Cerca nel blog

mercoledì 28 gennaio 2015

Ridurre la quantità di stampa negli uffici grazie a un “assistente alla sostenibilità”

A cura di Pietro Vischi, Business Team Manager, Office & Solutions, Xerox Italia
 
 
Milano, 28 gennaio 2015 - La carta che utilizziamo in ufficio è facilmente riciclabile; ciononostante, se ne spreca ancora molta. Solo nell'ultimo decennio, in America, sono state gettate via più di quattro milioni e mezzo di tonnellate di carta1. Quasi tutta poteva essere riciclata, ma quanta di questa carta era veramente necessario stampare? Nella gran parte dei casi, ridurre gli sprechi si trasforma in una brillante strategia di sostenibilità per le imprese.
Secondo l'Agenzia per il Controllo dell'Inquinamento del Minnesota, "la riduzione degli sprechi è più redditizia del riciclo, perché limita la quantità di materiale che dev'essere accumulato, trasportato e lavorato. Ridurre gli sprechi permette ad aziende e organi istituzionali di qualsiasi dimensione di risparmiare denaro". I costi derivanti dall'impiego della carta negli uffici fanno aumentare i costi del solo acquisto del materiale da 13 a 31 volte. Tutto ciò è dovuto a spese quali lo stoccaggio e il consumo di energia.
L'impiegato medio stampa 10.000 pagine ogni anno2, quindi è chiaro che ci siano infinite opportunità di risparmiare. Molti sarebbero disposti a supportare gli sforzi verso la riduzione degli sprechi, ma purtroppo le migliori intenzioni sono travolte dal caos della giornata lavorativa. 

Come possono le imprese, dunque, aumentare in maniera significativa e quantificabile le misure per la riduzione degli sprechi a livello dei singoli utenti? Le conseguenze di una gestione attiva della sostenibilità sono aumento del risparmio e miglioramenti immediati nel settore. L'inconveniente è il tempo impiegato a monitorare e tenere tracciati manualmente i programmi di riduzione delle stampe.
La motivazione quotidiana arriva dal desktop
Che cosa succederebbe se ogni impiegato avesse a disposizione sul proprio desktop un vero e proprio assistente virtuale che lo supporti in scelte più ecosostenibili? O ancora, che cosa accadrebbe se esistesse un pannello che assegna agli utenti finali un budget di stampa individualizzato, con tanto di obiettivi di risparmio, che compara in forma anonima le nostre performance di risparmio con quelle dei colleghi, offrendo suggerimenti per una stampa più efficiente? 
Per rispondere adeguatamente alla necessità delle aziende di gestire nel miglior modo possibile i flussi di documenti e di dati, Xerox ha realizzato nuovi strumenti in grado di stampare a un minor costo – e in minor quantità – e semplificare i processi di business in modo sicuro e sostenibile.
Il nuovo e brevettato Print Awareness Tool di Xerox, azienda leader nel mondo per i processi aziendali e la gestione dei documenti, apre la strada a questo approccio, automatizzato ma personalizzato, per aiutare le imprese a ridurre la loro impronta ecologica e motivare i dipendenti a stampare meno e in maniera più efficiente. La gamificazione avviene attraverso un widget software posizionato sul desktop che monitora e analizza la cronologia di stampa di ogni utente e segnala le cattive abitudini. 
Il widget fornisce misurazioni di stampa in tempo reale e offre suggerimenti su come cambiare volontariamente abitudini al fine di raggiungere gli obiettivi di riduzione dei processi di stampa. Ad esempio, potrebbe far presente che il 15% dei documenti mandati in stampa superava la soglia delle 20 pagine, consigliando quindi di stampare solo quelle che effettivamente servono, al posto dell'intero documento.
L'esclusivo Xerox Print Awareness Tool promuove abitudini lavorative più ecosostenibili , e questo è già un ottimo punto di partenza. Quando tutti lavorano in maniera organizzata, tanti piccoli passi fatti quotidianamente possono portare a risultati significativi per l'ambiente.
Guarda questo breve video per saperne di più sul nuovo Xerox Print Awareness Tool.



--

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI