Cerca nel blog

venerdì 1 aprile 2016

Assemblea FIPER: Cibo – Energia: insieme facciamo sinergia!

L'Italia è il 3° produttore mondiale  di energia elettrica derivante da impianti di biogas agricolo e il 2° in Europa dopo la Germania.

Walter Righini: "il futuro? convertire gli impianti a biogas per la produzione di biometano che puo' ridurre le emissioni di gas climalteranti per il 97% in confronto agli altri carburanti.

Pollenzo 1 Aprile 2016- - Si è svolto oggi a Pollenzo, in provincia di Cuneo, presso la sede dell'Università delle scienze gastronomiche, il Convegno organizzato dalla FIPER (Federazione Italiana dei Produttori di Energia da fonti Rinnovabili) "Cibo- Energia: facciamo sinergia".  L'incontro tra i rappresentanti della filiera food  e no- food rappresenta un punto di svolta, un momento importante di apertura, conoscenza reciproca e volontà di favorire e migliorare le produzioni di eccellenza agricola attraverso la diversificazione e la filiera energetica, riducendo contemporaneamente l'impatto ambientale in termini agricoli.
L'Italia, dati GSE,  è il 3°produttore mondiale  di energia elettrica derivante da impianti di biogas agricolo e il 2° in Europa, dopo la Germania, con 1500 impianti distribuiti soprattutto nel centro-nord Italia.
Per alcuni Il primato della filiera biogas-energia rappresenta un fiore all'occhiello del made in Italy in termini di tecnologia, innovazione e sviluppo delle aziende agricole. Per altri, un problema legato alla sostituzione delle colture food con quelle  no –food e all'impatto che questi impianti creano sul territorio.
"Il dibattito odiernosottolinea Walter Righini Presidente FIPER - ha fatto emergere la certezza che è possibile produrre energia da biogas agricolo e abbattere emissioni di carbonio senza ridurre la produzione di alimenti. Lo testimoniano, ad esempio, i dati piemontesi   in cui i 130 impianti a biogas agricolo (80MWe installati) impiegano superficie agricola corrispondente al  40% di quella definita per il set aside obbligatorio. In termini ambientali si risparmiano 27.000 t/anno di concimi azotati di sintesi e circa 234.000 t/anno di CO2 e si incentiva l'incremento dell'efficienza delle rotazioni agricole per una valida coesistenza food /non food".  
Un altro tema scottante di estrema attualità, dibattuto anche a livello europeo, è l'impiego del digestato in agricoltura e il suo impatto in termini ambientaliFIPER, a seguito dei risultati del progetto di ricerca realizzato dall'Università Agraria di Milano co-finanziato da Regione Lombardia, ha avviato presso il Ministero delle Politiche Agricole la richiesta per il  riconoscimento di Concime organico NP  derivante dall'impiego del separato solido del digestato essiccato miscelato a ceneri pesanti di combustione di biomasse legnose vergini da inserire quale fertilizzante organico. Le imprese agricole potranno in questo modo, abbattere i costi di produzione, riducendo l'impiego di fertilizzanti chimici aumentando la loro competitività nelle produzioni agricole tradizionali. Dato l'alto valore di nutrienti rinnovabili presenti nel fertilizzante, il suo impiego è particolarmente indicato per colture di pregio di tipo orticolo e frutticolo.
Ma Biogas significa anche produzione di Biometano. In termini ambientali, il Biometano rappresenta l'evoluzione naturale degli impianti a biogas a fine periodo di incentivazione (15 anni) soprattutto nel settore dei trasporti dove l'Italia risulta ancora carente rispetto agli obiettivi 20-20-20. 
"ll biometano precisa ancora Walter Righiniconcorre alla riduzione delle emissioni di gas climalteranti per il 97% se confrontato con altri carburanti: produce infatti 5 grammi di CO2 equivalenti per km, rispetto ai 95 g del biodiesel, ai 164 della benzina,  ai 156 del diesel e  ai 141 del gas di petrolio liquefatto. E' quindi auspicabile prevedere il suo primo impiego nei trasporti, anche alla luce degli impegni assunti dall'Italia nel recepimento della Direttiva europea 20-20-20. Per favorire concretamente l'upgrading degli impianti, Fiper sarà impegnata ad avviare confronto con il Ministero dello Sviluppo Economico per la revisione del DM 5 dicembre 2013 in tempi brevi".
Secondo la FIPER per ogni impianto con potenza elettrica installata di 999 kW elettrici, la produzione di Biometano stimata è di circa 2 milioni di Smc (standard metro cubo) e il valore dell'investimento richiesto per il processo di purificazione del Biometano è nell'ordine di 800 mila - 1,1 milione di Euro per impianto.  I 53 impianti a biogas entrati in esercizio in Italia tra il 2002-2003,alla fine del loro periodo di incentivazione, potrebbero già dal 2017 attivare investimenti per un ordine di 50-55 milioni di Euro per la conversione  a produzione di Biometano.

--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI