Cerca nel blog

mercoledì 12 agosto 2015

Blitz di Goletta Verde al rigassificatore Olt

"… E io pago!", blitz di Goletta Verde al rigassificatore Olt

L'imbarcazione ambientalista arriva in Toscana e chiede al Governo di rivedere le scelte di politiche energetiche abbandonando definitivamente le fonti fossili

Legambiente: "È i
naccettabile continuare a sostenere le fonti fossili attraverso sussidi diretti o indiretti per salvare aziende che continuano a proporre nei nostri territori progetti e infrastrutture antiquate". 


È inaccettabile che i cittadini paghino progetti privati fallimentari. Il Governo cambi finalmente le sue scelte in materie di politiche energetiche, eliminando innanzitutto i sussidi alle fonti fossili spostando le risorse sui piccoli impianti da fonti rinnovabili. È assurdo continuare ad emanare decreti che di fatto bloccano il futuro dell'Italia e la sua strada verso un futuro 100% rinnovabile.
È la richiesta che arriva da Goletta Verde, la storica imbarcazione di Legambiente  a tutela del mare e delle coste italiane, che oggi è arrivata in Toscana. Proprio in occasione della prima tappa in regione, gli attivisti dell'associazione hanno effettuato un passaggio nei pressi dell'impianto off shore per la rigassificazione del gas naturale liquefatto al largo della costa tra Livorno e Pisa, esponendo lo striscione "E io Pago.." . Il Terminale "FSRU Toscana" infatti è la piena dimostrazione che non solo le fonti fossili non sono più strategiche per la questione energetica italiana ma anche come dal punto di vista economico queste non stiano più in piedi.
"La  storia del  rigassificatore OLT è esemplare della fallimentare storia italiana di progetti privati nel campo delle  infrastrutture, senza valutazioni serie e controlli. Questo impianto – spiega Fausto Ferruzza, presidente di Legambiente Toscana - ha visto lievitare i propri costi di costruzione di oltre 500 milioni di euro, mettendo in evidenza tutte le criticità di un progetto sbagliato. Sono le bollette degli italiani a pagare oggi i costi di questo intervento, dopo che è stato riconosciuto come infrastruttura strategica e,  come tale, avente diritto a una garanzia sui mancati ricavi. Il meccanismo di legge prevede di  beneficiare di una copertura fino a un massimo del 64% dei costi riconosciuti in caso di completo inutilizzo dell'impianto. L'onere in bolletta viene stimato tra i 70 e i 90 milioni di euro all'anno. Oggi, anche in Toscana, dovremmo concentrarci sulle rinnovabili, sull'efficienza, sugli investimenti nell'innovazione, sulle smartgrid e, più in generale, su un sistema energetico basato su piccoli impianti distribuiti sui territori in grado di produrre quell'energia di cui la comunità locale ha davvero bisogno".
Una scelta indispensabile, potremmo dire ovvia, per fermare i cambiamenti climatici è quella di eliminare tutti i sussidi per le fonti fossili (si stimano 1.900 miliardi di dollari, nel 2011, i sussidi per le fonti fossili a livello mondiale). Perché la combustione delle fonti fossili è la causa principale dei cambiamenti del clima ed è semplicemente assurdo che beneficino di sussidi l'estrazione e il consumo di petrolio, carbone, gas quando oggi le fonti rinnovabili sono una concreta e sempre più conveniente alternativa.
"E' paradossale chiedere ai cittadini di sostenere e garantire un progetto fallimentare, – dichiara Katiuscia Eroe, portavoce di Goletta Verde - così com'è dannoso continuare a sostenere le fonti fossili attraverso sussidi diretti o indiretti per salvare aziende che continuano a proporre nei nostri territori progetti e infrastrutture antiquate. Non solo per ragioni di inquinamento ambientale locale, ma anche perché queste rappresentano una battaglia persa in partenza. Due le richieste al Governo: da una parte  cambiare queste politiche scellerate, fermando tutti i sussidi alle fonti fossili e spostando tali risorse sui piccoli impianti da fonti rinnovabili, dall'altra cessare di emanare decreti che di fatto bloccano il futuro dell'Italia e la sua strada verso un futuro 100% rinnovabile. Come dimostra l'ultimo decreto "anti-rinnovabili" del Governo Renzi, che rischia di bloccare un settore che in questi anni ha generato occupazione, benefici per ambiente e salute e che, non ultimo, ci ha resi più indipendenti dai produttori di energia da fonti fossili. Dall'altra di attuare politiche di contrasto e mitigazione ai cambiamenti climatici, dove le fonti fossili hanno giocato e continuano a giocare un ruolo determinante, anche in vista della COP21 di Parigi del prossimo dicembre".
Secondo l'ultimo rapporto "Stop sussidi alle fonti fossili di Legambiente" sono 17,5 miliardi di euro i sussidi diretti e indiretti destinati alle fonti fossili. Tra questi vale la pena ricordare gli oltre due miliardi di euro concessi alle centrali inquinanti tramite Cip6; o ancora i 63 milioni di euro l'anno per i prossimi 20 anni, destinati alla centrale a Carbone nel Sulcis; gli 80 milioni di euro che nel 2013 sono stati destinati per sostenere le centrali inquinanti delle isole minori e ancora i 2 miliardi di euro l'anno destinanti a RIU da impianti da fonti fossili.

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI