Cerca nel blog

martedì 16 dicembre 2014

Diclofenac e avvoltoi: anche Ema preoccupata. Lipu: "Al bando il farmaco, ci sono alternative"



 
LIPU
DICLOFENAC: PREOCCUPAZIONE DELL'EMA
(AGENZIA EUROPEA DEL FARMACO)
SULLA DIFFUSIONE DEL "KILLER" DI AVVOLTOI E AQUILE
Lipu: "Ora Commissione europea e Governo italiano intervengano con urgenza
 per bandire il prodotto in Europa e in Italia"

Gli avvoltoi e le aquile che vivono nell'Unione europea rischiano di morire a causa dei residui del farmaco Diclofenac presente nelle carcasse degli animali di cui si nutrono. Dopo varie denunce della Lipu-BirdLife Italia e, nei giorni scorsi, degli scienziati sulla prestigiosa rivista Science, anche l'Ema (Agenzia europea del farmaco) conferma la pericolosità e tossicità del Diclofenac per gli uccelli necrofagi come gli avvoltoi. Già responsabile di aver ridotto sull'orlo dell'estinzione alcune specie di avvoltoi in India, tanto da indurre il Governo indiano a bandirne già dal 2006 l'utilizzo a fini veterinari, il Diclofenac minaccia ora gli avvoltoi d'Europa, in quanto l'Italia (dal 2010) e la Spagna (dal 2013) l'hanno registrato e autorizzato l'utilizzo.

Secondo il Cvmp, il Comitato per i prodotti medicinali a uso veterinario che opera all'interno dell'Ema "il Diclofenac mette a rischio gli avvoltoi nell'Unione europea perché essi si alimentano delle carcasse di animali trattati con questo farmaco". Identificando quindi alcune situazioni nelle quali gli uccelli necrofagi come gli avvoltoi e le aquile possono essere esposti al rischio Diclofenac, l'Ema raccomanda alcune azioni per minimizzare, o eliminare, i rischi per gli avvoltoi, quali " aggiungere avvisi nelle informazioni allegate ai prodotti, autorizzare i soli veterinari alla somministrazione di prodotti con Diclofenac, di rafforzare i controlli, sorvegliare le carcasse all'interno dei carnai - e, inoltre - ritirare l'autorizzazione al marketing dei prodotti contenenti Diclofenac".

Il parere del prestigioso organismo è stato inviato alla Commissione europea: quest'ultima potrebbe chiedere all'Ema di revisionare l'autorizzazione e le condizioni di utilizzo del Diclofenac a uso veterinario.
Solo un mese fa l'11esima conferenza delle parti (Cop 11) della Convenzione per le specie migratrici (altrimenti detta Convenzione di Bonn) che si è svolta a Quito, in Ecuador, ha chiesto il bando del Diclofenac (oltre che del piombo dalle munizioni), un risultato straordinario che la Lipu ha sostenuto con lettere, pressioni, documenti, che ha inviato sia alle autorità italiane che alla Commissione europea.

«Il pronunciamento dell'Ema, sebbene non decisivo, è un fatto di grande importanza – dichiara Claudio Celada, Direttore Conservazione Natura Lipu-BirdLife ItaliaIl Diclofenac ha valide alternative come per esempio il Meloxicam, che è stato appurato essere innocuo per gli avvoltoi e le aquile. Chiediamo dunque alla Commissione europea e al Governo italiano di attivarsi con estrema urgenza affinché si arrivi al bando totale di questo prodotto, che rischia di sterminare gli ultimi avvoltoi europei».

Il professor Giuseppe Bogliani dell'Università di Pavia, uno degli autori di un articolo sui rischi del Diclofenac recentemente pubblicato sulla prestigiosa rivista Science, sottolinea: «L'unica misura sensata è la messa al bando del Diclofenac, stante l'enorme difficoltà riscontrata nella tracciabilità delle carcasse di bovini».

16 dicembre 2014


Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI