Cerca nel blog

lunedì 29 giugno 2015

CDTi espande il portfolio di materiali catalitici avanzati


Clean Diesel Technologies, Inc., leader nella tecnologia di controllo delle emissioni, ha introdotto un nuovo segmento nel suo portfolio di materiali avanzati: la tecnologia Base-Metal Activated Rhodium Support (BMARS™). Il BMARS è uno dei nuovi principali materiali catalitici in polvere di CDTi, sviluppati per ridurre la dipendenza dall’utilizzo dei costosi metalli del gruppo del platino (PGM) nei sistemi di controllo delle emissioni dei veicoli, attualmente in fase di test per veicoli e motori presso laboratori di terze parti.

I test iniziali dimostrano che in una tipica configurazione a due catalizzatori utilizzando un monoblocco (CC) e un catalizzatore a pavimento (UF), BMARS, con il 50% in meno di PGM, supera il sistema catalitico OEM su una normale autovettura. Inoltre, il catalizzatore BMARS CC, da solo, ha superato il sistema OEM CC + UF. Questo offre agli OEM la prospettiva di eliminare l'unità catalizzatore UF, il tutto mentre si ottiene una riduzione dei costi PGM superiore al 50% sul restante dell'unità del catalizzatore CC, determinando di conseguenza un potenziale risparmio di costo di oltre $ 200 per veicolo.

Chris Harris, Presidente e CEO di CDTi, ha affermato: “Il 2015 è un grande anno per noi. È l'anno in cui ci aspettiamo di convalidare le nostre piattaforme di materiali avanzati sui veicoli presso le strutture di prova indipendenti. BMARS rappresenta un’altra tecnologia di svolta, insieme a SPGM™ DOC e Spinel™, che abbiamo in programma di impiegare nei rivestimenti dei nostri catalizzatori e che abbiamo intenzione di commercializzare più ampiamente con altri produttori di rivestimenti in forma di polvere di proprietà. I test iniziali hanno rivelato che BMARS rilascia maggiori riduzioni di ossidi di azoto (NOx) sui nuovi motori a iniezione diretta di benzina turbo (GDI) se paragonati ai catalizzatori OEM, e il potenziale per semplificare significativamente un sistema di scarico automobilistico riducendo un sistema a due catalizzatori a un singolo catalizzatore”.

Sugli 88 milioni di autovetture prodotte ogni anno, il rhodium (Rh) è il principale PGM utilizzato per le conversioni dei NOx in benzina nei catalizzatori trivalenti. Le OEM del settore automobilistico spendono approssimativamente 1 miliardo di dollari all’anno in Rh, stando a quanto riportato da Johnson Matthey nel suo PGM Report – Novembre 2014. La dipendenza dell’industria automobilistica dal Rhodium ha provocato, negli anni passati, significativi sbalzi nell’andamento del costo del carburante, con prezzi che variavano da $890 a $10,100 per oncia troy, negli scorsi 10 anni. Recentemente, il rhodium è stato vicino ai minimi storici, con un costo medio di 1,127 dollari per oncia troy, durante la prima metà di maggio 2015. Senza innovazioni come BMARS, il prezzo del rhodium per le case automobilistiche potrebbe aumentare al fine di soddisfare la richiesta della nuova normative Tier 3 dell’EPA che prevede una diminuzione dei NOx dell’80%, così come le OEM del settore automobilistico si stanno muovendo verso motori turbo GDI e ibridi.

I test di riferimento per la tecnologia BMARS sono stati condotti su una Buick del 2014 2.0 con motore a iniezione diretta e su una BMW Mini 1.6 del 2012, utilizzando gli standard di settore della Federal Test Procedure (FTP). Entrambe con motori GDI a iniezione diretta, la Buick con catalizzatore OEM certificato EPA Tier 2 Bin 4 standard e la BMW Mini con catalizzatore OEM certificato EURO 5 standard. I test iniziali hanno dimostrato che BMARS ha il potenziale per ridurre significativamente l’utilizzo di PGM nel catalizzatore, ottenendo, contemporaneamente, regolamentazioni per i tubi di scappamento per quanto riguarda NOx, monossido di carbonio e idrocarburo (HC). L’attivazione del rhodium tramite la nuova tecnologia ha permesso la riduzione del carico di palladio (Pd) così come il rhodium. Inoltre, BMARS ha dimostrato una maggiore capacità di stoccaggio ossigeno (OSC), che è di vitale importanza per la calibrazione e la diagnostica a bordo di sistemi di emissione.

Coerentemente con l’avanzata strategia dei materiali dichiarata, diversi brevetti sono stati assegnati ai componenti, ai processi e alle applicazioni di BMARS. A buon punto anche gli sforzi commerciali e le applicazioni sul mercato secondario per i catalizzatori a base di polvere BMARS per gli OEM. Nel frattempo, i test sulle autovetture e sui motori continuano anche per le altre tecnologie avanzate di CDTi, incluso Spinel™, con nuovi risultati intermedi che verranno presto annunciati.


Test Benchmark di EPA Tier 2 Bin 4 Sistema Catalitico Certificato


Per maggiori informazioni sulla tecnologia BMARS di CDTi, visitate il sito www.cdti.com/bmars

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI