Cerca nel blog

mercoledì 25 febbraio 2015

Gestire i residui dei fitofarmaci in maniera green? Si può

Il mercato è sempre più orientato verso un’agricoltura sostenibile. Per gli agricoltori interessati a gestire residui dei prodotti fitosanitari in maniera ecologica arriva Agri-BioBed, un sistema di depurazione biotecnologico.

L'Italia si colloca a livello europeo tra i Paesi con più elevato consumo di prodotti fitosanitari. Solo per uso agricolo (esiste anche un uso domestico di queste sostanze) annualmente in Italia sono impiegate circa 150.000 tonnellate di prodotti fitosanitari. I prodotti fitosanitari comprendono fitofarmaci, fisiofarmaci, erbicidi, fitoregolatori e sono formulati con sostanze chimicamente molto diverse fra loro. Si sta assistendo a una progressiva riduzione in quantità nell'impiego dei prodotti fitosanitari, per la graduale diffusione di nuovi principi attivi a basso dosaggio di impiego.

Eppure gli sversamenti di fitofarmaci, in particolare fungicidi (8mila tonnellate nel solo Veneto), sia in Italia che a livello mondiale, stanno determinando una crescente contaminazione del terreno e delle acque (superficialie e sotterraneea) nelle aziende agricole legata allo sversamento di pesticidi e agro-farmaci in maniera diretta ed indiretta.

Più di metà degli inquinamenti sono legati a perdite dirette, come fuoriuscite in fase di riempimento delle attrezzature per la distribuzione dei prodotti fitosanitari; oppure perdite dei macchinari adibiti all’irrorazione; o ancora uso eccessivo dei pesticidi, diserbanti e altre sostanze chimiche. Spesso i contadini lo fanno inconsapevolmente, altre volte si trattano di incidenti sul lavoro (sversamenti, dispersione indesiderata)

Per incrementare i livelli di sicurezza nelle fasi di manipolazione e stoccaggio dei prodotti fitosanitari con lo scopo di tutelare l'ambiente acquatico, le acque potabili e le aree specifiche (come previsto dal PAN “Piano Nazionale sull’uso sostenibile dei pesticidi”) ora arriva AgriBio Bed, la soluzione da una giovane start-up green, Bio Soil Expert, una delle ultime rivelazioni dell’Hub della green Economy Progetto Manifattura, nato dalla riconversione dell’antica manifattura tabacchi, operata da Trentino Sviluppo.

Bio Soil Expert ha presentato il 27 febbraio presso il Consorzio Valpolicella Agri-BioBed, un sistema di confinamento e degradazione esclusivamente biologico che sfrutta peculiari capacità di piante e microrganismi per la degradazione e assorbimento dei residui fitosanitari e dei metalli pesanti che spesso sono presenti nei formulati degli agrofarmaci.
 

««In questo modo gli agricoltori possono allinearsi con quanto indicato nel Piano d'azione nazionale
sull’uso sostenibile degli agrofarmaci preservando la qualità dei suoli e delle acque.», spiega Andrea Zerminiani, ideatore con Alberto Ferrarese e Paolo Campostrini di Bio Soil Expert.

 Agri-BioBed è un sistema a basso costo di realizzazione e realizzabile in qualsiasi contesto: necessita solo di un giorno per la messa in opera e ha costi di manutenzione/gestione  limitatissimi. «Essendo un prodotto pensato in ottica green ha un impatto ambientale e paesaggistico nullo, e contribuisce a migliorare la qualità dei terreni preservandoli. In questo modo, si diminuisce anche la contaminazione delle falde», continua Ferrarese. Sebbene presentato per il comparto viti-enologico il sistema si adatta perfettamente a tutte le tipologie di culture e a ogni esigenza dell’agricoltore.

Bio Soil Expert propone anche un servizio chiavi in mano (progettazione, consulenza e realizzazione) oltre che la fornitura del sistema Agri-BioBed.

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI