Cerca nel blog

lunedì 11 aprile 2016

Il Giro d’Italia è sempre più ecosostenibile con il progetto “RIDE GREEN”

IL GIRO D'ITALIA È SEMPRE PIÙ ECOSOSTENIBILE CON IL PROGETTO "RIDE GREEN"
Presentato il nuovo programma dedicato all'ambiente e alla raccolta differenziata alla Corsa Rosa alla Presenza del Sottosegretario del Ministero dell'Ambiente, Barbara Degani.


Milano, 11 aprile 2016 – Il progetto si chiama "RIDE GREEN" ed è stato pensato da RCS Sport e sviluppato in collaborazione con E.R.I.C.A., società cooperativa che si occupa di consulenze ambientali, per la Corsa Rosa. L'iniziativa prevede che per tutte le 18 tappe italiane, all'interno delle aree di partenza e arrivo, verranno differenziati tutti i rifiuti prodotti (carta e cartone, plastiche, metalli, vetro e organico) cercando di ridurre così al minimo i rifiuti non recuperabili. Su questo tema verranno sensibilizzati i cittadini, gli addetti ai lavori e i media.

Queste iniziative legate all'ambiente sono alcune di quelle dedicate alla Social Responsability che il Giro d'Italia attiva ogni anno. Il progetto RIDE GREEN rientra in un più ampio progetto Green che punta a far diventare la Corsa Rosa un evento ecosostenibile. Nel 2015 il WWF ha realizzato uno studio sull'impatto ambientale del Giro d'Italia. E' stato stilato un piano di azione di cinque anni, con l'obiettivo di ridurre le conseguenze sulla natura e di far diventare il Giro un'eccellenza nel panorama degli eventi internazionali. Uno dei primi passi inseriti in questo progetto riguarda proprio la gestione dei rifiuti.

Il Sottosegretario al Ministero dell'Ambiente, Barbara Degani, alla presentazione di RIDE GREEN, ha dichiarato: <<Con Expo abbiamo lanciato su scala internazionale un concept molto importante: quello degli eventi ecosostenibili. Sono felice oggi di poter continuare su questo filone presentando il lato green di uno dei più popolari eventi sportivi italiani: il Giro d'Italia. Affidare ad un evento che raggiunge capillarmente tutto il territorio italiano un messaggio virtuoso di rispetto per l'ambiente, per l'ecologia, per la cultura e le bellezze italiane veicolando il messaggio che la raccolta differenziata e la riduzione dei rifiuti sono buone pratiche che tutti e ovunque devono perseguire è per noi di importanza strategica. Sono convinta, così come è stato per Expo, che anche il Giro d'Italia grazie a questa svolta Green, avrà molti altri follower a livello internazionale ma si potrà fregiare di essere stato il Primo evento sportivo a dare il buon esempio>>.

Paolo Bellino, Direttore Generale di RCS Sport ha detto: <<Il tema della sostenibilità ambientale del Giro d'Italia è un argomento che ci sta a cuore, in particolare per la raccolta differenziata dei rifiuti ed i benefici che apporta ai territori che attraversiamo. Questo è uno dei progetti che rientrano nella sfera della Responsabilità Sociale che RCS Sport sta sviluppando ormai da anni con altre iniziative, come ad esempio Biciscuola. RIDE GREEN sarà la prima esperienza applicata ad un evento sportivo di tale portata e logisticamente non facile. Siamo certi che, grazie all'apporto di tutti i soggetti coinvolti, questa nuova esperienza sarà un passo fondamentale per rendere il Giro sempre più ecosostenibile>>.



Gaetano Benedetto, Direttore Generale di WWF Italia, ha sottolineato come: <<Il WWF crede che ovunque sia possibile ridurre il peso ambientale delle nostre attività, se grandi eventi come il Giro d'Italia iniziano a farlo il messaggio positivo e concreto che viene dato è destinato a trasformarsi in altre azioni altrettanto concrete. Già in passato il Giro d'Italia è stato un formidabile alleato per la divulgazione di messaggi ambientali quali l'importanza delle aree naturali protette o la salvaguardia di specie simbolo quali il lupo, oggi la sfida è ancora attuale e riguarda la promozione del senso di responsabilità che tutti devono avere, esattamente come ci dicono le Nazione Unite e l'Unione Europea, esattamente come ci invita a fare Papa Francesco. L'attuale nasce nel 2015 quando il WWF ha realizzato uno studio sull'impatto ambientale del Giro d'Italia. È stato stilato un piano di azione di cinque anni, con l'obiettivo di ridurre le conseguenze sulla natura e di far diventare il Giro un'eccellenza nel panorama degli eventi internazionali. Uno dei primi passi inseriti in questo progetto riguarda proprio la gestione dei rifiuti. Non possiamo che applaudire e, in piena coerenza con le esperienze comuni già fatte, essere ancora partecipi all'iniziativa>>.

L'Amministratore Delegato di E.R.I.C.A., Roberto Cavallo, ha detto: <<Gli obiettivi dichiarati sono quelli di raccogliere più differenziata possibile, avviare a riciclo i materiali raccolti e misurarne le performance. Tutto attraverso un lavoro di sensibilizzazione e comunicazione che ci permetta di far passare questo importantissimo messaggio. A lavorare sul campo ci saranno sette persone su tutto il Giro oltre 216 volontari che incontreremo lungo il percorso. Le postazioni di raccolta saranno 77 divise tra partenza e arrivo. Vorrei ringraziare inoltre tutti i partner che ci accompagneranno in questa bella sfida e che danno un contributo fondamentale per la riuscita dello stesso>>.

IL PROGETTO IN NUMERI:
  • Numero contenitori: 406 contenitori (di cui 169 alla partenza e 237 all'arrivo)
  • Numero sacchetti raccolta differenziata: 15.600 sacchetti (di cui 13.200 semi trasparenti in modo che gli operatori possano controllare la qualità della differenziata + 1.200 sacchi biodegradabili compostabili per gli scarti organici)
  • Numero postazioni raccolta: 77 (di cui 37 in partenza e 40 in arrivo)
  • Numero personale fisso sul progetto: 7 persone
  • Numero volontari: 216 volontari
  • 40.000 stoviglie compostabili
PHOTO CREDIT: ANSA

--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI