Cerca nel blog

lunedì 15 dicembre 2014

Istat, 42 miliardi per consumi energetici. Gli esperti: riqualificazione unica via per risparmiare.

La deep renovation e gli interventi di efficientamento degli edifici consentono di tagliare drasticamente il caro-bolletta. Ma serve sostegno delle istituzioni

 

Milano, 15 dicembre 2014. 42 miliardi di euro per il riscaldamento domestico, ovvero oltre 1600 euro all'anno per ogni singola famiglia italiana per far funzionare i caloriferi. Ma dimezzare i consumi di appartamenti e condomini è possibile, attraverso interventi di riqualificazione energetica, i soli capaci di incidere in maniera strutturale sul peso della bolletta di luce e gas, contribuendo anche alla diminuzione delle emissioni nell'atmosfera.

È la ricetta che arriva da Rete IRENE, il primo network di imprese italiane specializzato in riqualificazione energetica, in relazione ai dati resi noti oggi dall'Istat sui consumi energetici delle famiglie italiane.

"La maggior parte degli edifici che occupiamo è stata concepita e realizzata in epoche, nemmeno troppo lontane, in cui l'efficienza energetica era una tematica praticamente sconosciuta per architetti e costruttori – spiega Virginio Trivella, coordinatore del Comitato scientifico di Rete IRENE - La situazione odierna è sotto gli occhi di tutti: i nostri immobili sono pesantemente energivori e avrebbero bisogno di efficaci interventi per allinearli agli attuali standard.  

Il caro-bolletta, infatti, non è certamente dovuto al freddo polare: alla luce dei cambiamenti climatici, gli inverni risultano infatti, di anno in anno, sempre meno rigidi, tanto che recentemente Legambiente ha addirittura lanciato un appello alle amministrazioni pubbliche e agli amministratori di condominio per rimandare l'accensione dei caloriferi.

"La causa principale dei costi eccessivi dei consumi energetici, spiega Virginio Trivella, va ricercata nella struttura stessa delle abitazioni, spesso vecchie, dotate di impianti obsoleti e carenti di manutenzione. Solo l'1% del costruito italiano è efficiente dal punto di vista energetico, mentre la stragrande maggioranza degli edifici è nelle classi energetiche peggiori: dalla D alla G. Intervenire in maniera mirata significherebbe difendere il valore patrimoniale dell'immobile"

La dispersione dei nostri edifici è attualmente responsabile del 40% del totale del nostro consumo energetico. Recenti studi del Fraunhofer Institute hanno dimostrato che tutta l'Unione Europea, Italia compresa, ha un alto potenziale di risparmio economico ed energetico, pari in media al 41% da qui al 2030. Per quanto riguarda l'ambito residenziale, il potenziale di risparmio è pari addirittura al 61%. Insomma, le tecnologie e gli approcci innovativi disponibili oggi sono in grado di ridurre dell'80% la domanda di energia degli edifici; quel che manca è una forte sensibilizzazione dei cittadini sui vantaggi della riqualificazione e un quadro regolamentare che favorisca gli investimenti necessari.

"Oggi è possibile dimezzare i consumi delle abitazioni, attraverso interventi di riqualificazione energetica. Tuttavia, la deep renovation in Italia è una pratica quasi sconosciuta", continua Trivella, "Anche gli incentivi fiscali per l'efficienza energetica, che dal 2007 al 2014 hanno mosso investimenti per 27 miliardi di euro, avrebbero potuto essere molto più efficaci: solo un decimo degli investimenti è stato destinato alla riqualificazione dell'involucro degli edifici. La metà è stata spesa per sostituire serramenti e un terzo per le caldaie, interventi utili ma che consentono di conseguire risultati più modesti. Gli interventi integrati, che sono i più efficaci, sono stati quasi del tutto ignorati.

 

Se si considerano anche gli incentivi per le ristrutturazioni edilizie, gli investimenti complessivi delle famiglie italiane dal 1998 a oggi sono stati di 190 miliardi. Se tutti questi investimenti che le famiglie hanno fatto fossero stati dedicati all'efficienza energetica, oggi avremmo già superato l'obiettivo di riduzione dei consumi fissato per il 2020. E invece continuiamo ad assistere a interventi di manutenzione degli edifici fatti con pratiche obsolete, senza alcun riguardo per l'efficienza e per l'ambiente".

 

Quel che serve è un impegno concreto da parte delle istituzioni. "In questo periodo di crisi economica, la riqualificazione energetica integrata è anche un importante volano per la ripresa per un settore come quello dell'edilizia, e quindi per il sistema Italia – spiega Manuel Castoldi, presidente di Rete IRENE – Inoltre, offre ai cittadini importanti benefici sia in termini economici sia sotto il profilo del comfort e del benessere abitativo, contribuendo nel contempo alla salvaguardia dell'ambiente e alla riduzione del consumo energetico".

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI