Cerca nel blog

martedì 14 ottobre 2014

Monte Rosa sotto minaccia. Le associazioni ambientaliste si mobilitano


 

 

Monte Rosa sotto minaccia

Le associazioni ambientaliste si mobilitano

 

 

In merito al progetto di collegamento funiviario tra la Val d'Ayas e la Valtournenche attraverso il Vallone delle Cime Bianche, le Associazioni ambientaliste AGRAP; CAI Piemonte; CITAM Piemonte Valle d'Aosta; Italia Nostra Piemonte e Valle d'Aosta; Le Ciaspole; Legambiente Piemonte e Valle d'Aosta; Mountain Wilderness Piemonte e Valle d'Aosta; Pro Natura Piemonte; WWF Piemonte e Valle d'Aosta; Giovane Montagna sezione di Pinerolo, riunite nel coordinamento "Noi nelle Alpi", esprimono la più ferma contrarietà al progetto, che distruggerebbe l'ultimo lembo non compromesso del versante sud del Monte Rosa.

 

Lo studio di fattibilità deve ancora essere reso pubblico, ma riteniamo che quanto già si conosce sia sufficiente ad esprimere una posizione nettamente critica. Una funivia ad elevata portata, divisa in due tratte, dovrebbe trasportare centinaia di sciatori fino al Colle Superiore delle Cime Bianche, attraverso il vallone di Courthod.

Non ci convince la tesi secondo la quale la tipologia impiantistica scelta permetterebbe di contenere l'impatto ambientale perché richiederebbe un numero ridotto di piloni. Qualunque intervento pesante in un'area incontaminata la compromette irrimediabilmente. La portata oraria ipotizzata, poi, presuppone una robusta infrastrutturazione di tutta l'area a valle dell'impianto, con la necessaria costruzione di parcheggi, aree per l'accoglienza dei turisti, ecc. L'intera zona di Saint Jacques in comune di Ayas sarebbe oggetto di interventi tutt'altro che trascurabili.

E tutto questo in nome di una tipologia di sviluppo turistico invernale (la monocultura dello sci alpino) che già da anni mostra la corda sull'intero arco alpino, e in Valle d'Aosta in particolare.

Lo dimostrano le croniche difficoltà in cui versano le società funiviarie valdostane, che devono periodicamente cambiare assetto, accorpandosi tra loro per sopravvivere, o ricorrere al generoso aiuto della Regione. E nelle settimane scorse proprio Monterosa Ski, una delle due società interessate al progetto, ha dovuto essere sovvenzionata per ripianare il cospicuo debito accumulato (circa due milioni e mezzo di euro) e avere fondi a disposizione per l'onerosa gestione degli impianti esistenti.

 

Noi siamo convinti che la montagna debba vivere e anche modernizzarsi e che per lo sci alpino siano sufficienti gli impianti attualmente esistenti. Ma crediamo che esistano altre vie per lo sviluppo futuro delle terre alte: vie che passano attraverso la valorizzazione del territorio nelle sue specificità naturalistiche, storiche, geologiche... Il turismo deve offrire la bellezza della montagna senza snaturarla, ampliando la propria offerta di attività dolci, sia invernali (ciaspole, sci di fondo, sci alpinismo) che estive (escursionismo, alpinismo, ma anche semplici passeggiate per tutti), ed essere in grado di far apprezzare anche la storia dei luoghi che si visitano.

Su questa base vogliamo lavorare, nei prossimi mesi, ad un progetto alternativo per lo sviluppo della Val d'Ayas. Lo vogliamo costruire e condividere con chiunque, come noi, ha a cuore la sorte di una delle ultime valli intonse ai piedi del Monte Rosa.

 

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI