Cerca nel blog

mercoledì 25 marzo 2015

Legambiente su riduzione contributo ambientale per attività estrattive in Umbria

Atto gravissimo e ingiustificato: si continua favorire gli interessi di pochi a discapito del patrimonio ambientale e del territorio

"Il Consiglio Regionale e la Giunta fanno l'ennesimo regalo, da campagna elettorale, a chi mangia e consuma il paesaggio e l'ambiente con la scusa che il comparto edile e quello estrattivo sono in crisi – è il commento di Legambiente Umbria alla notizia dell'approvazione dell'emendamento bipartisan, ieri in Consiglio regionale, che riporta il contributo ambientale dovuto dalle imprese per le attività estrattive ai livelli del 2007 .

"Questo privilegio riservato in Umbria solo ai cavatori – continua Legambiente Umbria - si aggiunge alla proroga delle autorizzazioni per i volumi di materiale non estratto e segue la moratoria di due anni di cui il comparto delle attività estrattive ha beneficiato per il versamento dei canoni di concessione dovuti per 2014 e 2015. Senza dimenticare che in Umbria il canone di concessione per le attività estrattive non arriva nemmeno ad un decimo del prezzo di vendita ed è già tra i più bassi d'Italia e addirittura è una cifra ridicola se confrontata con quelle della Gran Bretagna che toccano il 20% del prezzo di vendita".

"Quello assunto dal Consiglio regionale e dalla Giunta regionale è un atto gravissimo e ingiustificato visto che la concessione è un'indennità dovuta a fronte di un'attività che crea un danno alla collettività, al territorio e al paesaggio – conclude Legambiente Umbria - non è con l'eliminazione del canone di concessione che si risollevano le imprese estrattive e l'edilizia, ma promuovendo una innovazione capace di fare di questa attività un settore all'avanguardia, puntando sul recupero degli inerti e garantendo la tutela del paesaggio".

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI