Cerca nel blog

giovedì 2 ottobre 2014

Duomo di Bolzano: riscaldamento ad energia pulita grazie a KWB Italia


Ecologicamente sostenibile ed economicamente competitivo: sono queste le caratteristiche dell'innovativo sistema di riscaldamento a pellet di KWB installato per riscaldare il Duomo di Bolzano e il centro parrocchiale. La nuova caldaia garantisce, infatti, una riduzione delle emissioni di CO2 di oltre 200 tonnellate e un notevole risparmio in termini di costi annuali per il riscaldamento, senza alcun investimento iniziale.

I combustibili fossili sono da diversi anni al centro del dibattito pubblico, soprattutto a causa dei cambiamenti climatici in corso, della mancanza di materie prime e dell'incremento dei prezzi. Per la politica energetica di diversi Paesi è diventato quindi prioritario individuare nuove fonti di energia rinnovabili, che consentano di ridurre la dipendenza da petrolio e gas. Un esempio di fonte energetica dalle grandi potenzialità è rappresentato dai pellet di legno, utilizzati anche per il riscaldamento del Duomo di Bolzano e della sala parrocchiale adiacente. "Le due caldaie a gas preesistenti sono state sostituite con una caldaia a pellet KWB Powefire con una potenza nominale pari a 300 kW, in grado di coprire il fabbisogno termico base", ha evidenziato Horst Stuffer, amministratore delegato di KWB Italia, una società affiliata di KWB GmbH, azienda austriaca leader nel settore delle caldaie a biomassa. Per lo stoccaggio dei pellet è stato interrato un serbatoio con un volume di stoccaggio pari a 40 m³, accanto alla centrale termica del duomo. "Il riscaldamento uniforme di un edificio come il Duomo di Bolzano comporta normalmente diverse sfide. Con il nuovo impianto a pellet, però, il riscaldamento funziona in maniera ottimale".

Grazie al Servizio Energia dell'azienda Eneralp di Bolzano non è stato necessario alcun investimento iniziale. Si tratta, infatti, di una tipologia contrattuale che vincola il cliente per 15 anni ma non prevede alcun costo per l'installazione, manutenzione ed assistenza tecnica dell'impianto. Eneralp, inoltre, organizza ed effettua periodicamente la consegna della fornitura di pellet.

Ma non finisce qui: "Questo sistema di riscaldamento assicura ogni anno una riduzione delle emissioni di CO2 pari a 211 tonnellate per il riscaldamento del Duomo e del centro parrocchiale", ha sottolineato Stuffer. "Possiamo quindi dire che il sistema di riscaldamento a pellet rappresenta una soluzione estremamente valida dal punto di vista ambientale e soprattutto socialmente accettabile". La nuova caldaia consente inoltre un'importante riduzione in termini economici: "Il sistema garantisce, infatti, un significativo abbassamento dei costi per il riscaldamento, rispetto all'utilizzo di combustibili fossili come il petrolio".

Informazioni generali:
KWB Italia, con sede a Bolzano, è una società affiliata di KWB GmbH che oggi conta 400 dipendenti e un fatturato di oltre 74 milioni di euro (dato aggiornato al 31/12/2013). KWB GmbH, con sede a St. Margarethen in Stiria (Austria), è un'azienda leader nel settore delle caldaie a biomassa. Si occupa della consulenza, progettazione, vendita e installazione di caldaie alimentate con legna spaccata, pellet e cippato di potenza compresa tra gli 8 e i 300 kW. In 20 anni di attività, KWB ha equipaggiato oltre 60.000 clienti in Europa, Canada e Cile con caldaie a biomassa. È presente in 14 Paesi, con 4 filiali in Germania, Italia, Slovenia e Francia. L'azienda è costantemente impegnata nella progettazione di soluzioni innovative per il riscaldamento a biomassa: vanta il più grande e moderno centro privato di ricerca e innovazione sulla biomassa in Europa ed investe annualmente fino al 10% del proprio fatturato in ricerca e sviluppo.

FOTO: Il Duomo di Bolzano con riscaldamento ad energia pulita grazie a KWB Italia
              Installazione della caldaia a Pellet KWB Powerfire TDS 300 kW

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI