Cerca nel blog

giovedì 26 marzo 2015

Bike2Work: fino al 10 aprile è possibile partecipare al sondaggio nazionale". In bici al lavoro: come e perché" lanciato da FIAB



Bike to Work: c'è tempo fino al 10 aprile per partecipare al sondaggio nazionale
"In bici al lavoro: come e perché".

L'indagine FIAB on line su www.fiab-onlus.it/bicilavoro è il primo tentativo di mappare la galassia della mobilità ciclistica casa-lavoro
per sostenere soluzioni efficaci e condivise a favore della mobilità dolce
.


Milano, 26 marzo 2015
- Mentre in Parlamento prosegue, seppur con fatica, l'iter per l'approvazione delle modiche al nuovo Codice della Strada, che include diverse innovazioni volte a tutelare e incentivare forme di mobilità più sostenibile, FIAB-Federazione Italiana Amici della Bicicletta è impegnata per capire meglio le scelte di mobilità degli italiani e mettere a disposizione di legislatori e amministrazioni locali le informazioni raccolte.

Rientra in questo contesto l'indagine on line "In bici al lavoro: come e perché" lanciata da FIAB due mesi fa e rivolta a tutti i ciclisti. Il sondaggio rappresenta il primo tentativo nel nostro Paese di fornire un quadro chiaro della situazione, in merito alle scelte di mobilità casa-lavoro, considerando vantaggi e svantaggi reali e percepiti delle diverse alternative: bici, auto, mezzi pubblici o un mix dei precedenti.

FIAB comunica di aver prorogato di due settimane il termine di raccolta dati: fino al 10 aprile è dunque possibile rispondere al questionario Bike2Work disponibile all'indirizzo www.fiab-onlus.it/bicilavoro.
Le domande si concentrano sul tipo di percorso, in ambiente urbano o extraurbano, sui costi sostenuti per il trasporto e sull'eventuale possibilità di combinare bicicletta e mezzi pubblici. Un'attenzione particolare è rivolta al contesto logistico, e in particolare alla presenza di parcheggi attrezzati per le biciclette o di altre facilities sul luogo di lavoro. Tra tutti coloro che parteciperanno al sondaggio verranno sorteggiati dei premi.

"Benché abbiamo già avuto migliaia di risposte, crediamo sia utile lasciare ancora un po' di tempo ai ciclisti per esprimere pareri ed esigenze in materia, al fine di ottenere indicazioni su un campione molto rappresentativo, che tenga in considerazione, in particolar modo, le testimonianze dei ciclisti che non usano la bici per recarsi al lavoro o a scuola e delle ragioni che li motivano in tal senso - spiega Andrea Scagni, responsabile dell'indagine. - Solo così avremo di capire fino in fondo quali possono essere gli strumenti e le politiche efficaci per incentivare il cambiamento, innescando un circolo virtuoso che decongestioni le città e migliori la salute e la sicurezza di tutti".
I risultati del sondaggio "In bici al lavoro: come e perché" saranno presentati da FIAB al Convegno Internazionale VELOCITY 2015 in programma a Nantes in Francia dal 2 al 5 giugno, evento di risonanza mondiale per quanto riguarda il ciclismo urbano e le politiche legate alla mobilità ciclabile, organizzato dalla Federazione Europea dei Ciclisti (ECF), di cui FIAB è socio per l'Italia.


Fondata nel 1988, FIAB Onlus-Federazione Italiana Amici della Bicicletta è oggi la più forte realtà associativa dei ciclisti italiani non sportivi. Con circa ventimila soci suddivisi in 142 associazioni sparse su tutto il territorio italiano, FIAB è prima di tutto un'organizzazione ambientalista che, come riporta il suo Statuto, promuove la diffusione della bicicletta quale mezzo di trasporto ecologico in un quadro di riqualificazione dell'ambiente, urbano ed extraurbano.
Forte della presenza tra i suoi soci di numerosi esperti in campo sanitario, giuridico, urbanistico, ingegneristico e paesaggistico, FIAB è diventata, negli anni, il principale interlocutore di numerosi enti locali sull'importante tema della mobilità sostenibile. FIAB è stata riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente quale associazione di protezione ambientale (art. 13 Legge n. 349/86) e inserita dal Ministero dei Lavori Pubblici tra gli enti e associazioni di comprovata esperienza nel settore della prevenzione e della sicurezza stradale.
Tra le numerose iniziative, FIAB organizza ogni anno Bimbimbici, manifestazione nazionale dedicata a bambini e ragazzi che nel 2013 ha toccato 250 città, e Bicistaffetta, per promuovere il cicloturismo quale volano economico del nostro Paese. Fiab aderisce a E.C.F.-Federazione Europea dei Ciclisti. Presidente di FIAB è Giulietta Pagliaccio.

Per ulteriori info: www.fiab-onlus.it

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI