Cerca nel blog

venerdì 25 settembre 2015

Dal 2 al 4 ottobre nella valle di Astino di Bergamo, il primo incontro europeo sul metodo biointensivo

Più alimenti in meno spazio: il primo incontro europeo sul metodo biointensivo nella Valle di Astino a Bergamo
 
Dal 2 al 4 ottobre ad Astino, nella Valle della Biodiversità dell'Orto Botanico "Lorenzo Rota" di Bergamo, si svolge il primo incontro europeo sull'agricoltura organica sostenibile a scala familiare del metodo biointensivo: uno dei sistemi di coltivazione di piante alimentari su piccola scala più sostenibile sotto il profilo ambientale. L'iniziativa è organizzata dall'Orto Botanico di Bergamo in collaborazione con la Comunità del Mais Spinato di Gandino.

La Rete degli Orti botanici della Lombardia promuove questo nuovo spazio dell'Orto di Bergamo di 9 mila metri quadrati che dall'inaugurazione dell'estate scorsa ha già registrato 20 mila visitatori. La particolarità del luogo consiste nell'essere interamente dedicato alle piante alimentari e all'educazione alla sostenibilità.

 
25 settembre 2015 - La Comunità del Mais Spinato di Gandino, in collaborazione con l'Orto botanico Lorenzo Rota, organizza il primo incontro europeo sul metodo biointensivo di coltivazione che si tiene dal 2 al 4 ottobre ad Astino nella Valle della Biodiversità, il nuovo spazio dell'Orto di Bergamo. Per partecipare è necessario iscriversi entro il 30 settembre.

Il metodo biointensivo affronta il delicato tema dell'agricoltura sostenibile, fornendo indicazioni e tecniche basate sul concetto di coltivare per nutrire il terreno senza impoverirlo, affinché possa essere una vera risorsa rigenerabile per l'uomo. Le lezioni sono tenute da istruttori certificati nel metodo come Juan Manuel Martinez Valdex, referente del metodo biointensivo per l'America Latina e Caraibi, paese dove è largamente diffuso.

Il corso consiste in lezioni teoriche e pratiche in spagnolo con traduzione in italiano per approfondire questa tecnica di coltivazione applicabile anche nel piccolo orto di casa. L'iscrizione al corso comprende un manuale esplicativo, una visita guidata all'Accademia Carrara di Belle Arti di Bergamo, una visita del Monastero di Astino e alla Valle della Biodiversità e un tour guidato alla scoperta della Città Alta di Bergamo.

La location di Astino, nuovo spazio dell'Orto aderente alla Rete degli Orti botanici della Lombardia che ha già raggiunto i 20 mila visitatori dalla sua inaugurazione primaverile, si presta perfettamente a questa iniziativa. È un museo di 9 mila metri quadrati a cielo aperto, dove si studiano e si conservano collezioni botaniche alimentari, le più preziose per indicare relazioni ed esperienze tra piante e uomo. In questo spazio si educano i visitatori al concetto di sostenibilità ad ampio spettro, partendo dal contesto del territorio locale. L'obiettivo dell'Orto botanico è di presentare nel grande spazio della Valle della Biodiversità di Bergamo 300 specie vegetali con almeno 1500 varietà che cambiano a seconda delle stagioni, dalle più rustiche alle tropicali in vaso. Ogni stagione diventa quindi un'occasione di scoperta dei ritmi della natura ad Astino e anche della vita delle piante alimentari più familiari: il mais, i pomodori, le patate, le viti, i fagioli, le quinoe, gli amaranti, i frumenti, i risi, le insalate e così via nelle loro molteplici varietà.

E' possibile iscriversi al corso sul meotodo biointensivo entro il 30 settembre versando la quota di iscrizione di 70 euro attraverso il sito della Comunità del Mais Spinato di Gandino, organizzatrice dell'evento.

Per ulteriori informazioni contattare i numeri 3409325186 e 035746215 o consultare il sito dell'Orto botanico di Bergamo.


La Rete degli Orti botanici della Lombardia nasce nel 2002 e si costituisce associazione nel 2009. Ha come scopo la tutela, la conoscenza, la promozione e la valorizzazione del patrimonio degli Orti botanici, della natura e dell'ambiente, con particolare attenzione alla conservazione delle piante. Cardini dell'associazione sono la promozione della cultura e della ricerca scientifica e il perseguimento di iniziative condivise per favorire la collaborazione con enti pubblici e privati in Italia e all'estero. La Rete degli Orti botanici della Lombardia comprende sette realtà tra giardini e Orti botanici regionali. Ne fanno parte l'Orto botanico di Brera - Università degli Studi di Milano, l'Orto botanico dell'Università di Pavia, l'Orto botanico di Bergamo Lorenzo Rota con la nuova sezione di Astino "La Valle della biodiversità", l'Orto botanico di Città Studi dell'Università degli Studi di Milano, il Giardino botanico alpino "Rezia" di Bormio (So), il Parco botanico di Villa Carlotta di Tremezzina (Co) e il Giardino botanico sperimentale G.E. Ghirardi di Toscolano Maderno (Bs).






--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI