Cerca nel blog

giovedì 4 dicembre 2014

GREENPEACE: NUOVA LEGGE UE CONCEDE A STATI MEMBRI DIRITTO DI VIETARE COLTIVAZIONI OGM, MA LI LASCIA ESPOSTI AD ATTACCHI DELLE AZIENDE BIOTECH


ROMA, 4.12.14 – I governi nazionali hanno concordato il testo di una nuova legge europea per concedere ai Paesi Ue il diritto di vietare la coltivazione di OGM sul loro territorio. Tuttavia, il testo concordato al termine di una lunga trattativa terminata a tarda notte a Bruxelles, non permette ai Paesi di utilizzare motivazioni di carattere ambientale per giustificare i bandi nazionali.

"Il Consiglio Ue dice di voler dare ai Paesi membri il diritto di vietare le colture transgeniche sul loro territorio, ma il testo concordato non dà ai governi solide basi legali per poterlo fare.  I Paesi che vogliono bandire la coltivazione di OGM non potranno usare evidenze di danni ambientali. Questo li lascia esposti ad attacchi legali da parte dell'industria biotech" dichiara Federica Ferrario, responsabile campagna Agricoltura Sostenibile di Greenpeace Italia.

Il testo concordato è giuridicamente debole [1] e ignora le richieste del Parlamento europeo di ripristinare il diritto dei Paesi di utilizzare motivazioni di carattere ambientale per giustificare i bandi nazionali [2].

Il Parlamento europeo dovrebbe approvare l'accordo a gennaio in una votazione in plenaria .

Note:

[1] Commento di Greenpeace sulla posizione del Consiglio Ambiente, 12 giugno 2014: http://www.greenpeace.org/italy/it/ufficiostampa/comunicati/Greenpeace-e-Slow-Food-laccordo-europeo-per-vietare-la-coltivazione-di-OGM-a-livello-nazionale-e-una-trappola/

[2] Voto in Commissione Ambiente del Parlamento europeo, 11 novembre 2014: http://www.greenpeace.org/italy/it/ufficiostampa/comunicati/Il-Parlamento-Ue-vota-per-dare-agli-stati-membri-il-diritto-di-vietare-la-coltivazione-ogm/



--
www.corrieredelweb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI