Cerca nel blog

giovedì 6 novembre 2014

La strada della nuova occupazione passa per la green economy_Stati Generali della Green Economy a Ecomondo

Più di 460.000 nuovi posti di lavoro da un programma di rafforzamento dell'efficienza energetica; 30.000 da una gestione più efficiente della raccolta differenziata; 190.000 nel solo 2013 per la realizzazione e gestione di impianti di fonti rinnovabili; migliaia nelle 49.709 aziende bio italiane e in un'attività che deve prendere ancora i via, il decommissioning delle centrali nucleari.

La green economy dà così una risposta alla disoccupazione e sopratutto a quella giovanile che in Italia è arrivata a più del 41%. Il tema del lavoro, con il Ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, è stato affrontato nella seconda giornata degli Stati Generali della Green Economy 2014, in corso a Rimini all'interno di Ecomondo-Key Energy-Cooperambiente, promossi dal Ministero dell'Ambiente e dal Consiglio Nazionale della Green Economy, formato da 67 organizzazioni di imprese green, con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Nell'occasione è stata anche data voce alle aziende più innovative, che riescono a tutelare l'ambiente e a essere competitive sui mercati.

"Le imprese della green economy - ha detto il Ministro del Lavoro, Giuliano Poletti - sono imprese nuove che creano nuovi posti di lavoro. Dobbiamo aiutare queste realtà con regole semplici, certe, che durino nel tempo".

"In Italia - ha dichiarato Edo Ronchi, Presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile - le imprese della green economy, sia core green, cioè quelle che producono beni e servizi ambientali, sia go green, che adottano cioè modelli di business ambientale, hanno un peso rilevante spesso sottovalutato. Il loro sviluppo può trainare la ripresa economica".

Dagli Stati Generali della Green Economy viene anche una proposta per far fronte alla disoccupazione giovanile. Due le direttrici per sostenere l'occupazione: ridurre in maniera significativa per almeno tre anni il prelievo fiscale e contributivo per l'impiego dei giovani e il varo di un Piano Nazionale per lo sviluppo dell'occupazione giovanile. Quest'ultimo, in particolare, deve essere sostenuto da misure mirate alla formazione e qualificazione, con lo scopo di dare più forza al manifatturiero Made in Italy associato alla bellezza e alla qualità ecologica, con produzioni pulite.

Per attuare questo obiettivo sono necessarie cinque azioni: la revisione e la riallocazione in chiave di green economy e di ecoinnovazione degli incentivi distribuiti all'industria; un rafforzamento green delle principali filiere produttive (agroalimentare, energia, turismo chimica, tessile ecc); un programma di risanamento e riqualificazione ambientale degli impianti e delle produzioni ad alto impatto; il lancio di speciali iniziative nazionali di valorizzazione green del tessuto produttivo attraverso la produzione del "Made Green in Italy"; il sostegno alle start up di imprese giovanile della green economy.

Per maggiori informazioni sugli Stati Generali della Green Economy: www.statigenerali.org
Seguici su twitter: @statigreen - hashtag: #statigreen14 / facebook: Un Green New Deal per l'Italia

Rimini, 6 novembre 2014

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI