Cerca nel blog

martedì 15 dicembre 2015

Parte in tutte le scuole dell’Appennino Reggiano il progetto didattico di ERP Italia, IREN, e WWF Ricerche e Progetti: l’educazione ambientale al riciclo delle pile esauste inizia sui banchi di scuola

Castelnovo ne Monti, 15 dicembre 2015 - Con la consegna del materiale didattico, programmata nella giornata di lunedì 14 dicembre, prenderà il via in tutte le scuole elementari e medie di 10 Comuni dell’Appennino Reggiano il progetto didattico di educazione ambientale su rifiuti, gestione delle risorse ed energia organizzato da ERP Italia, IREN e WWF Ricerche e Progetti.
Il progetto, che coinvolgerà circa 1.900 alunni delle scuole di Castelnovo ne’ Monti, Busana, Carpineti, Casina, Collagna, Ligonchio, Ramiseto, Vetto, Villa Minozzo e Toano, si propone di fornire le cognizioni di base sull’energia e, in particolare, sul ciclo di vita delle comunissime batterie portatili monouso e ricaricabili, oltre che di sensibilizzare le comunità del territorio sull’importanza della raccolta delle pile esauste.
Allo scopo di avvicinare e appassionare i bambini alle tematiche ambientali legate alla destinazione finale delle pile esauste e delle apparecchiature elettriche o elettroniche non più funzionanti o in disuso, il programma didattico prevede incontri formativi con insegnanti e studenti delle scuole. Attraverso materiali didattici ad hoc (opuscoli, poster e cartoline) saranno spiegati la composizione e il funzionamento delle pile, l’inquinamento dovuto all’abbandono nell’ambiente di questa tipologia di rifiuti e l’importanza del sistema nazionale di raccolta e riciclo.
Al termine di questa fase di formazione, partirà a gennaio la seconda parte del progetto dedicata alla raccolta straordinaria di pile esauste guidata da Iren. Tutte le classi, infatti, saranno incoraggiate a partecipare attivamente. Inoltre, tutte le scuole saranno dotate degli appositi raccoglitori per la raccolta forniti da ERP Italia.
Il progetto di IREN, ERP Italia e WWF Ricerche e Progetti si concluderà a marzo con una giornata in cui saranno pesati i raccoglitori conferiti dalle scuole. All’istituto vincitore spetterà un riconoscimento ufficiale e ulteriori premi che saranno consegnati alle classi che avranno raggiunto il miglior punteggio in termini di gr per studente.

Insieme ad IREN - che si occuperà del servizio di raccolta, pesatura e stoccaggio temporaneo - e WWF Progetti e Ricerche, con cui collaboriamo attivamente da tempo, abbiamo studiato un percorso didattico, di divulgazione e di sensibilizzazione che tiene conto delle peculiarità dei comuni della fascia appenninica” - dichiara Samantha Charalambous, Marketing Manager di ERP Italia. ”In questo territorio montano più che altrove la scuola rappresenta non solo un servizio essenziale, ma anche un primario centro di aggregazione per realtà comunali cui fanno capo numerose frazioni. Per questo, il radicamento della buona pratica ambientale del conferimento delle pile esauste nei centri di raccolta comunali non può che passare dai banchi di scuola.”  

“Le scuole della Montagna reggiana sono da sempre sensibili ai temi ambientali e da tempo Iren collabora attivamente nella realizzazione di progetti didattici. – ricorda Arturo Bertoldi Responsabile Educazione Ambientale Iren - Il progetto promosso insieme a ERP Italia e WWF Ricerche e Progetti  per la sua capillarità rappresenta una ulteriore occasione per rafforzare a scuola come in famiglia una matura sensibilità ecologica”.
Aggiunge il Presidente dell'Unione dei Comuni dell'Appennino Reggiano, Enrico Bini: “Ci fa molto piacere che  si sia scelto di investire sull'educazione ambientale “precoce”: i bambini e i ragazzi non soltanto hanno dimostrato in questi anni di essere particolarmente attenti agli aspetti della salvaguardia dell'ambiente, ma anche di essere ottimi “ambasciatori” di buone pratiche e informazioni importanti all'interno delle famiglie, spesso riuscendo a “educare” gli adulti grazie al loro entusiasmo”.

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI