Cerca nel blog

lunedì 4 maggio 2015

CSQA certifica la Carbon Footprint del 1° Grana Padano DOP






Nell’ambito di TuttoFood, CSQA, ente di certificazione leader a livello nazionale nel settore dell’agroalimentare, ha consegnato la certificazione Carbon Footprint o impronta di carbonio a Santangiolina Latte Fattorie Lombarde per la produzione di Grana Padano DOP, il primo a ottenere l’importante riconoscimento europeo.

Il progetto di calcolo della prima Carbon Footprint del Grana Padano prodotto nel caseificio di Volta Mantovana dell’azienda Santangiolina è promosso e co-finanziato dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ed è stato eseguito dal Politecnico di Milano (Dipartimenti di Energia e Design) in collaborazione con il Distretto Latte Lombardo. Il progetto rientra nell’ambito del “Bando per il calcolo dell’impronta di carbonio dei prodotti di largo consumo”.

CSQA si è occupato di certificare che il prodotto fosse conforme alla recente e specifica normativa ISO/TS 14067:2013 - Gas a effetto serra - Impronta climatica dei prodotti (Carbon footprint dei prodotti). Il certificato è stato consegnato oggi, 4 maggio, alle ore 10.30 in occasione di Tuttofood, presso lo stand di CSQA Certificazioni (Pad.6 Multiprodotto – Stand E01F02), dal Presidente di CSQA Luigino Disegna e dal Direttore Generale e Amministratore Delegato di CSQA Pietro Bonato ad Antonio Baietta, Presidente di Santangiolina Latte.

L’iniziativa prevede il calcolo della Carbon Footprint, cioè la somma delle emissioni e rimozioni di gas serra espressa in CO2, di 1 kg di Grana Padano DOP stagionato 9 mesi relativa a tutta la filiera produttiva nel corso di un anno (il 2013 è il periodo di riferimento). La valutazione dell’impronta di carbonio è stata svolta da CSQA seguendo la metodologia della Life Cycle Assessment che permette di individuare i diversi impatti in relazione alle fasi dell’intero ciclo di vita del Grana Padano DOP: stalla (pre-produzione), caseificio (produzione), distribuzione e packaging, uso (inclusi i servizi), dismissione (End of Life) e scarto generato dall’utente, in questo caso la crosta del Grana consumata.

Dalle analisi effettuate è emerso che la maggior parte delle emissioni climalteranti proviene dalle fermentazioni enteriche (Metano Biogenico) prodotte nel corso dei processi digestivi e di gestione delle deiezioni degli animali, seguite dai mangimi acquistati e dallo stoccaggio dei reflui (Metano e Protossido di Azoto). La fase di lavorazione industriale nel caseificio ha, invece, un’incidenza molto contenuta, di poco inferiore al 10%, mentre gli scarti derivati dalla crosta hanno una discreta rilevanza (7% circa). I processi di trasporto, sia per il conferimento del latte dalle stalle al caseificio sia per la consegna del Grana Padano DOP presso gli spacci, hanno un’incidenza marginale, mentre la gestione del fine vita del packaging un impatto pressoché irrilevante.

Il Grana Padano DOP dell’azienda Santangiolina – ha spiegato Pietro Bonato, Direttore Generale e Amministratore Delegato di CSQAè il primo a ricevere la certificazione Carbon Footprint. Siamo stati chiamati, in quanto ente terzo, a garantire che i dati relativi ai gas climalteranti, o greenhouse gas (GHG), siano in linea con le pertinenti norme internazionali e nazionali sulla quantificazione, monitoraggio e rendicontazione. Ci auguriamo che altre realtà imprenditoriali possano prendere spunto dall’esperienza di questa azienda e che vogliano intraprendere lo stesso percorso virtuoso.

Da sempre attenti alla sostenibilità ambientale della nostra produzione ha detto Antonio Baietta, Presidente di Santangiolina Latte – abbiamo voluto calcolare la Carbon Footprint del Grana Padano DOP per estendere poi questa certificazione ad altre due DOP: il Taleggio e il Quartirolo Lombardo. Dal 2002 possiamo vantare un sistema di qualità certificato UNI EN ISO 9001:2000 da CSQA per le attività di raccolta di latte crudo e assistenza tecnica ai nostri Soci, oltre che per la produzione dei DOP Grana Padano, Taleggio, Quartirolo Lombardo e altri formaggi freschi e latticini nei nostri caseifici di Volta Mantovana e Pandino. Ad oggi raccogliamo, controlliamo e gestiamo circa 230 milioni di litri di latte l’anno, ritirati giornalmente in 300 allevamenti tra Lombardia e Piemonte”.
Anche il rispetto dell’ambiente per un prodotto millenario e radicato nel territorio, com’è il nostro, – ha dichiarato Stefano Berni, Direttore del Consorzio Grana Padanonon solo è essenziale ma è addirittura una condizione di vita per la continuità”.

Santangiolina Latte Fattorie Lombarde
L’azienda, nata nel 1961, si è trasformata in pochi anni in una delle più dinamiche realtà della filiera lattiero-casearia nazionale. Punta su lavorazioni ad alto valore aggiunto ed elevato standard qualitativo come i formaggi DOP (Grana Padano DOP, Taleggio DOP, Quartirolo Lombardo DOP).
Con l’acquisizione del caseificio per la produzione di Grana Padano a Cereta di Volta Mantovana (MN), del caseificio per la produzione di Taleggio e Quartirolo Lombardo a Pandino (CR) e del centro di stagionatura per Taleggio e produzione di Burro a Ballabio (LC), Santangiolina è entrata nel mercato dei formaggi proponendo il proprio modello di filiera garantendo standard di qualità certificati.

CSQA è la società italiana leader nel settore della certificazione nel settore agroalimentare. Da 25 anni offre un servizio di certificazione internazionale e accreditato, che spazia dalle certificazioni di prodotto regolamentate (DO e IG) e volontarie (Produzione integrata, Carbon footprint) ai sistemi di gestione. CSQA è socio fondatore di Qualivita e di Valoritalia, società specializzata nelle certificazioni DO, IG e per il biologico


Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI