Cerca nel blog

venerdì 27 marzo 2015

WWF: "PER L’ORA DELLA TERRA, A ROMA SI SPEGNERANNO ANCHE BASILICA DI SAN PIETRO, GRANDE MOSCHEA E SINAGOGA"


 

 

 

ORA DELLA TERRA SABATO 28 ore 20.30-21.30


WWF: "LA SFIDA CLIMATICA E' ANCHE GRANDE QUESTIONE MORALE "

EARTH HOUR : NON SOLO EVENTO, MA MOVIMENTO PER CAMBIARE IL MONDO

 

Aderisce anche l'ANCI con oltre 300 comuni italiani, 400 i luoghi simbolo in Italia 

Evento centrale a Milano davanti l'Expo Gate di Expo 2015

Città, cittadini, istituzioni, imprese aderite sui social con
#EarthHour #unoralbuio
www.wwf.it/oradellaterra

SPOT 2015, B ROLL SPEGNIMENTI 2014 http://upload.wwf.it/EH2015/File/stampa/Spot/
Foto edizioni precedenti http://bitly.com/oradellaterra2015_foto
Foto su attività Earth Hour in tutto il mondo: http://www.earthhour.org/photo-galleries
Video Earth Hour internazionali https://www.earthhour.org/video-galleries

 

Per l'Ora della Terra domani sera si spegneranno simbolicamente anche i luoghi di culto delle tre principali religioni monoteiste: a Roma hanno deciso di aderire, infatti, tre luoghi altamente simbolici, la cupola della Basilica di San Pietro, la Moschea di Roma e la Sinagoga di Roma.

L'importanza di queste adesioni  è così  sottolineata dal WWF:

"Lo spegnimento di questi simboli religiosi testimonia l'importanza morale che la sfida del cambiamento climatico rappresenta in quanto minaccia per il creato e per l'umanità; rappresenta anche la  compassione,  la  saggezza  e  la  leadership  millenaria che  l'umanità  nel  suo  complesso  ha saputo esprimere. Prendersi  cura e  rispettare la  Vita  sono elementi  centrali per ogni fede sulla Terra. Eppure  oggi  si  mette a repentaglio la vita  sulla  Terra con  emissioni pericolosamente elevate di  gas serra che destabilizzano  l'equilibrio  climatico  globale,  fanno  salire  la  temperatura,  inacidiscono  gli  oceani  ed espongono l'umanità e  tutte le creature viventi a  rischi inaccettabili. Gli effetti  del riscaldamento globale già colpiscono le vite, i mezzi di sussistenza e i diritti dei più poveri ed emarginati, e quindi le popolazioni più vulnerabili. Coloro che hanno meno responsabilità nelle azioni che hanno provocato e provocano il cambiamento climatico sono quelli più colpiti. Inoltre, il pericolo degli effetti più disastrosi grava sulle future generazione, minacciando le fondamenta della civilizzazione umana. Tutto questo è moralmente ingiusto.

Di qui anche il sostegno e la partecipazione a un'iniziativa come Earth Hour, che unisce tutte le persone e i popoli, chiamandoli  prima di tutto a prendersi  cura  della  Terra e diventare protagonisti del cambiamento per "cambiare il cambiamento climatico";  e poi a chiedere  vero impegno e capacità di visione e di speranza a tutti i Governi e tutti gli Stati, perché il 2015 deve essere l'anno delle decisioni concrete, eque ed efficaci, l'anno in cui si comincia ad agire".

TUTTO PRONTO PER EARTH HOUR

  La grande "ola di buio" inizierà alle ore 20.30 locali delle Isole Samoa (ore 8.30 italiane) , dal lato opposto della Terra, e proseguirà interessando tutti i fusi orari fino a raggiungere le 20.30 italiane per poi proseguire in direzione dell'Atlantico.  L'evento globale Earth Hour, giunto alla sua nona edizione,  farà il giro del mondo concludendosi domenica mattina alle 7.30 nelle isole Cook. Quest'anno è stato raggiunto un nuovo record: 172 paesi e territori nel mondo hanno confermato la partecipazione, comprese le aree sempre più colpite dagli eventi climatici estremi come le Filippine, le Maldive e il Madagascar insieme a paesi chiave per le soluzioni come Brasile, Stati Uniti e Cina.

Si spegneranno la Torre Eiffel, il Golden Gate di San Francisco e altri luoghi simbolo, tra cui 40 siti Unesco, come l'Acropoli di Atene e il castello di Edimburgo e la Valle dei Templi Agrigento.

. In Italia sono saliti a 323 i comuni che hanno aderito ufficialmente,  su 400 spegnimenti di luoghi e simboli totali , tutti raccolti  nella mappa - http://www.oradellaterra.org/mappa-eventi/.

L'evento ha ricevuto l'Alto Patronato della Presidenza della Repubblica.

Nell'anno di Expo 2015 è l'Expo Gate lo spegnimento centrale, con il Castello Sforzesco, scelto per l'Italia. Presenti il Presidente onorario WWF Fulco Pratesi, Pierfrancesco Maran Assessore alla Mobilità, Ambiente, Metropolitane, Acqua pubblica, Energia del Comune di Milano. Il luogo simbolo è stato scelto in quanto i cambiamenti climatici impattano direttamente sulle produzioni agricole e mettono a rischio l'approvvigionamento di cibo per il futuro, specie nelle zone più povere e/o intensamente popolate: accelerano, infatti, la crescita e la fioritura di alcune specie, modificando i calendari agricoli e le pratiche della viticoltura; favoriscono la diffusione di patogeni e di specie nocive alle colture su ampie aree geografiche; causano un impoverimento delle risorse idriche e della stessa disponibilità di terra agricola. L'agricoltura e l'intero settore agro-alimentare utilizzano l'80% del totale delle acque dolci che l'umanità sottrae ai cicli naturali,  rappresentano il 30% della domanda totale di energia e causano dal 12 al 30% delle emissioni mondiali di gas serra. Con le  esigenze di crescita della produzione globale di cibo per fare fronte ad una popolazione umana crescente (dagli attuali oltre 7.2 miliardi di abitanti ai 9.6 miliardi previsti per il 2050) il settore agro-alimentare       rischia di avere un impatto profondo e senza precedenti sui sistemi naturali del nostro pianeta. Per l'immediato futuro è fondamentale puntare su un'agricoltura che rientri finalmente nei cicli naturali e nei loro processi circolari e che non li distrugga, un'autentica ecoagricoltura che rispetti e curi i suoli e la loro ricchezza di vita, che rispetti e curi le acque, che rispetti e curi le colture locali; occorre abbandonare       un modello industriale ed intensivo che ha favorito l'omogenizzazione genetica, sfavorendo la diversità e la capacità di resistenza e di resilienza delle produzioni alimentari, e favorendo invece gli sprechi, gli scarti e l'inquinamento. Oggi nel mondo si sprecano ogni anno 400 miliardi di dollari di cibo: non possiamo più permettercelo.


L'ADESIONE DEI COMUNI ITALIANI

"L'ANCI  (Associazione Nazionale Comuni Italia) - - ha affermato Bruno Valentini, Presidente della Commissione Ambiente e Territorio dell'ANCI –- ha aderito con entusiasmo alla campagna Earth Hour promossa dal WWF , un importante momento  di mobilitazione rispetto ai cambiamenti climatici.  In vista del vertice sul clima di Parigi   in programma il prossimo dicembre, tappa decisiva nei negoziati del futuro accordo internazionale post 2020,  è ancor più importante testimoniare l'impegno delle comunità locali, quali nodi cruciali per le  politiche di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici, data la densità abitativa e la scarsa flessibilità delle infrastrutture presenti sul territorio. Sono ben 323 i Comuni che partecipano attivamente a questa giornata, che riteniamo possa essere  un'occasione per evidenziare a Governo e istituzioni  l'impegno dei territori che già si stanno muovendo nella corretta direzione."

L'ora di buio italiana vedrà spegnersi molti SIMBOLI ITALIANI : il Castello Sforzesco e Palazzo Marino a Milano, Mole Antonelliana a Torino, il Palazzo Accursio di Bologna, l'Arena di Verona, e poi Ponte Vecchio, Duomo, Palazzo Vecchio e la statua del David a Piazzale Michelangelo a Firenze, Piazza San Marco a Venezia,  la Rocca della Madonna di Tropea e le mura del castello di Monteriggioni e poi la Torre e Piazza dei Miracoli a Pisa fino a Piazza del Campo a Siena, Piazza san Giovanni a Matera, il maschio Angioino e Piazza Plebiscito a Napoli, la Valle dei Templi Agrigento.

 Altra novità di quest'anno è l'adesione a Earth Hour della Marina Militare Italiana: grazie a questa nuova partecipazione, l'ora di buio attraverserà anche le nostre coste e aree portuali, oltre allo spegnimento di Palazzo Marina a Roma, sede dello Stato Maggiore Marina. Dal nord al sud luci spente a Venezia sull'Arsenale e sulla Scuola Navale Militare F. Morosini, a La Spezia, con la Base Navale e le navi ormeggiate, a Livorno con l'Accademia Navale,  a Brindisi e Taranto con le  Base Navali e le navi ormeggiate oltre al Castello Aragonese di Taranto e infine ad  Augusta, Base Navale e navi, e  Messina.

 

MANO AGLI SMARTPHONE: EARTH HOUR DIVENTA UNA 'PHOTO ACTION'   Partecipare a Earth Hour quest'anno è ancora più Social: si potranno condividere con tutti i propri contatti su Facebook,  Twitter e Instagram  le più belle foto dallo spegnimento della propria città o dell'evento che ciascuno vorrà organizzare a casa propria o con amici usando l'hashtag #unoralbuio e #EarthHour. Le foto più significative saranno condivise dagli account ufficiali di WWF Italia durante il corso della mobilitazione ed entreranno così nel 'book digitale' globale.

Media partner dell'evento è l'associazione Instagramers italia che su Instagram lancerà un appello alla sua community a partecipare all'evento globale postando foto e mini video sugli spegnimenti grandi e piccoli del 28 usando #unoralbuio .

Wind è main partner di Earth Hour 2015 dopo aver avviato, nel 2014, una partnership con WWF sui temi legati al clima e all'energia. L'azienda, guidata da Maximo Ibarra, supporta la nuova campagna con numerose iniziative su web e canali social. Dal 21 al 30 marzo 2015 i circa 22 milioni di clienti di telefonia mobile di Wind potranno inoltre sostenere l'iniziativa con un sms del valore di 1 euro al numero breve 45556. Anche Auchan, Mutti, Sofidel, UniCredit e Gabel hanno aderito all'appuntamento WWF promuovendo il messaggio a favore del clima e della sostenibilità verso dipendenti e clienti con i propri strumenti di comunicazione e partecipando allo spegnimento con alcune  sedi.


Roma, 27 marzo 2015

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI