti altri i quesiti alla base della discussione tra gli esperti che prenderanno parte all'Assemblea Nazionale Programmatica sulla Responsabilità Estesa del Produttore.

Dopo i saluti di benvenuto di Roberto Morabito, Responsabile Unità Tecnica Tecnologie Ambientali, ENEA, Walter Facciotto, Coordinatore Gruppo di lavoro2 "Sviluppo dell'ecoefficienza, della rinnovabilità dei materiali e del riciclo dei rifiuti" del Consiglio Nazionale della Green Economy coordinerà la discussione su Inquadramentogenerale e contesto europeo a cui parteciperanno Maurizio Pernice,Direttore Generale Ministero dell'Ambiente, Joachim Quoden, Managing Director, EXPRA, e Paola Ficco, Giurista Ambientale.

Per la parte relativa a Il contesto italiano interverranno Fabrizio D'Amico, Presidente CDC RAEE, Anna Claudia Servillo, Presidente delComitato di vigilanza e controllo, dell'Accordo di programma sui veicoli fuori uso presso il MATTM, Giovanni Corbetta, Direttore Generale ECOPNEUS, Tommaso Campanile, Presidente CONOE, Marcello Cruciani, Direttore, Direzione Legislazione Mercato Privato, ANCE, Valentina Lugano, Responsabile Gestione Ambientale, Curti S.r.l., e Riccardo Giordano, Environmental Manager Italy, IKEA Italia Retail S.r.l.

Dopo le conclusioni, affidate a Edo Ronchi, Presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, si aprirà il dibattito lasciando ampio spazio agli interventi dei presenti in sala.

Per maggiori informazioni sugli Stati Generali della Green Economy: www.statigenerali.org

Roma, 12 settembre 2014

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI