Cerca nel blog

giovedì 18 febbraio 2016

MILANO, GREENPEACE IN AZIONE AL NEGOZIO THE NORTH FACE CONTRO L’USO DI SOSTANZE PERICOLOSE NELL’ABBIGLIAMENTO

MILANO, 18.02.16 – Attivisti di Greenpeace sono entrati in azione questa mattina a Milano, al negozio "The North Face" in Galleria San Carlo, per protestare contro l'uso di sostanze chimiche pericolose nella produzione di abbigliamento e accessori da parte del marchio statunitense. 



Gli attivisti hanno condotto un'azione dimostrativa impiegando coriandoli rossi –simbolo dei composti PFC – all'interno e davanti al negozio del noto marchio.

Come evidenziato nel rapporto di Greenpeace "Tracce nascoste nell'outdoor", nel quale sono stati analizzati 40 prodotti, il sacco a pelo "The North Face" ha mostrato una delle concentrazione più elevate di PFOA, un PFC a catena lunga collegato a numerose patologie gravi tra cui il cancro, con valori sette volte maggiori rispetto a quelli consentiti in Norvegia, uno dei pochi Paesi al mondo in cui questo composto è già soggetto a restrizioni.

"The North Face ha recentemente dichiarato di voler eliminare i PFC entro il 2020 solo dai capi di abbigliamento, continuando così a contaminare consapevolmente l'ambiente quando soluzioni prive di queste sostanze sono già disponibili sul mercato.

Come intende muoversi, invece, l'azienda rispetto a sacchi a pelo, zaini, tende, scarpe e altre attrezzature outdoor?" afferma Giuseppe Ungherese, responsabile campagna inquinamento di Greenpeace Italia.

"Auspichiamo che The North Face agisca con l'urgenza richiesta ed elimini subito i PFC e le altre sostanze tossiche firmando un impegno Detox serio e credibile che tuteli l'ambiente e la salute dei consumatori di tutto il mondo".


Leggi il rapporto "Tracce nascoste nell'outdoor":
www.greenpeace.org/italy/it/ufficiostampa/rapporti/Tracce-nascoste-nelloutdoor


Per saperne di più:
www.detox-outdoor.org




--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI