Cerca nel blog

venerdì 20 marzo 2015

22 Marzo Giornata Mondiale dell'Acqua: i passi di Levico Acque verso l'impatto zero

Dopo la ristrutturazione in chiave ecosostenibile della storica sede a Levico Terme e l'ottenimento della certificazione LEED 2009 livello SILVER per la palazzina uffici, l'azienda della Valsugana continua sul cammino della tutela ambientale attraverso l'azzeramento della propria Carbon Foot Print.

Levico Terme, 21 marzo 2015 - In occasione della Giornata Mondiale dell'Acqua, istituita nel 1992 dall'ONU, Levico Acque, azienda che imbottiglia e distribuisce solo in vetro ACQUA LEVICO - pura espressione del territorio trentino e delle sue montagne che sgorga da una fonte centenaria dell'Alta Valsugana, a oltre 1600 metri sul livello del mare - compie un altro passo per essere un'azienda a impatto zero.

Esattamente un anno dopo l'inaugurazione della sede ristrutturata secondo i criteri ecocompatibili più avanzati e a pochi mesi dall'ottenimento della certificazione LEED 2009 di livello SILVER per la palazzina uffici, l'azienda della Valsugana ha infatti ottenuto la certificazione βNEUTRAL grazie alla compensazione di crediti di carbonio, validi per l'azzeramento delle emissioni relative alla fase di produzione ed imbottigliamento.

Tutti i processi dall'acquisizione delle materie prime alla fase di produzione del prodotto finito nei formati da 0,25,0,5,0,75 e 1 litro, e delle attività di manutenzione e trattamento degli scarti di produzione, sono stati analizzati per calcolare la Carbon Foot Print, ovvero l'impronta di carbonio emessa.

Un ulteriore passo verso l'impatto zero, aspetto molto caro alla famiglia Franzoni titolare della Levico Acque, che ha fatto della sostenibilità ambientale e della tutela del territorio una filosofia di vita su cui sviluppare l'attività dello stabilimento.

"Le scelte compiute dall'azienda vogliono dimostrare che la nostra identità, come la nostra acqua, è pulita, chiara e trasparente" dichiara Mauro Franzoni, Presidente di Levico Acque. "I nostri sforzi vanno nella direzione della qualità ma anche del rispetto e della tutela dell'ambiente, perchè Acqua Levico incarna la "sostenibile leggerezza". Per questo abbiamo creduto in questo progetto, iniziato nel 2014 con la preparazione e l'attivazione degli strumenti per il calcolo della Carbon Foot Print, rafforzato con l'ottenimento della certificazione BNeutral e con la riduzione della nostra impronta tramite compensazione con crediti derivanti da attività CCS (Carbon capture and storage) in ambienti lagunari veneti. Questo progetto ed il nostro impegno proseguiranno anche in futuro con ulteriori attività verso l'impatto zero".

Dall'analisi condotta per il calcolo dell'impronta di carbonio dell'Acqua Levico è emerso che nel 2014 l'impatto legato alla produzione è stato ridotto del 21%, per le bottiglie nel formato di 0,5 lt, mentre nel biennio 2012-2014 il totale GHG (ovvero i gas effetto serra) emesso da Levico è diminuito dell'11,74%, passando da 1.841.178 kgCO2 del 2012 a 1.624.948 kgCO2 per il 2014.

Per azzerare questo quantitativo di emissioni di gas serra legate alla produzione complessiva 2014, Levico Acque ha acquistato crediti di carbonio da un'azienda certificata BNeutral, la Blue Valley, società impegnata nella gestione di un sistema di Carbon capture e storage in provincia di Venezia.

Nei 5 anni valutati per l'azzeramento, periodo soggetto a revisioni annuali, la società operante nella laguna veneziana opererà con attività che riducono i gas serra ed assorbono CO2, come la piantumazione della laguna, la gestione della circolazione dell'acqua lagunare e la produzione di pesce in acquacoltura estensiva. A dimostrazione che anche attraverso la tutela ed il ripopolamento della flora e della fauna nella zona del canale Sile è possibile fare dei passi importanti per l'assorbimento dei gas climalteranti.

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI