Cerca nel blog

lunedì 23 novembre 2015

La Fondazione italiana MEDSEA si aggiudica la gara internazionale per la creazione di due aree marine protette a São Tomé e Príncipe, nel Golfo di Guinea


La Fondazione MEDSEA è stata costituita appena qualche mese fa a Cagliari e si è già aggiudicata una gara internazionale per la definizione di un modello di gestione e di tutela basato sul sistema delle Aree Marine Protette italiane e della sua implementazione in due aree marine a São Tomé e Príncipe, un piccolo stato indipendente al largo dell’Africa centro-occidentale.

Cos’è la Fondazione MEDSEA
La Fondazione MEDSEA-Mediterranean Sea and Coast Foundation senza scopo di lucro ha sede a Cagliari e nasce per la tutela e la valorizzazione del patrimonio storico-culturale, ambientale, paesaggistico e marino-costiero nonché per la promozione della collaborazione e della solidarietà tra i Paesi rivieraschi. È costituita da importanti ricercatori italiani e di numerosi esperti internazionali di settore. La Fondazione ha scelto di aprire la sede principale a Cagliari, proprio per la sua posizione strategica capace di far dialogare tutti i Paesi che affacciano sul bacino del Mediterraneo e non solo. La Sardegna, infatti, è la Regione italiana che ha maturato, in questi ultimi anni, una buona esperienza sia nella salvaguardia delle coste che nell’istituzione di aree marine protette.

Da poco costituiti – ha detto Alessio Satta, Presidente di MEDSEAabbiamo già raggiunto un risultato eccezionale come l’aggiudicazione di questa gara internazionale promossa dal GEF (Global Environmental Fund) della Banca Mondiale per la creazione di due aree marine protette nel Golfo di Guinea. La Fondazione assolve compiti specifici in un settore d’eccellenza in Italia: la salvaguardia delle coste e del mare. Ci auguriamo di poter mettere a disposizione il nostro know how e quello delle aree marine protette della Sardegna per la tutela della biodiversità, fondamento per gli ecosistemi marini, purtroppo sempre più spesso minacciata dalle attività umane in mare che comportano seri danni come la perdita di habitat, l’introduzione di specie non autoctone, l’inquinamento e il cambiamento climatico ”.

Gli obiettivi e le attività della Fondazione nelle AMP di São Tomé e Príncipe
Tra gli obietti perseguiti da MEDSEA:
1. contribuire allo sfruttamento sostenibile degli stock ittici costieri attraverso la creazione di due aree marine protette, che, per la prospettiva economica e sociale, dovrebbero garantire una fonte di proteine e di reddito per la popolazione in crescita;
2. aiutare i decisori e i soggetti interessati nell'individuazione e implementazione di un modello di gestione delle due aree marine protette a São Tomé e Príncipe, per una superficie totale di circa 20 km2;
3. eseguire una precisa mappatura e una zonizzazione preliminare delle due aree marine;
4. sviluppare i piani di gestione delle Aree Marine Protette e dei loro sistemi di governance secondo i principi della gestione integrata delle zone costiere.

Per raggiungere questi risultati, la Fondazione condurrà, anzitutto, una revisione completa della documentazione e dei dati esistenti sulle migliori pratiche e progetti modello per la creazione delle AMP in Italia ed in particolari in alcuni casi di eccellenza come la AMP Sinis Mal di Ventre in Sardegna. Una volta acquisite le informazioni necessarie, gli esperti, in una missione sul campo della durata di due settimane che comprenderà ispezioni in barca e immersioni in luoghi specifici, incontrerà i soggetti interessati, come i pescatori locali, partner istituzionali, la società civile e il settore privato. Sarà poi fornita una mappatura dettagliata delle AMP e una proposta di modello di governance per l'isola di São Tomé e una per l'isola di Príncipe. Sarà infine organizzato un momento di incontro e confronto con tutti i soggetti interessati per la presentazione dei risultati del lavoro.

Il panorama legislativo internazionale e nazionale
Alla fine degli anni '90, l'UNDP (United Nations Development Programme) ha presentato una proposta per la creazione di aree marine e costiere nell’ambito del Piano Nazionale per l'ambiente di sviluppo e sostenibile (PNEDD). Uno studio pubblicato nel 2006 dall'Università di Montpellier in Francia ha messo in evidenza il problema della pesca eccessiva e la necessità di una riduzione degli stock ittici oltre che l’adozione, da parte dei pescatori, di tecniche più sostenibili. Lo studio, inoltre, ha raccomandato la creazione di aree marine e di barriere artificiali (DCP), dispositivi installati in mare, al fine di attrarre e concentrare i pesci per consentire la rigenerazione delle popolazioni ittiche locali.

Alessio Satta
Attualmente Presidente di MEDSEA, è stato Direttore Generale dell’agenzia Conservatoria delle coste della Sardegna, e collabora attivamente con il Programma Ambiente delle Nazioni Unite nel Mediterraneo (UNEP-MAP) nel settore dei cambiamenti climatici e della gestione delle zone costiere e con il Joint Technical Secretariat del programma ENPI CBC MED dell’Unione Europea.

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI