Cerca nel blog

mercoledì 6 maggio 2015

BTS Biogas: Il sistema di strippaggio per abbattere fino al 70% dell’azoto presente nel digestato prodotto dall’impianto di biogas

BTS Biogas, azienda di Brunico (Südtirol) leader in Italia nel settore del biogas, presenta l'innovativo sistema di strippaggio, una tecnologia all'avanguardia che consente di abbattere fino al 70% dell'azoto presente nel digestato prodotto dall'impianto di biogas, ottimizzando ulteriormente l'impianto grazie alla produzione di un concime come il solfato di ammonio.

La Società Agricola Green Energy di Chiari rappresenta un caso di successo: l'azienda è dotata infatti di un impianto di biogas da 1MW alimentato per il 30% di pollina con annesso il sistema di strippaggio BTS Biogas che consente di ridurre notevolmente i livelli di azoto.



Foto: L'impianto BTS Biogas da 1MW installato presso la Società Agricola Green Energy di Chiari

Foto: Il sistema di strippaggio BTS Biogas


Una tecnologia innovativa per il post-trattamento del digestato che consente di risolvere il problema dell'azoto in eccesso, ottimizzando ulteriormente l'impianto di biogas grazie alla produzione di un concime come il solfato di ammonio. La Società Agricola Green Energy di Chiari rappresenta un caso di successo: l'azienda è dotata infatti di un impianto di biogas da 1MW alimentato per il 30% di pollina con annesso il sistema di strippaggio BTS Biogas che ha consentito di ridurre i livelli di azoto fino al 60%.
La gestione e il trattamento del digestato: un tema molto discusso e un problema che tuttora permane in molti impianti di biogas. La digestione anaerobica, infatti, garantisce una riduzione della sostanza organica meno stabile ma non consente una diminuzione del carico di azoto della biomassa in ingresso nell'impianto.
BTS Biogas, leader in Italia nel settore del biogas, è da sempre impegnata nello sviluppo di tecnologie e soluzioni innovative per rendere l'impianto di biogas sempre maggiormente efficiente, in linea con le normative e le esigenze ambientali ed economiche. Per la gestione e il trattamento del digestato, in particolare, BTS Biogas offre diverse soluzioni che consentono agli agricoltori italiani di risolvere il problema dell'azoto in eccesso rispettando al tempo stesso il recepimento italiano della comunitaria "Direttiva nitrati", 91/676/CEE, che regolamenta l'uso agronomico dei reflui zootecnici e di altri concimi azotati e definisce le zone vulnerabili.
"Sono numerosi i gestori di un impianto di biogas che, alla luce dei limiti di azoto stabiliti dalla legge e consentiti per lo smaltimento nella propria area, si trovano ad interfacciarsi con livelli in eccesso rispetto ai terreni che la propria azienda agricola ha a disposizione. In tal caso, gli agricoltori possono certamente affittare nuovi terreni per lo smaltimento, chiedere ad altri proprietari terrieri di utilizzare il loro suolo per lo spargimento o, addirittura, smaltirlo come rifiuto. Tutte azioni che comportano certamente dei costi aggiuntivi non indifferenti, soprattutto nel lungo periodo", ha evidenziato l'Ing. Luca Fortini.
Tra le soluzioni offerte da BTS Biogas per l'abbattimento del contenuto di azoto nei digestati c'è il sistema di strippaggio. Il sistema, in particolare, consente di valorizzare il contenuto azotato grazie alla produzione di solfato di ammonio, una soluzione di sali di azoto prodotta da un processo chimico per l'abbattimento dell'ammoniaca, attraverso uno scrubber con torre di lavaggio acida.
"Sono molti i vantaggi legati all'utilizzo di un sistema di post-trattamento come lo strippaggio. Oltre a risolvere il problema dell'azoto in eccesso, consente di ottimizzare ulteriormente l'impianto di biogas grazie alla produzione di un concime come il solfato d'ammonio, che può essere commercializzato al di fuori dell'azienda agricola con notevoli potenzialità in termini di sostenibilità economica. Inoltre, visto il livello inferiore di azoto, è minore l'area agricola richiesta per lo spandimento con una conseguente riduzione dei costi", ha concluso Fortini.
La società Agricola Green Energy di Chiari, un caso di successo nel post trattamento del digestato
La Società Agricola Green Energy di Chiari ha installato un impianto BTS Biogas di 1MW alimentato per il 30% a pollina. L'azienda agricola ha deciso di installare un sistema di essiccazione e strippaggio (entrambi tecnologie BTS Biogas) per il post-trattamento del digestato. Il monitoraggio dell'impianto di strippaggio ha evidenziato fin da subito risultati ottimali che hanno mostrato una potenzialità di sottrazione dell'azoto ammoniacale fino al 70%. Da sottolineare, inoltre, che l'impianto di strippaggio funziona perfettamente da oltre un anno ed effettua il trattamento del digestato tal quale, senza necessità di separazione solido-liquido a monte. La Società Agricola Green Energy rappresenta un caso di successo e un modello d'esempio per molti agricoltori e gestori di impianti di biogas che si trovano ad interfacciarsi con il problema dell'azoto in eccesso.


Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI