Cerca nel blog

mercoledì 1 luglio 2015

eCommerce: Netcomm commenta il nuovo Accordo di Programma RAEE

ROBERTO LISCIA (PRESIDENTE NETCOMM)
Commenta il nuovo Accordo di Programma RAEE


In relazione al nuovo Accordo di Programma per la definizione delle condizioni generali di raccolta e gestione dei Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE), sottoscritto lo scorso 26 giugno, e annunciato il 1° luglio, da il Centro di Coordinamento RAEE, le Associazioni di categoria dei Produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche, le Associazioni delle Aziende di Raccolta dei rifiuti e le Organizzazioni delle Imprese Commerciali e della Distribuzione, Roberto Liscia, Presidente di Netcomm, il Consorzio del Commercio Elettronico Italiano, dichiara:



Milano, 1 luglio 2015 – "Come Netcomm esprimo grande soddisfazione per aver sottoscritto il nuovo Accordo di Programma per la definizione delle condizioni generali di raccolta e gestione dei Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche RAEE - commenta Roberto Liscia, Presidente di Netcomm - Un'intesa che ha il merito di aver avuto la condizione dei principali operatori e attori istituzionali attivi nel settore: dal Centro di Coordinamento RAEE, alle Associazioni di categoria dei Produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche, alle Associazioni delle Aziende di Raccolta dei rifiuti e alle Organizzazioni delle Imprese Commerciali e della Distribuzione.Oltre a disciplinare le modalità e i tempi di ritiro dei RAEE  e organizzare in modo omogeneo sull’intero territorio nazionale e i relativi premi di efficienza, saranno dati premi di efficienza alle imprese commerciali e della distribuzione, con rimborsi in crescita di quasi il 50% rispetto agli attuali livelli. Come Consorzio del Commercio Elettronico siamo da sempre stati molto sensibili al tema, proprio perché l'elettronica di consumo è una delle categorie di prodotti che storicamente hanno maggiore rilevanza per i consumatori. Secondo i dati dell'ultimo Osservatorio B2C Netcomm-Politecnico di Milano, infatti, l'elettronica di consumo che rientra in questa tipologia di prodotti vale circa il 13% del totale e-commerce, che per l'anno 2015 è complessivamente destinato a superare quota 15 miliardi di euro".
"Tuttavia - prosegue Roberto Liscia - gli obblighi previsti dalla normativa europea rischiano di generare costi che abbattono i vantaggi della vendita tramite internet, erodendo i margini di profitto dei siti di e-commerce. Questa disciplina, infatti, sembra pensata per le grandi catene di distribuzione che dispongono di magazzini, ma mal si adatta ai tanti negozi online che non si appoggiano ad una struttura in grado di gestire il ritiro dei RAEE. Inoltre, le modalità specifiche di attuazione degli obblighi di legge non sono chiare e necessiterebbero di linee guida. Il Decreto Legislativo n. 49 del 14 marzo 2014 rinvia all’emanazione di diversi decreti ministeriali per l’attuazione di molte delle sue disposizioni, alcune fondamentali. Questi decreti non sono stati ancora emanati, permanendo una situazione di notevole incertezza".


Netcomm - Il Consorzio del Commercio Elettronico Italiano è stato costituito l’8 settembre 2005, ma le sue origini risalgono agli albori del commercio elettronico in Italia. Gli obiettivi sono: promuovere le iniziative che possono contribuire alla conoscenza e alla diffusione delle tematiche, dei servizi e delle tecnologie connesse al commercio elettronico; stimolare la collaborazione delle imprese e degli imprenditori del settore, rappresentandoli nei rapporti con le istituzioni a livello nazionale, comunitario e internazionale; definire standard di qualità dei servizi offerti dagli operatori e-commerce; operare presso i media per una corretta comunicazione; operare a favore del settore in termini di aspetti legali e fiscali, diritto di autore, sicurezza e tutto quanto faciliti lo sviluppo di un mercato digitale.

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI