Cerca nel blog

venerdì 22 aprile 2016

DOPO IL 2000 GLI ANNI PIU’ BOLLENTI DELLA STORIA DEL PIANETA IN 9 CASI SU 10.

EARTH DAY: COLDIRETTI, ACCORDO ONU DOPO TRIMESTRE PIU' CALDO DI SEMPRE



La firma all'Onu dello storico accordo per fermare il riscaldamento del pianeta avviene dopo che il primo trimestre 2016 si è classificato come il piu' caldo di sempre a livello mondiale con la temperatura media registrata sulla superficie della terra e degli oceani, addirittura superiore di 1,15 gradi celsius rispetto alla media del ventesimo secolo. E' quanto afferma la Coldiretti in occasione della giornata della Terra (Earth day) con appuntamento centrale all'Onu per la ratifica da parte di Ban Ki Moon e di 165 leader mondiali dello storico Accordo sul Clima siglato lo scorso dicembre a Parigi, sulla base della banca dati del Noaa, il National Climatic Data Centre che rileva le temperature sul pianeta dal 1880. "Il mondo si è fermato sull'orlo del precipizio con la conferma della tendenza al surriscaldamento testimoniata dal fatto che non si tratta di un dato isolato poiché tra i 10 anni più caldi degli ultimi 137 anni, ben nove sono successivi al 2000", ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo. Il 2015 è in testa alla classifica degli anni piu' bollenti davanti al 2014 e al, 2010 che - sottolinea la Coldiretti - è seguito dal 2013, dal 2005 e poi a pari merito dal 1998 e dal 2009 e a seguire il 2012 e poi il 2003, il 2006 e il 2007 a pari merito. Il cambiamento climatico è evidente anche in Italia dove il 2015 si è classificato come l'anno più caldo della storia, da quando esistono i rilevamenti climatici secondo le elaborazioni Coldiretti su dati Isac Cnr. Nell'anno appena trascorso - sottolinea la Coldiretti - si è registrata una temperatura superiore di 1,42 gradi rispetto alla media. Bisogna affrontare - sostiene la Coldiretti - i drammatici effetti dei cambiamenti climatici che si manifestano con una tendenza al surriscaldamento che si è accentuata negli ultima anni, ma anche con il moltiplicarsi di eventi estremi, sfasamenti stagionali e precipitazioni brevi ed intense che si abbattono su un terreno reso piu' fragile dal consumo di suolo. Il risultato - sostiene la Coldiretti - è che sono saliti a 7.145 i comuni italiani, ovvero l'88,3% del totale, che sono a rischio frane e/o alluvioni secondo le elaborazioni Coldiretti su dati Ispra. Al fenomeno non è certamente estraneo il fatto che l'Italia - denuncia la Coldiretti - ha perso il 28 per cento della terra coltivata per colpa della cementificazione e dell'abbandono provocati da un modello di sviluppo sbagliato che ha ridotto la superficie agricola utilizzabile ad appena 12,8 milioni di ettari.

LA CLASSIFICA DEGLI ANNI PIU' CALDI DEL PIANETA DAL 1880
ANOMALIA RISPETTO ALLA MEDIA IN GRADI CELSIUS
1          2015                                                  +0,90
2.         2014                                                  +0,74
3.         2010                                                  +0,70
4.         2013                                                  +0,66
5.         2005                                                  +0,65
6.         1998                                                  +0,63
6.         2009                                                  +0,63
8.         2012                                                  +0,62
9.         2003                                                  +0,61
9.         2006                                                  +0,61
9.         2007                                                  +0,61
Fonte: Elaborazioni Coldiretti su dati Noaas





--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI