Cerca nel blog

martedì 3 novembre 2015

FIAB e Trenitalia rafforzano l'impegno per soluzioni d'intermodalità fra treno e bicicletta

A Ecomondo di Rimini fino a venerdì si parla anche di mobilità sostenibile

Mobilità sostenibile e intermodalità fra treno e bici tra i temi di Ecomondo. L'impegno di FIAB e Trenitalia.

Risposte positive e investimenti dedicati, dal primo tavolo di lavoro congiunto: nuovi spazi per le bici a bordo dei convogli, facilità nell'acquisto dei biglietti e, con RFI, la realizzazione di 180 stazioni accessibili agli utenti con bicilette al seguito.

Milano, 3 novembre 2015 - In concomitanza con Ecomondo, la 19^ edizione del grande salone dedicato alla green economy e all'economia circolare in corso a Rimini in questi giorni, continua il dialogo tra FIAB-Federazione Italiana Amici della Bicicletta e Trenitalia, quest'ultima presente alla fiera riminese con un fitto programma d'incontri, studiati per contribuite a dare un'impronta sostenibile al tradizionale paradigma della mobilità e a valorizzare le peculiarità del trasporto su rotaia, con una particolare attenzione alle esigenze regionali.

Treno e bicicletta sono due mezzi di trasporto che rispettano l'ambiente e le persone: una funzionale e puntuale intermodalità fra treno e bici è qualcosa di imprescindibile per lo sviluppo di un'autentica mobilità sostenibile.
FIAB
e Trenitalia lo sanno bene e sono già impegnate in questa direzione: qualche settimana fa si è svolto, infatti, a Roma il primo Tavolo tecnico previsto dalla Convenzione Trenitalia - FIAB (siglata lo scorso 13 aprile*) dove sono emerse già alcune risposte positive alla "piattaforma di richieste FIAB" **.

In relazione al trasporto delle biciclette a bordo dei treni, Trenitalia sta predisponendo nuovi capitolati per il materiale rotabile, che permettono alle Regioni committenti di scegliere gli allestimenti per il trasporto delle bici a bordo dei nuovi treni e, parallelamente, ha stanziato un investimento di circa 60 milioni di euro dedicati all'adeguamento di alcuni convogli già in uso, dove verranno creati spazi dedicati al trasporto delle biciclette (la riqualificazione interesserà, in primis, la flotta TAF in circolazione sui collegamenti regionali in Lazio, Veneto, Piemonte e Campania e si completerà nel 2016).

Allo studio la possibilità di acquistare il supplemento bici dal sito internet delle ferrovie - oltre che nei 70.000 punti vendita esterni della rete Sir, Sisal e Lottomatica - e la creazione del posto bici a bordo "prenotabile" in anticipo. Verranno anche incentivate possibili partnership per favorire l'acquisto di biciclette pieghevoli da parte degli abbonati al trasporto regionale.
Per quanto riguarda il cicloturismo, Trenitalia sta vagliando un ulteriore accordo con FIAB per trovare forme di facilitazione e promozione dei viaggi in bici, per gli abbonanti Trenitalia che usufruiranno della rete di Albergabici.it

Intermodalità treno+bici, sia in ambito quotidiano sia per il tempo libero, vuol dire anche facilità di accesso alle stazioni e servizi adeguati in ogni momento, come conferma il Protocollo d'intesa RFI - FIAB firmato a settembre, che si propone di elaborare progetti di potenziamento infrastrutturale per migliorare l'accessibilità delle stazioni e facilitare, a chi usa le due ruote, gli spostamenti in ambito ferroviario (marciapiedi, sottopassaggi pedonali).
Con interventi in 180 hub nell'ambito del Progetto 500 stazioni il protocollo prevede, attraverso interventi dedicati e finanziamenti con fondi RFI e fondi pubblici destinati alla mobilità sostenibile, l'allestimento di stalli pavimentati e coperti riservati al parcheggio delle biciclette, scivoli per accedere ai binari, aree bike sharing nelle piazze antistanti alle stazioni nelle città dove il servizio è operativo, locali per il noleggio e la manutenzione delle bici, segnaletica dedicata, ma anche un decalogo di buoni comportamenti in stazione e in treno rivolto agli utenti che viaggiano con una bicicletta al seguito.

Bicicletta, mobilità sostenibile e intermodalità tra mezzi di trasporto sono dunque in scena anche in occasione di Ecomondo Rimini, da oggi fino a venerdì 6 novembre.
Per info: www.fiab-onlus.it / www.trenitalia.com / www.ecomondo.com


* http://fiab-onlus.it/bici/attivita/treno-bici/item/1089-trenitalia-tavolo-nazionale.html
** http://fiab-onlus.it/bici/attivita/treno-bici/item/1107-piattaforma-fiab-trenobici.html


Fondata nel 1988, FIAB Onlus-Federazione Italiana Amici della Bicicletta è oggi la più forte realtà associativa dei ciclisti italiani non sportivi. Con circa ventimila soci suddivisi in 142 associazioni sparse su tutto il territorio italiano, FIAB è prima di tutto un'organizzazione ambientalista che, come riporta il suo Statuto, promuove la diffusione della bicicletta quale mezzo di trasporto ecologico in un quadro di riqualificazione dell'ambiente, urbano ed extraurbano.
Forte della presenza tra i suoi soci di numerosi esperti in campo sanitario, giuridico, urbanistico, ingegneristico e paesaggistico, FIAB è diventata, negli anni, il principale interlocutore di numerosi enti locali sull'importante tema della mobilità sostenibile. FIAB è stata riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente quale associazione di protezione ambientale (art. 13 Legge n. 349/86) e inserita dal Ministero dei Lavori Pubblici tra gli enti e associazioni di comprovata esperienza nel settore della prevenzione e della sicurezza stradale.
Tra le numerose iniziative, FIAB organizza ogni anno Bimbimbici, manifestazione nazionale dedicata a bambini e ragazzi che nel 2013 ha toccato 250 città, e Bicistaffetta, per promuovere il cicloturismo quale volano economico del nostro Paese. Fiab aderisce a E.C.F.-Federazione Europea dei Ciclisti. Presidente di FIAB è Giulietta Pagliaccio.

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI