Cerca nel blog

venerdì 19 febbraio 2016

Da ENEA e MiSE arrivano le imprese 'ambasciatrici dell'efficienza"

Primi tre testimonial Dolce&Gabbana, Panini e Toro Rosso

 

Roma, 19 febbraio 2016 - Tre eccellenze italiane sono state individuate dall'ENEA e dal Ministero dello Sviluppo Economico come aziende ambasciatrici dell'efficienza energetica per far conoscere e promuovere, presso l'opinione pubblica e le imprese, la tutela dell'ambiente e il risparmio energetico. Primi tre testimonial Dolce&Gabbana, Panini e Toro Rosso, ai quali è stato consegnato il riconoscimento oggi a Roma, in occasione del convegno promosso dall'Agenzia per  le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile con il Ministero dello Sviluppo Economico per una prima fotografia sulle diagnosi energetiche presentate dalle imprese.

Le tre aziende sono state le prime, nei rispettivi settori, a effettuare il 'check up' energetico introdotto dal  dlgs 102/2014 che ha recepito la Direttiva 2012/27/UE sull'efficienza energetica[1]; un obbligo che alla scadenza di legge del 5 dicembre scorso ha coinvolto 7.128 aziende - di cui il 63% circa del settore industria, il 28% del terziario e il 9% del primario - per un totale di oltre 14mila diagnosi energetiche.

"Da un'analisi preliminare della nostra banca dati emerge che nelle imprese è aumentata la consapevolezza che ridurre le spese energetiche significa anche migliorare la competitività sul mercato e che la diagnosi energetica rappresenta uno strumento chiave per ottenere benefici economici rilevanti – ha spiegato Roberto Moneta, responsabile dell'Unità Tecnica per l'Efficienza Energetica dell'ENEA – I riconoscimenti di oggi intendono contribuire a diffondere nel mondo imprenditoriale l'importanza e l'utilità dell'audit energetico".  Fra le numerose aziende che hanno effettuato la diagnosi energetica nelle scadenze di legge, oltre alle tre già citate, nella giornata di oggi sono intervenute anche Fiat Chrysler, Ama, Poste Italiane, A2A, Enel, Policlinico Gemelli, Campus Biomedico, Fastweb e Investire Sgr. 

Dalle prime analisi e catalogazioni avviate da ENEA, emerge che il 94% degli audit, ha riguardato aziende multisito, mentre il restante 6% è riferito ad imprese monosito. Il maggior numero di siti coinvolti riguarda il terziario che rappresenta il 28% del totale delle aziende, ma comprende oltre il 50% (51,29%) dei siti sottoposti a diagnosi, contro il 47,48 % dell'industria e l'1,23% del primario. Il terziario, infatti, è caratterizzato da una pluralità di luoghi (si pensi a grande distribuzione, banche, poste) e, di conseguenza, vanta il maggior numero di diagnosi energetiche.

Nella classifica dei settori più 'virtuosi' per aver effettuato e inviato l'audit energetico entro i termini di legge, ai primi posti, per numero di aziende, quello della plastica e gomma (l'8,69% del totale), alimentare (7,41%), metallurgico (7,17%), produzione di motori (5,48%), chimico (4,23%), commercio al dettaglio (3,69 %) e tessile (3,52%).

L'evento odierno coincide con la 12a edizione di "M'Illumino di meno", la campagna di informazione e sensibilizzazione sul risparmio energetico promossa  dal programma di Radio 2 "Caterpillar". Un'iniziativa che l'ENEA supporta con il "calendario dell'avvento sostenibile", una raccolta di suggerimenti per incentivare il risparmio energetico a casa, sul luogo di lavoro e negli spostamenti quotidiani.

Il calendario è disponibile al link:

http://www.rai.it/dl/portali/site/articolo/ContentItem-91166fc2-a5a6-4a83-88d4-3f79fccdadc5.html

 


[1] In base all'art.8 del dlgs 102/2014 I soggetti tenuti per legge ad effettuare l'audit energetico sono le grandi imprese e quelle a forte consumo di energia.




--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI