Cerca nel blog

lunedì 30 novembre 2015

Waters are more polluted than tests say: Standard toxicity analyses come up short

Bodies of water are "sinks", and thereby bind contaminants particularly well. If even slightly toxic concentrations in water are to be detected, the growth and swimming behavior of small crustaceans, mini-snails and copepods should be used for ecotoxicological assessments.  This was the conclusion of a scientist from the TUM, who carried out a number of studies on the subject. She also confirmed that it is more informative to test several substances in parallel on various aquatic species, rather than only carrying out individual toxicity tests.


If a small crustacean does not grow properly, this can affect its reproduction. And if it is no longer able to move normally, it cannot flee from predators or from changing temperatures, which eventually has a fatal outcome. In scientific research, these effects are referred to as "sublethal effects". However, worldwide standard methods of pesticide analysis and the risk assessments associated with them only consider the lethal (deadly) effects. For the first time, three studies published in "Ecotoxicology", "Environmental Science and Pollution Research" and "Environmental Toxicology and Chemistry" demonstrate the sublethal effects on swimming behavior and growth, caused by widely used pesticides on the animals being studied. Moreover, the results indicate that the substances influence the underwater world for weeks, even if they are no longer detectable using standard methods.

Pesticides become more toxic as a combined package

Another factor is the mix of pesticides: "We looked at the insecticides not individually, but as a mixture, in order to investigate their interaction with one another", explains lead author Dr. Simone Hasenbein. "In addition, we observed several species in the contaminated water body, including the less standard species for these tests, such as mini-snails and copepods."

The tests took place over a period of ten days in the laboratory and also for six months in the field. Eventually, significantly negative effects resulting from the combined pesticide pollution in the water were found for twelve of the 15 small invertebrates and ten of the 16 zooplankton species. "Another point that was considered was how long the insecticide remained detectable in water", was Dr. Hasenbein's explanation of the method – "thus, one of the three substances was still detectable after six weeks."

A clear result delivered by a combination of study series

  • Firstly, the laboratory tests provided an indication of the concentrations at which the contaminants influence the growth and swimming behavior of the organisms.
  • The field studies proved the long-term effects on an entire ecosystem, its food web and its community structures.
The negative effects on aquatic ecosystems could only be pinned down once all the results were combined. Since the microorganisms being studied can be influenced by the pesticides for much longer than these substances remain detectable, this also leads to the conclusion that bodies of water are far more polluted than all previous research had demonstrated.

Sublethal effects as alarm signals

The changes in the animals which are detectable from their swimming behavior, growth or weight, and which eventually lead to their death (sublethal), are an important indicator of this. To date, however, there is no valid scale showing the point from which, for example, a delay in growth has a fatal outcome for the animal. Therefore, study author Dr. Hasenbein is advocating this approach in particular: "Sublethal endpoints need to be integrated into the methods used in ambient water monitoring, to allow long-term negative effects on aquatic ecosystems to be detectedreliably, even when the pesticide concentrations in the water are low", says the scientist.

"A crustacean population which is exposed to low-level contaminant pollution could be more susceptible to invasive species, changes in water temperature or different salt concentrations, because the permanent, low-level pesticide contamination increases stress on the animals." This is an important aspect, especially in the light of climate change, and should therefore be taken into consideration in future ecotoxicologic assessments.

Publications:

Hasenbein S, Lawler SP, Geist J, Connon RE.: A long-term assessment of pesticide mixture effects on aquatic invertebrate communities. Environmental Toxicology and Chemistry, 13.11.2015. DOI: 10.1002/etc.3187
http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/etc.3187/full

Hasenbein S, Connon RE, Lawler SP, Geist J.: A comparison of the sublethal and lethal toxicity of four pesticides in Hyalella azteca and Chironomus dilutus, Environmental Science and Pollution Research International, 2015 Aug;22(15):11327-39. doi: 10.1007/s11356-015-4374-1. http://link.springer.com/article/10.1007%2Fs11356-015-4374-1

Hasenbein S, Lawler SP, Geist J, Connon RE: The use of growth and behavioral endpoints to assess the effects of pesticide mixtures upon aquatic organisms. Ecotoxicology 24:746-759, 29.01.2015. DOI: 10.1007/s10646-015-1420-1
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25630500

--

Technical University of Munich (TUM) is one of Europe's leading research universities, with more than 500 professors, around 10,000 academic and non-academic staff, and 38,500 students. Its focus areas are the engineering sciences, natural sciences, life sciences and medicine, reinforced by schools of management and education. TUM acts as an entrepreneurial university that promotes talents and creates value for society. In that it profits from having strong partners in science and industry. It is represented worldwide with a campus in Singapore as well as offices in Beijing, Brussels, Cairo, Mumbai, San Francisco, and São Paulo. Nobel Prize winners and inventors such as Rudolf Diesel, Carl von Linde, and Rudolf Mößbauer have done research at TUM. In 2006 and 2012 it won recognition as a German "Excellence University." In international rankings, TUM regularly places among the best universities in Germany.

Parigi. Conferenza sui cambiamenti climatici

Roma, 30 Novembre 2015. Nel 1988, ad Amburgo (Germania), partecipai ad un convegno internazionale sui cambiamenti climatici e lo sviluppo sostenibile. Si elaborarono documenti e proposte ma non se ne fece nulla.
Nel 1991, a Nuova Delhi (India), partecipai ad un convegno internazionale su cambiamenti climatici e Paesi in via di sviluppo. Il documento finale recitava "Pertanto, non si deve perdere tempo, ma passare all'azione….". Vent'anni dopo il totale delle emissioni di anidride carbonica nella Cina e' triplicato e, in India e' piu' che raddoppiato.
Nel 1992, a Rio de Janiero (Brasile), partecipai alla conferenza internazionale sui cambiamenti climatici promossa dall'Onu. Fu elaborata la famosa Agenda 21 (cosa fare nel 21mo secolo), cioe' un programma di azione.
Successivamente ci furono altre conferenze internazionali sul clima ma, purtroppo, i risultati non sono stati sufficienti, tant'e' che ci si riunisce di nuovo.
E' iniziata a Parigi la conferenza internazionale sui cambiamenti climatici. Dai documenti che leggo mi pare che si profili l'ennesimo fallimento. Buoni sentimenti, buone intenzioni, buone promesse ma di impegni se ne vedono pochi: non ci sono vincoli, ne' verifiche periodiche, ne' obblighi sanzionabili internazionalmente.
L'ennesima occasione persa.

Primo Mastrantoni, segretario Aduc




--
www.CorrieredelWeb.it

Nestlé leader nella lotta ai cambiamenti climatici

Il Carbon Disclosure Project elegge Nestlé "leader mondiale" nel contrasto ai cambiamenti climatici

Anche l'Italia contribuisce al miglioramento delle performance ambientali del Gruppo, con la diffusione di best practices nei suoi stabilimenti

Milano, 30 novembre 2015 – 100 su 100: Nestlé ha ottenuto il massimo punteggio nel contrasto ai cambiamenti climatici secondo la classifica stilata da Carbon Disclosure Project, che si occupa di monitorare l'impegno delle aziende a favore della sostenibilità ambientale. All'interno di questo prestigioso rating, Nestlé è tra le 64 società che hanno ottenuto il titolo di "leader mondiali" nella lotta ai cambiamenti climatici tra più di 2.000 imprese.
Il Gruppo ha raggiunto il top della classifica del Carbon Disclosure Project grazie alle azioni intraprese per ottimizzare l'utilizzo di energia e ridurre le emissioni in atmosfera.
Nestlé considera infatti la conservazione delle risorse naturali una priorità e si assicura anche che i propri fornitori rispettino il Nestlé Commitment on Deforestation and Forest Stewardship.
Come azienda leader mondiale del settore alimentare, il Gruppo è inoltre particolarmente attivo nel garantire il proprio contributo per una drastica riduzione dei gas serra, di cui i rifiuti alimentari sono i principali generatori: entro il 2020 l'azienda intende perseguire nei propri stabilimenti l'obiettivo "Rifiuti Zero".
Un risultato che il Gruppo ha già raggiunto in Italia nello stabilimento di Parma, dove vengono principalmente prodotti gelati a marchio Antica Gelateria: questa fabbrica è stata infatti la primo a livello nazionale ad aver azzerato i rifiuti da inviare in discarica.
Più in generale, nel 2014 nei suoi siti produttivi Nestlé Italiana ha ridotto i consumi energetici del 9,1% per tonnellata di prodotto (rispetto all'anno precedente) e quelli idrici del 10% per tonnellata di prodotto e rispetto al 2013.
A livello globale, negli scorsi anni il Gruppo ha investito quasi 400 milioni di franchi svizzeri in attività volte a ridurre il consumo idrico nei suoi stabilimenti e altri 62 milioni di franchi svizzeri in progetti di gestione dell'acqua nelle comunità, in collaborazione con istituzioni internazionali.
Le attività volte ad incentivare la riduzione dell'impatto ambientale degli stabilimenti del Gruppo sul territorio si inseriscono nel più ampio impegno di Nestlé in Creazione di Valore Condiviso, che significa creare valore a lungo termine non solo per l'azienda, ma anche per la comunità nella quale questa opera.

Una visione di impresa concreta, come riconosciuto anche dal  Dow Jones Sustainability Index 2015, l'indice che misura le performance aziendali in termini economici, ambientali e sociali, che con un punteggio di 99 su 100 ha eletto Nestlé prima tra le aziende della categoria "Dimensione ambientale".
L'esperienza di Nestlé nella promozione di sviluppo sostenibile ha anche permesso all'azienda di offrire il proprio contributo per il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, al centro della prossima Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici di Parigi tra gli Stati membri delle Nazioni Unite.



--
www.CorrieredelWeb.it

Clima, Cia: la buona agricoltura mitiga l'effetto serra, Parigi valorizzi il ruolo attivo del settore nell'assorbimento di Co2

La Cia nel giorno dell'apertura ufficiale di COP21: "Riconoscere questa funzione primaria che svolgono i terreni agricoli, i pascoli e i boschi, prima di tutto approvando la legge che dice stop al consumo di suolo. L'agricoltura è anche un grande produttore di energie rinnovabili ed è storicamente orientata al riuso delle risorse. Ieri i nostri agricoltori a Roma per la Marcia mondiale per il Clima".

 

Il cambiamento climatico colpisce l'agricoltura, riduce le produzioni e mette a rischio la sicurezza alimentare e la disponibilità di acqua potabile in molti territori del pianeta, come l'area del Mediterraneo. Il riscaldamento globale e l'incremento dei fenomeni meteorologici estremi provocano dissesto idrogeologico (alluvioni, frane, erosione), siccità, salinizzazione delle aree costiere; variazioni degli agro-ecosistemi e diffusione di nuovi insetti dannosi. 

A questi fattori si aggiunge l'incontrollata cementificazione dei terreni più fertili, l'inquinamento e la perdita di sostanza organica del suolo. Oggi si stima che oltre il 20% della superficie nazionale è a rischio di desertificazione. Eppure la buona agricoltura è quella che mitiga l'effetto serra, produce energie rinnovabili e ha un ruolo fondamentale nell'assorbimento di anidride carbonica. Per questo la Conferenza di Parigi deve valorizzare queste funzioni del settore primario, che sono indispensabili oggi e ancora di più domani. Lo afferma la Cia-Agricoltori Italiani nel giorno dell'apertura ufficiale di COP21, dopo aver partecipato ieri a Roma alla Marcia mondiale per il Clima, per chiedere interventi contro il cambiamento climatico insieme alle altre 130 organizzazioni riunite nella Coalizione italiana per il Clima.

            Le tecniche agricole sostenibili garantiscono produttività duratura, accrescono la fertilità dei suoli, salvaguardano la biodiversità, modellano il territorio e il paesaggio. Accrescere il tasso di sostanza organica nel terreno rappresenta il più importante sistema di assorbimento di carbonio sul nostro pianeta -spiega la Cia-. Il settore agricolo vuole contribuire efficacemente alla mitigazione con il miglioramento delle attività zootecniche, lo stoccaggio di carbonio nel suolo e nella vegetazione, lo sviluppo del metodo biologico e di pratiche sostenibili. A Parigi è fondamentale valorizzare il ruolo attivo che i terreni agricoli, i pascoli e i boschi svolgono nell'assorbimento della CO2.

La decisione di eleggere la gestione dei suoli agricoli e dei pascoli tra le attività contabilizzate nel secondo periodo di applicazione del Protocollo di Kyoto rappresenta una grande opportunità, per favorire le buone pratiche agricole. Allo stesso tempo è necessario emanare subito una legge per contrastare il consumo di suolo (dal 1970 l'incuria e la cementificazione selvaggia hanno "cancellato" 5 milioni di ettari di Sau) ed evitare quindi l'abbandono da parte degli agricoltori, la cui opera di presidio e manutenzione è vitale.

Ma l'agricoltura è anche un grande produttore di energie rinnovabili -osserva la Cia-. Quasi il 50% della produzione di energia "verde", secondo la Strategia energetica nazionale, deve provenire da biomasse. C'è ancora molto da fare, ma il percorso è ormai tracciato. Il futuro è nei piccoli impianti collegati alle imprese agricole, zootecniche e forestali. Bisogna innanzitutto puntare allo sviluppo del biometano: il nostro biocarburante di eccellenza e naturale evoluzione di un percorso innovativo iniziato con il biogas.

Infine va detto che l'agricoltura è storicamente orientata al riuso/circolarità delle risorse. Occorre valorizzare tutti i sottoprodotti del sistema agroalimentare creando delle vere e proprie filiere per il loro riuso -conclude la Cia-. Le biomasse agroalimentari residuali e i sottoprodotti generano energie rinnovabili, originano bio-fertilizzanti e sono materia prima della "chimica verde" per la produzione sostenibile di un'ampia gamma di nuovi prodotti industriali.



--
www.CorrieredelWeb.it

Building Energy entra nel mercato dell’eolico con un progetto negli Stati Uniti

Il nuovo parco eolico da 30 MW è in costruzione in Iowa e contribuirà alla riduzione di 100.000 tonnellate di emissioni di CO2.


Milano, 30 novembre 2015Building Energy, multinazionale che opera come Global Integrated IPP nel settore delle energie rinnovabili, ha iniziato la costruzione di un nuovo parco eolico in Iowa, dalla capacità totale di 30 MW. Il progetto, dal valore di 55 milioni di dollari, sarà completato entro la fine del 2016.

L'impianto eolico sorgerà a nord di Des Moines e sarà costituito da dieci turbine onshore da 3.0 MW fornite da ACCIONA Windpower, che produrranno 110.000 MWh all'anno. L'energia generata sarà venduta al fornitore di servizi locale Alliant Energy.

Il parco eolico si estenderà all'interno di quattro differenti contee, per poter fornire energia al maggior numero di comunità locali. Acciona Windpower, azienda che produce turbine eoliche, parte del gruppo ACCIONA che si occupa di infrastrutture ed energie rinnovabili, fornirà le dieci turbine AW125/3000, con un rotore dal diametro di 125 metri e un generatore da 3.0 MW montato su una torre di acciaio da 87,5 metri. La costruzione dell'impianto è affidata al general contractor Michels Corporation. L'energia generata dal parco eolico consentirà di soddisfare il fabbisogno energetico di 11.000 famiglie negli Stati Uniti e contribuirà anche alla riduzione delle emissioni di CO2 pari a 100.000 tonnellate all'anno.

Il progetto in Iowa sarà il primo parco eolico sviluppato da Building Energy, a livello mondiale. L'azienda è presente negli Stati Uniti dal 2013 con sede a Washington DC, da cui gestisce e coordina vari progetti dalla capacità totale di 100 MW, tra cui un impianto fotovoltaico ad Annapolis, costruito su una discarica coperta, e uno a Baltimora, oltre al parco solare per la Cornell University, una delle università americane dell'Ivy League.

"Siamo lieti di annunciare la costruzione del primo progetto eolico di Building Energy ed entusiasti che venga realizzato negli Stati Uniti. L'eolico sta diventando un elemento chiave nel nostro approccio alla generazione di energia, sempre più bilanciato tra le diverse fonti" - ha affermato Fabrizio Zago, CEO di Building Energy - "Il nostro investimento in questo settore ci permette di rendere disponibile alle comunità locali l'elettricità a un prezzo stabile e conveniente, contribuendo allo sviluppo economico nel totale rispetto dell'ambiente, senza danneggiare le zone residenziali o ostacolare attività come l'agricoltura o l'allevamento".

BUILDING ENERGY
Building Energy è una multinazionale che opera come Global Integrated IPP nel settore delle energie rinnovabili presente in 4 continenti. L'azienda è verticalmente integrata sulla catena del valore, dallo sviluppo di progetti alla vendita di energia. Con una pipeline complessiva in 20 paesi di oltre 2.500MW, ed asset generativi in costruzione nei prossimi due anni per oltre 400MW (progetti Near Notice to Proceed e Backlog), si posizione come uno dei maggiori player nel panorama internazionale del settore dell'energia rinnovabile.



--
www.CorrieredelWeb.it

I 3 pratici consigli di Sumus per una raccolta differenziata della carta di qualità, efficiente e attenta ai costi

SUMUS Italia, specializzata nella produzione di sacchetti compostabili in carta riciclata per la raccolta differenziata dei rifiuti biodegradabili, sulla base della propria esperienza, suggerisce tre pratici consigli per fare una raccolta di qualità ed efficiente, anche a vantaggio economico per i cittadini.


1 CARTA RACCOGLIE CARTA: utilizzare il sacchetto di carta riciclata per la raccolta della carta, una prassi da abbracciare e da promuovere per una raccolta differenziata di qualità, a tutela del proprio territorio, dell'ambiente ma anche dei costi della bolletta.

Perché? "Il sacco di carta, compostabile e realizzato con carta riciclata come i sacchetti Sumus, permette di migliorare la raccolta differenziata grazie a un rifiuto più "puro", riducendo significativamente la frazione estranea. Questo agevola di molto i singoli Comuni, anche in virtù dell'accordo ANCI CONAI che prevede quattro differenti tipologie di riconoscimento economico ai comuni in fase di conferimento della carta: più la carta raccolta e conferita è "pura" e maggiore è il valore economico del rifiuto. – spiega Davide Lolli, Amministratore Delegato di Sumus Italia. - I Comuni più virtuosi, grazie all'impegno dei singoli cittadini, hanno dunque la possibilità da un lato di ottenere maggiori riconoscimenti economici attraverso la raccolta virtuosa della carta, dall'altro lato hanno la concreta possibilità di abbattere la tassa sui rifiuti a beneficio di tutta la cittadinanza. Non solo. Il contenitore in carta rappresenta un invito pratico per ciascuno a fare una raccolta differenziata più attenta, agevolando la separazione della carta dalla plastica o da altri materiali estranei, migliorando in tal modo la raccolta differenziata stessa".

SUMUS Italia, per offrire un miglior prodotto ai Comuni e ai cittadini, ha lanciato in occasione di Ecomondo 2015 la nuova linea di sacchetti AQUASUMUS per la raccolta differenziata della carta e dell'organico: carta compostabile, riciclata ma soprattutto IMPERMEABILE. La nuova linea - grazie alla sua impermeabilità, ottenuta con l'aggiunta di resine completamente naturali - resiste alla pioggia e protegge il contenuto dei sacchetti sfatando in tal modo il falso mito della fragilità della carta se esposta alle intemperie.


2 RACCOLTA DIFFERENZIATA ATTENTA DELLA CARTA: fare attenzione alle confezioni, alle riviste, ai giornali per separare bene i materiali l'uno dall'altro, con l'obiettivo di raccogliere solo ed esclusivamente carta riciclabile.

"Ogni singolo cittadino dovrebbe ricordare che fare la raccolta differenziata non è una imposizione del proprio Comune, ma una opportunità che viene offerta a tutela dell'ambiente in cui viviamo e che lasceremo in eredità ai nostri figli. L'impegno per differenziare i rifiuti in modo ottimale è di ciascuno di noi, per implementare un sistema virtuoso di tutela ambientale e di gestione coerente dei materiali che produciamo come rifiuti", continua Lolli, "con l'obiettivo di realizzare una vera e propria economia circolare".

 

3 DIFFERENZIARE ASSIEME: il nostro impegno attuale ha l'obiettivo di regalare alle generazioni future soluzioni efficienti e un sistema funzionante per far fronte ai rifiuti, a garanzia dell'ambiente e dei territori nei quali viviamo.

"Coinvolgere la propria famiglia nella raccolta differenziata trasforma l'impegno quotidiano in una attività educativa e al tempo stesso piacevole. I più piccoli hanno così l'opportunità di crescere avendo già imparato che differenziare i rifiuti, gettando la carta con la carta oppure l'organico in un apposito contenitore che agevolerà la produzione di compost per esempio, è semplice ed efficace in quanto comportamento automatico e naturale".




--
www.CorrieredelWeb.it

Energia. Spada: “Creare un mercato unico per ridurre i costi a vantaggio delle aziende”

Energia. Assolombarda presenta un vademecum per aiutare le imprese a orientarsi nel mercato

 

Milano, 30 novembre 2015 – Analizzare il mercato dell'energia e fare il punto sul processo di liberalizzazione avviato in Europa. Evidenziare i risultati raggiunti e tracciare la strada, ancora da fare, per poter parlare di mercati energetici integrati. È l'obiettivo dell'incontro tenutosi oggi in Assolombarda, che ha rappresentato un'importante momento di confronto tra i diversi stakeholder (istituzioni, policy maker, imprese ed esperti) sui vantaggi e le criticità della liberalizzazione dei mercati energetici.

Con l'occasione è stato presentato anche il paper "Liberalizzazione dei mercati dell'energia in Europa. Italia front-runner o nelle retrovie?", a cura del Gruppo Energia di Assolombarda. Un ampio documento che fornisce una panoramica delle principali evoluzioni della regolazione europea concernente il mercato dell'energia e il gas.

"L'efficace funzionamento dei mercati energetici in Europa è un tema prioritario sia per gli operatori del settore e sia per gli imprenditori delle aziende energivore – ha dichiarato Alessandro Spada, Vicepresidente di Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza con delega agli Affari Istituzionali, Energia e Ambiente –. L'obiettivo è quello di creare un mercato unico caratterizzato da un elevato grado di concorrenza che produca, a tendere, una riduzione dei costi per i consumatori. Partendo da questo scenario, il paper che abbiamo prodotto vuole essere un vademecum per orientarsi nel mercato dell'energia, anche nell'ottica degli obiettivi europei al 2020. L'intento è duplice: da un lato evidenziare i benefici di un mercato unico con particolare attenzione a quello italiano e dall'altro presentare alcune possibili azioni che contribuiscano a spingere l'Italia verso una piena integrazione con gli altri mercati".

Tra i temi emersi durante il convegno è stato sottolineato il contesto energetico nel quale si muovono le imprese italiane: tra i più complessi e penalizzanti in Europa. Guardando ai trend di evoluzione del mercato dell'energia emerge che, negli ultimi cinque anni, per effetto prevalentemente della crisi i consumi di energia hanno evidenziato un calo del 28% per la domanda di gas e del 9% per quella di energia elettrica. Sul fronte del costo il calo del prezzo all'ingrosso dell'energia è vanificato dall'aumento di componenti non direttamente connesse alla commodity. "Un'impresa di media tensione può arrivare a pagare fino a oltre il 40% di componenti parafiscali sul prezzo totale dell'energia" ha sottolineato Spada.

"Da sempre consideriamo l'energia un fattore strategico di crescita – ha concluso Spada –. Siamo al fianco delle nostre imprese per aiutarle a consumare energia in modo efficiente e al miglior prezzo disponibile sul mercato. Penso al 'Desk Energia', che offre alle aziende una consulenza tecnica e normativa, al 'Servizio di Energia Conveniente' che l'anno scorso ha garantito risparmi tra il 10 e il 15% sui prezzi di vendita".

Al convegno sono intervenuti Egidio Adamo, Manager Efficiency and Thermal System Technologies Eni – Retail Market G&P; Annamaria Arcudi, Responsabile del trading gas A2A; Massimo Beccarello, Vicedirettore Politiche per lo Sviluppo, Energia e Ambiente di Confindustria, e Guido Bortoni, Presidente dell'AEEGSI. Inoltre hanno partecipato al confronto anche Massimo Di Domenico, Responsabile Unità Energia di Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza; Sandro Libratti, Responsabile Unità Generation and Energy Management – Regulatory and Antitrust Italy Enel, ed Elisa Rondella, Responsabile Regolazione mercato all'ingrosso gas Edison.

  

                                                               




--
www.CorrieredelWeb.it

Xerox sta dalla parte del governo Obama riguardo l’impegno sul clima

Il vertice alla Casa Bianca sul cambiamento climatico, dal titolo "Climate and the Road through Paris", è stata l'occasione per Xerox di ribadire il suo impegno a favore dell'ambiente. Un impegno che dura da 46 anni e che include un investimento in energia pulita e una riduzione delle emissioni di un ulteriore 20% entro il 2020 rispetto al target del 2012.

A cura di Ben Rand, Manager di Content marketing, Xerox Corporation

Milano, 30 novembre 2015. In occasione del dibattito politico in corso sul cambiamento climatico mondiale, un numero sempre maggiore di aziende sta optando per adottare un'azione determinante a favore dell'ambiente. Oggi Xerox rinnova il suo impegno costante nell'ambito della responsabilità sociale. 
Alla Casa Bianca, nel corso di un evento di mezza giornata organizzato dal governo Obama e presieduto dal vicepresidente Joe Biden, Xerox ha firmato un impegno sul cambiamento climatico.
Come abbiamo fatto in passato, ci stiamo impegnando per investire in energia pulita e ridurre ancora di più le emissioni di gas serra. Il nostro obiettivo è infatti di ridurre emissioni e consumo energetico di un ulteriore 20% entro il 2020, rispetto al nostro target del 2012.
Il nostro impegno è stato annunciato durante il vertice alla Casa Bianca dal titolo "Climate and the Road through Paris", come parte dell'American Business Act sull'impegno climatico, abbracciato da diverse decine delle più grandi aziende del paese.
Il vertice ha riunito i leader del governo, del settore privato, del mondo accademico, tecnico e delle comunità scientifiche che hanno condiviso visioni e obiettivi per affrontare la sfida dei cambiamenti climatici negli Stati Uniti, così come su scala globale.
Quale azienda leader nel mondo per i processi aziendali e la gestione dei documenti, Xerox si è impegnata per molti anni nei continui e decisi miglioramenti ambientali. Tra il 2003 e il 2012, ad esempio, abbiamo tagliato l'emissione di gas serra del 42% e il consumo energetico del 31%.
Ma questo è più di un impegno a favore del cambiamento climatico: Xerox è pienamente coinvolta. Si potrebbe dire che il nostro impegno per l'ambiente ha avuto inizio nel 1969 quando abbiamo introdotto funzioni di risparmio energetico nelle nostre fotocopiatrici.
Possiamo quindi dirci d'accordo con il presidente Obama: in un momento in cui il mondo sta guardando verso trattative sul clima a livello mondiale, a Parigi, i prossimi 7 e 8 dicembre, la leadership americana sarà fondamentale a tutti i livelli.




--
www.CorrieredelWeb.it

Il mondo nel 2050 - Studio DNV GL




2050: un mondo sotto pressione

DNV GL ha tracciato il profilo del mondo che ci aspetta e delineato uno scenario alternativo nello studio "A safe and sustainable future"



Quello che ci aspetterà nel 2050 - se non invertiamo velocemente la rotta - è un mondo sotto pressione. L'ente di certificazione internazionale DNV GL ha riassunto le principali evidenze della ricerca scientifica che tracciano un quadro di qui a trent'anni nello studio "A safe and sustainable future", delineando al contempo uno scenario alternativo per un mondo sostenibile*.
Nel 2050, il 70% della popolazione vivrà in aree urbane e 3 miliardi di persone saranno destinate alla povertà e a vivere nelle baraccopoli. Il 60% dei principali ecosistemi sarà a rischio; i livelli di diossido di zolfo e di diossido di azoto aumenteranno rispettivamente del 90% e del 50%, causando smog, piogge acide e fuliggine, soprattutto nei Paesi emergenti. Il livello dei mari s'innalzerà da 1 a 2 metri, con milioni di persone obbligate a lasciare le aree costiere dove vivono. 
La lista di situazioni ad alto rischio che ci troveremo ad affrontare è lunga. Tuttavia, non è troppo tardi per intervenire. Un mondo in equilibrio con l'ambiente, caratterizzato da un'economia verde e circolare e da una società prospera è ancora possibile.
Gli esperti di DNV GL hanno individuato le 36 barriere fondamentali da aggirare; a partire dall'insufficiente consapevolezza dei singoli, passando per la debolezza dei quadri di riferimento istituzionali, sino ad arrivare alle carenze economiche e tecnologiche specifiche.
Luca Crisciotti, CEO di DNV GL ha commentato "Senza un impegno concreto, prevedere quello che ci aspetta di qui a qualche anno non è difficile. Nei prossimi decenni l'umanità si troverà ad affrontare le sfide più grandi mai incontrate. Abbiamo un'opportunità unica per plasmare un futuro prospero, dove le principali minacce per ambiente, economia e società siano state individuate e contenute, ma non possiamo più aspettare. Dobbiamo agire."
Invertire la rotta è possibile. Lo studio si conclude illustrando l'insieme di cambiamenti fondamentali da attuarsi nelle sfere dell'economia, dei sistemi di governance e della società. Alcuni esempi?  Riorganizzare sussidi e incentivi, incorporare le valutazioni ESG (Environmental, Social e Governance) nelle valutazioni finanziarie, rivedere l'urbanistica secondo principi di sostenibilità e definire nuove unità di misura per la crescita oltre al PIL, che non è in grado di esprimere il benessere della nazione o le condizioni dell'ambiente.
****
* Oltre a un'esaustiva analisi della letteratura scientifica, gli esperti di DNV GL hanno intervistato più di 30 tra i maggiori esperti di sostenibilità a livello mondiale. Lo studio "A safe and sustainable future" è consultabile a questo link.


Note 
DNV GL è uno dei principali enti di certificazione a livello mondiale. Aiuta le aziende a garantire l'efficienza delle proprie organizzazioni, nonché di prodotti, personale, strutture e catene di fornitura attraverso servizi di certificazione, verifica, valutazione e formazione, affiancandole per consolidare performance aziendali sostenibili e alimentare la fiducia da parte degli stakeholder.
Il Gruppo DNV GL opera in oltre 100 paesi con 16.000 professionisti impegnati ad assistere con dedizione i propri clienti per rendere il mondo più sicuro, intelligente e verde.




--
www.CorrieredelWeb.it

domenica 29 novembre 2015

Luca Abete alla Marcia per il Clima di Roma: la parola d'ordine è "defossiliziamoci"

L'inviato di Striscia la Notizia ha partecipato alla manifestazione sul tema dei cambiamenti climatici che si è tenuta nella Capitale: sul palco ha parlato di clima, rifiuti e Terra dei Fuochi

 

Luca Abete ha partecipato con la UISP alla Marcia per il Clima e al Concerto per il Clima che si sono tenuti a Roma. Da sempre attento alle tematiche relative ai giovani e all'ambiente, l'inviato di Striscia la Notizia ha preso parte a alla manifestazione con l'obiettivo sensibilizzare quante più persone possibile sul tema dei cambiamenti climatici e dell'eccessivo inquinamento del pianeta.

 

Durante il Concerto per il Clima l'inviato ha preso la parola e, sul palco insieme a Massimo Cirri e Sara Zamboni, ha posto l'accento su alcune importanti questioni relative al clima e all'ambiente, che riguardano tutti da vicino: "Oggi sono qui nei panni di inviato attento alle tematiche ambientali e di testimonial UISP, che oggi ha messo in piedi una bellissima iniziativa, Corri per il Verde – Corri per il clima e con i suoi volontari e i dirigenti ha lavorato con grande impegno per questo evento.

La parola d'ordine è una sola: defossiliziamoci, basta con le fonti e le energie non rinnovabili. Trovare un accordo è difficile ma dobbiamo impegnarci tutti per il bene del nostro pianeta. Si tratta di una situazione delicata e complicata, i governi spesso ci hanno deluso in passato, perché nel corso degli anni i potenti hanno preso degli accordi che poi non sono stati mantenuti, come alla Conferenza di Copenhagen.

Quindi è importante agire dal basso, manifestazioni come queste sono fondamentali. Manifestare con coraggio, come è stato fatto oggi. Lottare anche contro la paura come è stato fatto nello Yemen, dove c'è una guerra che nessuno ci racconta. Gli organi di informazione si sono dimenticati che nello Yemen sono morte più di duemila persone per la guerra, e stanno morendo tuttora. Questa spinta dal basso che ci unisce tutti sono convinto che costringerà i governi e i governanti a fare le persone serie, almeno questa volta."

Successivamente l'inviato di Striscia, interpellato sulla Terra dei Fuochi, ha mostrato delle immagini molto forti e riflettuto sul problema: "Ovviamente i problemi relativi all'ambiente riguardano da vicino soprattutto la mia terra. La famosa Terra dei Fuochi, di cui oggi tutti parlano, ma che io denunciavo già nel 2008. Colonne di fumo nero Ma la questione non è ancora risolta, come ho mostrato in un servizio andato in onda pochi giorni fa. C'è ancora tanto, tantissimo da lavorare. Ma uniti possiamo vincere, perché uniti #NonCiFermaNessuno!".




CLIMA: COLDIRETTI, A PARIGI LA PRIMA BLACK LIST DEI CIBI DI NATALE

Un chilo di ciliegie o pesche dal Cile che devono percorrere quasi 12mila chilometri con un consumo di 6,9 chili di petrolio e l'emissione di 21,6 chili di anidride carbonica, ma anche i mirtilli argentini e l'anguria dal Brasile salgono nell'ordine sul podio della black list dei cibi che sulle tavole nazionali delle feste sprecano energia, inquinano il Natale e contribuiscono all'emissione di gas ad effetto serra.

E' quanto emerge dallo studio divulgato dalla Coldiretti che ha scelto di partecipare alla marcia globale per il clima a Roma con la distribuzione di frullati di frutta e verdura a chilometri zero preparati dagli agricoltori di Campagna Amica nei pressi ai Fori Imperiali. In occasione della conferenza Onu sul clima di Parigi è importante anche evidenziare - sottolinea la Coldiretti - il contributo che stili di vita piu' sobri e responsabili possono dare per contrastare i cambiamenti climatici e salvare il pianeta, considerato che il 40% delle emissioni sono legate ai trasporti, tra i quali i trasporti agroalimentari. 

E' stato calcolato che - sottolinea la Coldiretti - un chilo di ciliegie dal Cile per giungere sulle tavole italiane deve percorrere quasi 12mila chilometri con un consumo di 6,9 chili di petrolio e l'emissione di 21,6 chili di anidride carbonica, mentre un chilo di mirtilli dall'Argentina deve volare per piu' di 11mila chilometri con un consumo di 6,4 kg di petrolio che liberano 20,1 chili di anidride carbonica e l'anguria brasiliana viaggia per oltre 9mila km, brucia 5,3 chili di petrolio e libera 16,5 chili di anidride carbonica per ogni chilo di prodotto, attraverso il trasporto con mezzi aerei. Il consumo durante le feste di Natale di prodotti fuori stagione provenienti di migliaia di chilometri di distanza è - sottolinea la Coldiretti - una tendenza snob in forte ascesa che concorre a far saltare il budget dei cenoni con prezzi superiori fino ad oltre dieci volte a quelli di mele, pere, kiwi, uva, arance e clementine Made in Italy e appare del tutto ingiustificata perché si tratta spesso di prodotti poco gustosi e saporiti, essendo stati raccolti ad un grado di maturazione incompleto per poter resistere a viaggi di migliaia di chilometri percorsi su mezzi inquinanti che liberano nell'aria gas ad effetto serra.

Secondo la Coldiretti la voglia di cambiamento o il bisogno di stupire gli ospiti nei banchetti natalizi o di fine anno possono essere soddisfatte dalla riscoperta dei frutti meno "diffusi" ma nazionali come cachi e fico d'India o antiche varietà, dalla mela limoncella alla pera madernassa, che valorizzano le tradizioni del territorio e garantiscono un sicuro successo a prezzi contenuti, rimandando alla giusta stagione il consumo di ciliegie, anguria, asparagi o fagiolini. Tra i prodotti piu' diffusi che rischiano di "inquinare il Natale" ci sono anche - continua la Coldiretti - le noci della California, le more dal Messico, il salmone dall'Alaska, gli asparagi dal Perù, i meloni dal Guadalupe, i melograni dalla Spagna e i fagiolini dall'Egitto. Per alcuni di questi prodotti - conclude la Coldiretti - non ci sono solo problemi per motivi ambientali ma ci sono anche perplessità di carattere sanitario.

 

CLIMA: LA BLACK LIST DEI CIBI DEL NATALE

Prodotto

Paesi

Distanza (Km)

Emissioni (kg CO2 per kg  prodotto)

Consumo petrolio (Kg)

Ciliegie

Cile

11.970

                      21,6

                  6,9

Mirtilli

Argentina

                11.180

                      20,1

                  6,4

Anguria

Brasile

            9.175

                      16,5

                  5,3

Noci

California (Usa)

                  8.657

                      15,6

                  5

More

Messico

                  8.319

                      15,0

                  4,8

Salmone

Alaska

                  7.847

                        14,1

4,5

Asparagi

Peru

                  7.018

                      12,6

                  4,0

Meloni

Gudalupe

            5.440

                      9,8

3,1

Melograni

Spagna

                  2.010

                       3,6

                  1,1

Fagiolini

Egitto

                  2.130

                       3,8

                  1,2

Fonte: Elaborazioni Coldiretti (*) calcoli effettuati sulla base del trasporto aereo a/r



sabato 28 novembre 2015

1.8 Million People of Faith Demand Action on Climate





NEARLY 1.8 MILLION PEOPLE DEMAND CLIMATE ACTION IN GLOBAL FAITH-BASED PETITIONS DELIVERED TO UN IN PARIS
A total of 1,780,528 million people worldwide have put their names to a collection of faith-based petitions urging political leaders at the COP21 climate summit to take decisive action to curb global warming and deliver a strong, fair deal that helps poor countries adapt to their changing climate.
The petitions were presented to the Executive Secretary of the UNFCCC Christiana Figueres and Special Envoy of the French President for the Protection of the Planet, Nicolas Hulot, on November 28 at the 'Faith in Climate Justice' ('Les Religions Pour le Climat') event at Salle de la Légion d'Honneur in Saint-Denis.
The hand-in was witnessed by close to 400 people, including faith leaders, COP21 delegates and climate campaigners from around the world – including individuals from countries such as Germany, the UK, Philippines, Italy and Scandinavia who have walked hundreds of kilometres in a 'pilgrimage to Paris'.
Several key individuals spoke at the event: from the Philippines, former COP negotiator Yeb Sano; from Brazil, Cardinal Claudio Hummes; from South Africa, Archbishop of Cape Town the Rt Rev Thabo Makgoba; from the US, the Rev Kyoichi Sugino of Religions for Peace International; from Kenya, Mithika Mwenda, Coordinator of the Pan African Climate Justice Alliance; and from Bangladesh, Lotifa Begum of Islamic Relief Worldwide.
'Faith in Climate Justice' was organized by four international faith-based networks working together for a common cause: ACT Now for Climate Justice (part of ACT Alliance), OurVoices, Religions for Peace and the Global Catholic Climate Movement.
OneVoices climate ambassador Yeb Sano, who has walked 1,500km from Rome to Paris as leader of the People's Pilgrimage, said: "The pilgrimages represent, in a political way, that the time for talking is long over. Irrespective of what our leaders produce from Paris, across the globe we are working as communities and cities, as faith groups and organisations, and as pilgrims, walking together out of love, faith and hope that we can build a better future together." 
Archbishop Thabo, global climate ambassador for ACT Alliance, said: "People of faith urge all parties to constructively engage and agree on a Paris deal applicable to all. Climate justice is a spiritual and moral issue. To call it ambitious, it must include the long-term goal of climate resilient decarbonisation by mid-century and a periodic review and ratchet up mechanism to increase ambition dynamically. To call it fair, it must provide robust transparency rules, a firm commitment to deliver the $100bn climate finance to the poor, and the anchoring of the Warsaw International Mechanism on loss and damage in the Paris agreement."
On behalf of the Global Catholic Climate Movement, Cardinal Cláudio Hummes, Archbishop Emeritus of Sao Paulo (Brazil) and former Prefect of the Congregation for the Clergy, said: "2015 has been a very special year for the Catholic Church and its response to the climate crisis, crystallized in the Pope's Laudato Si' encyclical, the Bishops' 'Appeal to COP21', and the grassroots mobilization of the Global Catholic Climate Movement this weekend, which brought hundreds of thousands of petition signatures to Paris and will join the Global Climate March in all continents. I pray for political leaders to 'hear both the cry of the earth and the cry of the poor' and respond to the climate justice demand from all faiths."
Secretary General for Religions for Peace International, Dr William F Vendley, said: "Meeting the challenge of climate change will help transform us into who we are called to be:  one human family living in community with the earth and the Divine."
The 1,780,528 people who signed the petitions include individuals in both the global north and the global south. They were mobilized by, among others: the Pan-African Climate Justice Alliance (in partnership with Oxfam Africa), the Church of England, Tearfund, Christian Aid, Islamic Relief, National Religious Partnership for the Environment, and Interfaith Power and Light – together with the four organizing networks previously mentioned.
As well as live music and visual presentations, the audience at the 'Faith in Climate Justice' event heard speeches from the Bishop of Saint Denis, Pascal Delannoy; the President of French Conference of Faiths in France, François Clavairoly; and the President of Plaine Commune, Patrick Braouzec.


Event photos will be available, free of charge, from: www.oikoumene.org/cop21photos  

About the organisations behind the petition:
As the world's largest multi-religious coalition, Religions for Peace was founded in 1970 and has a vision of a world in which religious communities cooperate effectively for peace, by taking concrete common action.
Act Now for Climate Justice is a campaign led by ACT Alliance, a coalition of 137 churches and affiliated organisations working together in over 100 countries to create positive and sustainable change in the lives of poor and marginalized people.
OurVoices is run under the auspices of The Conservation Foundation in the UK and GreenFaith in the USA. It has a vision to ensure world leaders act on the voices of millions who believe in protecting vulnerable people and our planet from the harmful effects of man-made climate change.
The Global Catholic Climate Movement is a community of thousands of Catholics responding to the Pope's call to action in the Papal encyclical. It represents lay people, priests, religious, bishops and a global network of partners working together on the climate change crisis.
 





--
www.CorrieredelWeb.it
Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI