Cerca nel blog

lunedì 25 gennaio 2016

SodaStream: The New Plastics Economy, Rethinking the future of plastics

NEL 2050 CI SARA' PIU' PLASTICA CHE PESCI NEI MARI: E' L'ALLARME LANCIATO DA UNA RICERCA CONDOTTA DAL WORLD ECONOMIC FORUM

SodaStream si fa promotrice del consumo di acqua del rubinetto, per uno stile di vita più responsabile e per combattere l'inquinamento prodotto dai materiali plastici

Gennaio 2016 – Torna a farsi sentire l'allarme inquinamento per i mari di tutto il mondo. Questa volta è una ricerca del World Economic Forum a lanciare l'allerta. 
Secondo il rapporto appena pubblicato dal titolo The New Plastics Economy, Rethinking the future of plastics, la plastica è un materiale onnipresente nell'economia moderna e rileva che, dopo un breve ciclo, il 95% del valore del materiale d'imballaggio, tra gli 80 e i 120 miliardi di dollari annuali, viene perso. 
Se le nostre abitudini non cambieranno, continua la ricerca, dal 2050 nei mari di tutto il mondo rischieranno di essere popolati più da materie plastiche abbandonate che da pesci.
I dati sono allarmanti: secondo il World Economic Forum, almeno 8 milioni di tonnellate di materie plastiche (pari a un camion della spazzatura ogni minuto) vengono perse in mare ogni anno e oggi solo il 14% degli imballaggi di plastica vengono riciclati.
Qual è quindi la soluzione? Secondo Dominic Waughray, Senior Director and Head of Environmental Initiatives del World Economic Forum, è necessario "innescare una rivoluzione nell'ecosistema industriale della plastica".
Per migliorare questo impatto negativo, le aziende hanno quindi un ruolo fondamentale, insieme ai comportamenti virtuosi e responsabili dei cittadini.
Tra queste, SodaStream, azienda leader nei sistemi di produzione di gasatura domestica, da anni si fa promotrice di un consumo responsabile dell'acqua, attraverso l'uso dell'acqua del rubinetto, che in Italia è tra le migliori d'Europa. 
Un comportamento che, oltre ad essere economico, va incontro a questa esigenza di limitare il consumo di plastica e il suo conseguente rilascio nell'ambiente. 
"Per la sua peculiarità, SodaStream cerca di promuovere un consumo intelligente dell'acqua evitando lo spreco e il trasporto di inutili carichi di pesanti bottiglie – afferma Claudio Tagliapietra, General Manager SodaStream Italia - . Forse anche per questa nostra attitudine riscontriamo una continua crescita e il pubblico che ci segue è sempre più ampio, come a dire che invogliare a comportamenti e stili di vita responsabili premia."

http://www3.weforum.org/docs/WEF_The_New_Plastics_Economy.pdf


About Sodastream Sodastream Italia, sede italiana di Sodastream International B.V, è leader mondiale nella produzione e distribuzione di sistemi di gasatura domestica di bevande, che permettono ai consumatori di trasformare in modo semplice e istantaneo la normale acqua di rubinetto in bibite gasate e acqua frizzante. I gasatori SodaStream offrono una soluzione altamente differenziata e innovativa per i consumatori di bibite gassate e acqua frizzante, in bottiglia o in lattina. I prodotti SodaStream sono ecologici, economici, promuovono salute e benessere, sono personalizzabili, divertenti e facili da usare. Inoltre offrono convenienza e vantaggi, eliminando la necessità di trasportare le bottiglie dal supermercato a casa, di sistemarle in casa e di smistarle regolarmente una volta vuote. I prodotti Sodastream sono disponibili in oltre 70.000 punti vendita in 45 paesi in tutto il mondo, tra cui oltre 17.000 negozi al dettaglio negli Stati Uniti. Nel 2011 con l'acquisizione della CEM Industries S.r.l. in Italia nasce Sodastream Professional, la divisione di SodaStream International dedicata al canale business to business. Nel gennaio del 2012 SodaStream Professional ha lanciato il brand "So"™ che si rivolge ai ristoranti, agli uffici e agli hotel.


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI