Cerca nel blog

venerdì 25 settembre 2015

ERP pubblica il suo “Position Paper” per sostenere la European Circular Economy Strategy della Commissione Europea

La soluzione al problema europeo dei rifiuti elettronici passa da una maggiore cooperazione pan-europea nell'applicazione delle norme RAEE

Milano, 23 settembre 2015.  ERP (European Recycling Platform), in prima linea da sempre per garantire la conformità delle attività di raccolta e trattamento dei RAEE al fine di contrastarne il commercio illegale, ha pubblicato il "Position Paper" per sostenere la European Circular Economy Strategy della Commissione europea che comprende una proposta legislativa focalizzata sulla gestione di rifiuti elettrici ed elettronici.  
 
Il documento evidenzia che la mancanza di una  conformità e applicazione delle norme sui RAEE a livello europeo causa delle scarse performance nel riciclo dei RAEE. Uno dei prossimi obiettivi, quindi, è quello di sensibilizzare innanzitutto i singoli governi ed i consumatori a tutelare l'ambiente  garantendo una concorrenza leale in grado di ostacolare  lo sviluppo di qualsiasi  attività di free-riding da parte dei responsabili della gestione dei RAEE.
"Sin dal 2002 abbiamo investito in modo continuativo in iniziative contro la dispersione e la sottrazione dei RAEE dal flusso di raccolta ufficiale. Ci siamo attivati senza risparmio in tutta Europa per far crescere la sensibilità dei consumatori finali promuovendo una maggiore consapevolezza dell'importanza del riciclo. Siamo lieti di condividere la nostra esperienza in materia e di affiancare le autorità UE nell'affrontare il problema dei rifiuti elettronici, offrendo il nostro contributo a una soluzione" - dichiara Umberto Raiteri, Presidente e CEO di ERP Group.
La denuncia di ERP delle devastanti ripercussioni economiche ed ecologiche causate dalla non conformità e dalla scarsa applicazione delle misure di legge a sostegno delle direttive UE sui rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche ha trovato in questi giorni un'autorevole conferma in uno studio internazionale finanziato dall'Unione Europea (CWIT), che esorta la Commissione europea e le autorità locali a garantire la conformità RAEE.

Recenti dati evidenziano come appena un terzo (35%, 3,3 milioni di tonnellate) di tutti i RAEE generati in Europa nel 2012 sia stato trattato e riciclato a norma. Pertanto, una quota fin troppo ampia dei dispositivi elettrici ed elettronici dismessi dagli utenti viene gestita in modo improprio all'interno dell'Europa, al solo scopo di ricavare le componenti di valore, o prende la strada dell'esportazione illegale di rifiuti verso paesi extraeuropei.ERP si occupa di conformità in 17 paesi europei e può svolgere un ruolo fondamentale nel rafforzare il rispetto della normativa vigente attraverso il coordinamento dei propri sforzi su scala pan-europea apportando miglioramenti alla cooperazione e allo scambio di informazioni a livello internazionale per combattere il commercio illegale dei RAEE. Infatti, fin dalla sua fondazione, ERP ha raccolto con successo più di 2,5 milioni di tonnellate di RAEE e 34.000 tonnellate di rifiuti di pile. Grazie alla sua supply chain certificata e alla scelta di fornitori attraverso gare annuali e programmi di audit ambiziosi e leader del settore, è in grado di offrire servizi di riciclaggio appropriati e di elevata qualità, che incoraggiano l'attuazione della normativa nazionale e comunitaria di conformità.
"Come ERP il nostro obiettivo è continuare a lavorare per perfezionare gli standard, ad esempio con un progetto dedicato come WEEELABEX, e per la messa a punto di un sistema di standard tecnici per la gestione dei RAEE che sia coerente, completo e valido in tutta Europa. Vogliamo migliorare l'attuale situazione devastante dei rifiuti elettronici in Europa e assicurarci che gli impatti divengano realmente limitati" - continua Umberto Raiteri, Presidente e CEO di ERP Group.

In Italia, ERP ha saputo coinvolgere i cittadini in programmi educativi e ha attivato da alcuni anni fruttuosi rapporti di collaborazione con istituzioni e diversi istituti scolastici di tutta Italia realizzando importanti progetti di educazione e sensibilizzazione ambientale.

"Abbiamo affiancato i progetti realizzati in collaborazione con gli istituti scolastici a Firenze e nell'hinterland fiorentino, a Roma e a Udine con numerose altre iniziative di educazione ambientale svolte sul territorio. A titolo di esempio, posso citare la partnership con la ASD Maratonina Udinese, giunta al terzo anno consecutivo con ottimi risultati in termini di mobilitazione e raccolta, e il progetto pilota per la raccolta a domicilio di pile esauste che ha visto coinvolti più di 39.000 nuclei familiari in oltre 50 comuni della provincia di Cuneo. In tre mesi, il progetto ha portato alla raccolta di 2,13 tonnellate di batterie portatili esauste, più altri 7,6 quintali che sono stati conferiti dai cittadini direttamente negli ecocentri." conclude Alberto Canni Ferrari, Country General Manager ERP Italia.


Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI