Cerca nel blog

martedì 9 febbraio 2016

Comune di Capannori: la produzione pro capite annua di rifiuto indifferenziato scende per la prima volta sotto i 100 chilogrammi

Per la prima volta dopo l'introduzione della raccolta 'porta a porta', nel 2015,  la produzione di rifiuto indifferenziato pro capite annuo a Capannori è scesa sotto i 100 chilogrammi, attestandosi sui 98 chilogrammi a persona. Un risultato eccezionale che fa centrare al comune di Capannori uno degli obiettivi cardine della Strategia Rifiuti Zero, ovvero la riduzione alla fonte dei rifiuti non riciclabili e che certifica la qualità del sistema di gestione dei rifiuti sul territorio comunale gestito da Ascit. Il municipio capannorese è tra i primi a  tagliare questo importante traguardo in Italia  insieme  ad  alcuni Comuni del nord Italia per la maggior parte, però, di piccole dimensioni.

Capannori si colloca  tra le amministrazioni più virtuose a livello regionale e nazionale anche per la produzione pro capite annua complessiva (rifiuto differenziato + indifferenziato) che, sempre lo scorso anno, si è attestata sui 431 chilogrammi pro capite. La performance di Capannori si rivela migliore rispetto alla media provinciale (636 kg),  regionale (596 kg) e nazionale (487 kg). Un dato, quest'ultimo, che rispecchia il calo della produzione totale dei rifiuti nel 2015 rispetto al 2014, pari al 4,17 %.

"Essere scesi sotto i 100 chilogrammi pro capite annui di produzione di rifiuto indifferenziato è un traguardo eccezionale che testimonia come a Capannori i Rifiuti Zero stiano diventando realtà - afferma l'assessore all'ambiente Matteo Francesconi -. Un dato che testimonia l'ottima qualità del sistema di raccolta e di gestione dei rifiuti nel nostro comune, senza la quale non sarebbe  stato possibile raggiungere un risultato così  straordinario. Un obiettivo centrato grazie, innanzitutto, all'impegno e alla pazienza con cui ogni giorno i nostri cittadini separano e conferiscono gli scarti, ma certamente dovuto anche all'introduzione della tariffazione puntuale che ha spinto gli utenti a produrre meno indifferenziato sapendo in questo modo di poter risparmiare in bolletta. Molto soddisfacenti anche i dati sulla raccolta differenziata  e sulla trasformazione di molti dei materiali raccolti in altri materiali con l'attivazione di un circuito virtuoso che premia gli sforzi compiuti da tutta la comunità e mette a segno un altro obiettivo della strategia Rifiuti Zero che è il recupero dei materiali finalizzato al reinserimento nella filiera produttiva".

Il dato ufficiale certificato dalla Regione Toscana sulla percentuale di raccolta differenziata raggiunta nel 2015 ancora non è pervenuto, ma non dovrebbe discostarsi molto da quello, molto positivo, del 2014 pari a 84,61%, la percentuale più alta in provincia di Lucca  e tra  le migliori a livello  nazionale tra i Comuni sopra i 15 mila abitanti.
Sono invece disponibili sempre relativamente allo scorso anno altri interessanti dati sulla quantità di rifiuti differenziati per singola tipologia e sulla loro trasformazione in altri materiali con il conseguente reinserimento nel ciclo produttivo.

Nel 2015 sono state riciclate 7 mila 600 tonnellate di carta e salvato circa 21 mila alberi, mentre 8 mila 500 tonnellate di scarti di cucina sono state trasformate in terriccio utile a concimare circa 34 mila 500 ettari di campi e giardini. Dalla raccolta di 2 mila 600 tonnellate di vetro, inoltre, saranno realizzate 5 milioni di nuove bottiglie da vino. Sempre lo scorso anno sono state raccolte 37 mila tonnellate di olio alimentare che sarà trasformato in Biodiesel e sono state recuperate circa 511 tonnellate di elettrodomestici, (frigoriferi, lavastoviglie, televisori, telefonini) che saranno smontati e riciclati. Sono state infine raccolte e separate 3.200 tonnellate di bottiglie e flaconi di plastica dalle lattine, rigenerando plastica per 5 milioni di bottiglie e metallo per altrettanti barattoli e lattine.

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI