Cerca nel blog

giovedì 25 settembre 2014

Tonno in scatola: Greenpeace pubblica la nuova classifica delle prime dieci marche in base alle loro prestazioni ambientali

Il risultato? Solo due ottengono la media.

Cartellino rosso per la maggior parte dei produttori di tonno in scatola in base all'ultima indagine di Greenpeace sulla filiera francese. Dopo Italia la "classifica rompiscatole" di Greenpeace sulla sostenibilità delle scatolette di tonno arriva anche in Francia, dove "molti dei produttori più importanti sono compagnie note anche sul nostro mercato". Al di là delle etichette, Greenpeace ha inviato un questionario alle più grandi marche di tonno del mercato, con un peso delle vendite di circa il 75%. Le domande sono concentrati su diverse questioni: che specie di tonno sono stati catturati? 

Con quali tecniche? L'impegno contro la pesca illegale? ecc... In totale, la stragrande maggioranza di tonno in scatola venduto in Francia proviene da attività di pesca non sostenibili o perché specie sovrasfruttate o a causa di tecniche di pesca distruttive.Delle nove società che hanno risposto, Greenpeace premia i marchi Eckmühl e Système U che forniscono tutte le informazioni in etichetta e offrono il prodotto più sostenibile. Questi due marchi sono forniti principalmente o totalmente di tonno pescato con il metodo selettivo, canna o troll, e usano il tonno dalle scorte in buone condizioni, come il tonnetto striato. Agli ultimi posti della classifica francese, afferma Greenpeace, "Petit Navire, marchio del colosso Mwb", che in Italia possiede il marchio Mareblu. Mentre in Italia e nel Regno Unito si era impegnato ad avere entro il 2016 nel 100% dei propri prodotti tonno sostenibile, in Francia non vi è ombra di tale impegno, e alcune delle flotte da cui arriva il tonno sono state coinvolte in episodi di pesca illegale". 

Secondo Greenpeace "non brilla neanche Bolton Alimentari, colosso italiano del tonno in scatola, proprietario del marchio Riomare" che in Francia "non ha rispettato l'impegno di avere entro il 2013 solo tonno sostenibile nel 45% dei propri prodotti" e quindi il suo marchio Saupiquet "scende nella classifica francese al settimo posto".Mentre il tonno è una delle specie più pescate in tutto il mondo, questo produzione è una forma di pesca industriale che massimizza catture di tonno adulto e soprattutto genera un sacco di catture (piccoli tonni, squali, razze, tartarughe, ecc) inutili. Sulle specie di tonni catturati, "tonno pinna gialla in Atlantico, lo stock è sovrasfruttato, è ampiamente usato in lattine vendute in Francia. Il gruppo Leclerc, 10 ° marchio coinvolto in questa indagine, non ha dato una risposta.

La grande distribuzione, che sul mercato inglese è stata la prima a offrire prodotti sostenibili, in Italia fa pochi passi avanti. Per esempio in Italia "solo il 6% dei prodotti Riomare trovati nei nostri supermercati è risultato con tonno pescato a canna. Carrefour e Conad non hanno ancora adottato precisi criteri di sostenibilità nella scelta del tonno e le loro scatolette sono tra le meno trasparenti. Le decisioni delle aziende possono davvero trasformare il mercato. È necessario impegnarsi a vendere solo tonno pescato in modo sostenibile, favorire il recupero degli stock evitando quelli a rischio e incentivare una migliore gestione della pesca. Alcuni marchi hanno dimostrato che cambiare è possibile.


Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI