Cerca nel blog

mercoledì 18 febbraio 2015

Il “golpe” del 2008 e la caduta del Governo Prodi. “Sputtanare” l’Ambiente, la tesi shock nel libro della giornalista Rita Pennarola edito da Aracne

Il "golpe" del 2008 e la caduta del Governo Prodi
Moventi e scenari dietro la «rimozione» politica di Pecoraro Scanio

 "Sputtanare" l'Ambiente. La tesi shock nel libro della giornalista Rita Pennarola edito da Aracne

Un libro per riflettere sulla caduta del Governo Prodi «mandato a casa dal "golpe" di gennaio 2008», costruito sulla scia del lavoro politico e delle difficoltà determinanti incontrate dall'allora Ministro dell'Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio. È "2008 – L'anno che ha stravolto l'Italia. Artefici e protagonisti dell'Annus Horribilis che ha spinto il Paese sull'orlo del baratro" (Aracne Editrice) della giornalista d'inchiesta Rita Pennarola.   

«L'uomo da battere». Mai era accaduto «nell'intera storia repubblicana» di vedere «il capo di un partito verde al governo». Pecoraro Scanio era un Ministro «scomodo», annota l'autrice, un «giustiziere "duro" e "puro"» che aveva «trasformato in legge dello Stato alcuni sogni degli ecologisti no-global, traducendoli in provvedimenti capaci di destabilizzare le leve economiche del potere petrolifero». Da qui prende forma un mosaico di moventi e scenari puntando a dimostrare come dietro la caduta del Governo Prodi e l'«eliminazione» politica di Pecoraro Scanio si annodassero «oscure trame».

«Da questo libro – osserva lo stesso Alfonso Pecoraro Scanio, oggi Presidente della Fondazione UniVerde – si comprende perché quel Governo fosse tanto osteggiato. La ricostruzione compiuta da Rita Pennarola su molte vicende che ho vissuto in prima persona mi ha offerto chiavi di lettura per me inaspettate. La devo ringraziare come cittadino per il lavoro di ricerca e di approfondimento».

La tesi shock. La «rimozione» di Pecoraro Scanio dalla scena politica rappresentò un passaggio necessario per difendere «interessi lobbistici consolidati da decenni, a partire da quelli delle multinazionali, che in quel periodo puntavano le loro carte su inceneritori e ogm». «Il passaggio dal lobbista Altero Matteoli all'ecologista spinto Alfonso Pecoraro Scanio – scrive Pennarola – fu decisivo per generare quella frattura che nel 2008 stravolse gli assetti di governo». 

Dalla scure sui contributi CIP6 chein contrasto alle normative europee, per quasi vent'anni in Italia sono stati incassati dalle raffinerie di petrolio e dagli inceneritori – soldi che spettavano al solare e alle rinnovabili – alla lotta contro le Grandi Opere inutili come il Mose, il ponte sullo Stretto, la TAV. E ancora, dal duro scontro tra il Ministro verde e il Commissario per l'emergenza rifiuti Guido Bertolaso al caso della «monnezza d'oro» a Napoli magicamente scomparsa appena subentrato il successivo esecutivo di centrodestra. Fino alla vicenda giudiziaria di Corrado Clini che con i suoi «progetti in giro per il mondo» costati «lacrime e sangue alle casse dello Stato» ha acceso le ultime cronache nazionali.

«Quale peso ebbero questi interessi da miliardi di euro sulla caduta del Governo?» domanda in ultima analisi l'autrice, «e ha fatto qualcosa il moloch dei petrolieri o il trust degli inceneritori» per impedire «l'autentica lotta» di Pecoraro Scanio volta a favorire l'«indispensabile riconversione ecologica dell'economia» italiana? Il libro "2008 – L'anno che ha stravolto l'Italia" di Rita Pennarola, aprendo scenari originali debitamente documentati, cerca di rispondere a queste e ad altre domande e racconta cosa sarebbe accaduto se l'ex Ministro non fosse stato fermato, anche con riguardo al successivo declino del Paese risucchiato nell'imbuto della crisi economica internazionale.    

Con la prefazione del giornalista Oliviero Beha e la postfazione di Elio Lannutti, Presidente Adusbef, "2008 – L'anno che ha stravolto l'Italia. Artefici e protagonisti dell'Annus Horribilis che ha spinto il Paese sull'orlo del baratro", propone la storia di un'altra "epurazione", quella dell'ex pm di Catanzaro Luigi De Magistris. Edito da Aracne, il libro di Rita Pennarola contiene le interviste ad Alfonso Pecoraro Scanio,  Luigi De Magistris e un intervento di Beppe Grillo.

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI