Cerca nel blog

venerdì 6 novembre 2015

Oli lubrificanti, pneumatici e batterie: ecco il mondo del riciclo dell'automobile

Italia vicina all’obiettivo UE del 95% del riciclo. Nel nostro Paese sono 900 mila le vetture che ogni anno giungono a fine vita: un’incredibile risorsa di materiali da sottrarre alla discarica, con alcuni casi di eccellenza.

Un tipico esempio di “economia circolare” che fa bene alle casse dello Stato e all’ambiente: è il mondo che ruota intorno alla seconda vita dell’automobile, che si è dato appuntamento alla Fiera riminese Ecomondo. 

Nel corso del convegno “La seconda vita dell’auto e l’economia circolare” tenutosi ad Ecomondo, si è fatto il punto della situazione in un anno, il 2015, che si può considerare spartiacque per l’industria del riciclo delle auto a fine vita.
 
Un mondo che vede in prima linea i Consorzi di filiera che si occupano del recupero e del riciclo dei materiali di consumo come oli lubrificanti, batterie e pneumatici: più dell’80% del materiale che compone un’autovettura è infatti integralmente riciclabile. Ma quante sono le auto che giungono a fine vita ogni anno in Europa e in Italia? Secondo i dati Eurostat basati su stime comunicate da ciascun membro dell’Unione, ogni anno sono più di 6.7 milioni i veicoli da avviare a riciclo nel Vecchio Continente; l’Italia, dal canto suo, contribuisce al totale con circa 900 mila vetture l’anno: un’incredibile risorsa di materiali da sottrarre alla discarica.

Il 2015 è un anno importante per questo particolare settore dell’industria del riciclo: dal 1° gennaio, infatti, è scattato l’obbligo di riciclare almeno il 95% del peso del veicolo da rottamare: l’85% dovrà essere oggetto di reimpiego e riciclo, mentre il restante 10 dovrà essere colmato attraverso il recupero di energia. Secondo gli ultimi dati diffusi dall’Unire (Unione imprese del recupero di Confindustria) in Italia la percentuale di reimpiego e riciclo dei veicoli a fine vita si attestava sull’82,5% nel 2014: di conseguenza non dovremmo avere troppi problemi a superare l’obiettivo imposto dall’UE. È invece necessario lavorare sull’aspetto del recupero energetico, ambito in cui siamo carenti: nel nostro Paese non si è raggiunto infatti neppure l’obiettivo precedente, che fissava il tetto al 5% e che ora è raddoppiato.
Fortunatamente non mancano i casi di eccellenza assoluta. 

Il Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati, ad esempio, recupera ormai il 98% dell’olio lubrificante usato raccoglibile, destinandone il 91% all’industria della rigenerazione. Numeri che fanno dell’Italia il Paese leader in Europa nella recupero e nel riciclo di questo rifiuto pericoloso, con grandi vantaggi per l’ambiente (bastano 4 kg di olio usato, il cambio di un’automobile, a inquinare una superficie d’acqua grande come un campo da calcio) e per l’economia: circa il 25% delle basi lubrificanti consumate in Italia sono infatti rigenerate e solo nel 2014 l’Italia ha risparmiato 90 milioni di euro sulle importazioni di greggio dall’estero.

Per quanto riguarda invece gli pneumatici fuori uso, alla fine del 2015 saranno oltre 325.000 (stima UNRIGOM) le tonnellate raccolte nel nostro Paese: di queste, il 45% viene avviato a riciclo, mentre il 55% segue la strada del recupero energetico.  Le quantità raccolte sono in crescita rispetto al 2013, anno in cui il dato si attestava a 316.638, ma la forbice tra riciclo e incenerimento non è cambiata.  

Tra i Consorzi di filiera che operano nel settore, Greentire è l’unico player che garantisce il 100% del riciclo di PFU attraverso il recupero di materia: grazie alla loro elasticità, e alla resistenza alla deformazione, i prodotti in gomma ottenuti dalla granulazione degli PFU vengono utilizzati nel settore edile, stradale, di arredo urbano, ma anche per i campi sportivi, piste di atletica e per rendere sicure le aree di gioco delle nostre città. Greentire, inoltre, investe fortemente in ricerca e sviluppo sia per migliorare le prestazioni dei prodotti derivati dal granulato di gomma sia per implementare le applicazioni.

Sono invece 172 milioni i chilogrammi di accumulatori raccolti ogni anno in Italia (dati del Centro di coordinamento nazionale) dai veicoli a fine vita. Leader in Italia è il Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo (Cobat) che recupera il 65% delle batterie al piombo, dalle quali si ricavano materie prime seconde, piombo e plastica per nuovi riutilizzi.Il metallo riciclato dalle batterie esaurite rappresenta oltre il 40% della produzione italiana di piombo, nonché il 37% del fabbisogno nazionale di metallo. Oltre a possedere uno dei migliori modelli d'impresa dediti alla raccolta dei rifiuti, l'Italia vanta anche una tecnologia per il riciclaggio delle batterie esauste tra le più aggiornate al mondo.

“Questi dati - ha spiegato Franco Venanzi, presidente di A.N.CO., l’Associazione Nazionale Concessionari Consorzi - dimostrano le potenzialità di un settore in continua evoluzione tecnologica nel quale l’Italia gioca da sempre un ruolo da protagonista. Le imprese di raccolta, dislocate su tutto il territorio nazionale, lavorano ogni giorno per sottrarre i rifiuti che derivano dalle automobili dal possibile sversamento nell’ambiente, indirizzandoli verso un’industria del riciclo che consente di trasformarli in preziosa risorsa per l’economia del Paese. In questi anni siamo cresciuti in termini di certificazioni, standard qualitativi e lavoro sinergico con i Consorzi di filiera, ma a livello legislativo    abbiamo bisogno di regole semplici e certe che ci permettano di svolgere al meglio il nostro lavoro”.

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI