Cerca nel blog

giovedì 14 maggio 2015

Lifegate presenta i risultati del primo Osservatorio Nazionale sullo Stile di Vita Sostenibile

Consapevolezza, atteggiamenti e comportamenti degli italiani rispetto ad un approccio di vita sostenibile: LifeGate, in collaborazione con Eumetra con la consulenza di Renato Mannheimer, presenta il 1° Osservatorio nazionale sullo stile di vita sostenibile.
La ricerca, nata dall’unione delle competenze di LifeGate, punto di riferimento per la sostenibilità in Italia, e del metodo di indagine di Eumetra, Istituto di ricerca sociale, economica e di opinione, analizza lo stile di vita sostenibile degli italiani in relazione a quattro differenti aree di indagine: livello di conoscenza, atteggiamento, comportamento di consumo e comportamento d’acquisto.

Questa prima indagine ha inoltre approfondito il tema dell’alimentazione, tematica centrale nell’anno di Expo 2015.

Lo studio è stato condotto su un campione complessivo di 1000 individui rappresentativo della popolazione italiana per distribuzione geografica, età e genere.

La ricerca, nata dall’unione delle competenze di LifeGate, punto di riferimento per la sostenibilità in Italia, e del metodo di indagine di Eumetra, Istituto di ricerca sociale, economica e di opinione, analizza lo stile di vita sostenibile degli italiani in relazione a quattro differenti aree di indagine: livello di conoscenza, atteggiamento, comportamento di consumo e comportamento d’acquisto.

Questa prima indagine ha inoltre approfondito il tema dell’alimentazione, tematica centrale nell’anno di Expo 2015.

Lo studio è stato condotto su un campione complessivo di 1000 individui rappresentativo della popolazione italiana per distribuzione geografica, età e genere.

Dal quadro generale emerge che l’approccio degli italiani ai temi della sostenibilità è positivo anche in tempo di crisi (47%) e si rilevano atteggiamenti di consumo e di acquisto consapevoli, ossia orientati alla sostenibilità ambientale, da parte di una quota considerevole della popolazione (23%). Un trend che coinvolge circa 20 milioni di italiani.

L’analisi registra in particolare come sia il campione in fascia d’età 18 – 34 anni a manifestare il maggior livello di attenzione a questa tematica (37%), seguito dalla fascia d’età 35 – 54 anni. I risultati dell’Osservatorio evidenziano la necessità di maggior informazione e cultura rispetto al concetto generale di sostenibilità, alle sue diverse accezioni e ad uno stile di vita più consapevole.

Il Gruppo Unipol e Ricola, aziende sensibili alla diffusione della cultura della sostenibilità e partner da molti anni di LifeGate, hanno sostenuto la realizzazione di questa prima edizione dell’Osservatorio.

L’evento di presentazione dell’Osservatorio dà il via al progetto LIFEGATE 2015, che ha l’obiettivo di diffondere e rendere concreto e sperimentabile lo stile di vita consapevole durante i mesi di Expo 2015. Questa iniziativa rappresenta una piattaforma d’incontro tra il pubblico e le aziende che intendano promuovere prodotti e soluzioni sostenibili a tutti i visitatori della manifestazione presenti a Milano.

Durante l’Esposizione Universale, LifeGate seleziona eventi e iniziative sul territorio dedicate a differenti aree tematiche, proposte come percorsi in ambito di lifestyle sostenibile, relative ad alimentazione, mobilità, energia, salute e benessere e abitare.

LIFEGATE 2015 prevede iniziative con la partecipazione di Gruppo Unipol, come main partner, Ricola e BMW Italia.

Ad esempio, si potrà sperimentare concretamente la mobilità sostenibile con BMW i3, la prima automobile premium di serie di BMW i, per scoprire luoghi inediti della città legati alla tradizione alimentare italiana a bordo di auto elettriche.

Il calendario di LIFEGATE 2015, la sostenibilità nell’anno di Expo, si arricchirà nei mesi a venire di nuovi eventi ed iniziative.

Maggiori informazioni su: www.lifegate.it/persone/iniziative/lifegate-2015

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI