Cerca nel blog

martedì 3 marzo 2015

Taranto.Tempa Rossa. Il Ministero dell'Ambiente accelera l'iter autorizzativo.

E' del 20/02/2015 (DVA–2015–4820) il provvedimento con cui il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare dichiara che Eni S.p.a. può avviare l'attività di costruzione nonostante non sia stata completata la bonifica delle aree interessate. Tale provvedimento di fatto, mediante la modifica della prescrizione originaria che prevedeva l'avvio dei lavori di costruzione solo a bonifica avvenuta 'relativamente alla totalità delle aree oggetto dell'intervento', consente ad Eni di far avanzare la fase di costruzione. La Direzione Generale del MATTM ha, infatti, ritenuto in data 18/02/2015 che la prescrizione DVA-DEC-2011-573 del 27 ottobre 2011 'possa considerarsi ottemperabile in più fasi successive'.


Eni S.p.a. può avviare la costruzione del progetto nelle aree a terra e a mare non soggette a bonifica o già bonificate, mentre, per le aree risultate contaminate e destinate ai due nuovi serbatoi di greggio Tempa Rossa e al nuovo attraversamento ferroviario, i lavori potranno avviarsi solo dopo l'avvenuta bonifica. L'area a mare cui si fa riferimento è proprio quella interessata dal prolungamento del pontile. Tale area, in seguito ad istruttoria condotta dalla Direzione della Tutela del Territorio e Risorse Idriche del MATTM, è risultata non contaminata.


La prescrizione dunque viene considerata ottemperata 'limitatamente' – si legge anche nel documento - a una parte delle aree interessate.


Com'è possibile definire attuata una prescrizione realizzata solo in parte? Perché una simile accelerazione dell'iter autorizzativo?


Si ricorda che il permesso a costruire è vincolato anche alla valutazione del Rapporto definitivo di sicurezza da parte del Comitato Tecnico Regionale (CTR) e l'anticipazione dei tempi di costruzione potrebbe determinare un conflitto con la Direttiva Seveso, in caso di esito negativo della verifica della ottemperanza delle prescrizioni riguardanti la sicurezza degli impianti. Ora il timore reale è che in assenza di vigilanza possa essere ignorata o elusa la normativa europea.


Per tali ragioni il Comitato Legamjonici chiede al Sindaco, alla Giunta e al Consiglio Comunale di impegnarsi ad acquisire e rendere pubblica tutta la documentazione che si riferisce al provvedimento in oggetto, verificando il rispetto della normativa in materia ambientale e di sicurezza. Si valuti inoltre la possibilità di presentare ricorso al TAR contro un atto che evidentemente, ancora una volta, tutela le ragioni della società Eni S.p.a..


Alla luce di quanto emerso, invitiamo la cittadinanza attiva a continuare a vigilare.



Dott.ssa Daniela Spera per il Comitato Legamjonici.

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI