Cerca nel blog

lunedì 6 giugno 2016

Philips Lighting si impegna davanti ai Ministri dell’Ambiente di tutto il mondo a vendere più di due miliardi di lampade LED entro il 2020

·         Raggiungere questo obiettivo permetterebbe di risparmiare l'energia equivalente allo smantellamento di 60 centrali elettriche di medie dimensioni alimentate a carbone

·         Come principale produttore mondiale di lampade LED a risparmio energetico Philips Lighting conferma il proprio impegno ad azzerare le emissioni di CO2 entro il 2020


San Francisco, USA
– In occasione del summit Clean Energy Ministerial (CEM7) di San Francisco dei giorni scorsi, Philips Lighting (Euronext Amsterdam: LIGHT), leader mondiale nel settore dell'illuminazione, ha annunciato di fronte ai Ministri dell'Ambiente presenti, il proprio impegno a vendere più di due miliardi1 di lampade LED a risparmio energetico entro il 2020. L'azienda ha stimato che, con il raggiungimento di questo obiettivo, si risparmierebbe l'equivalente dell'energia generata da 60 centrali a carbone di medie dimensioni con emissioni equivalenti a quelle di 24 milioni di automobili. Philips ha confermato inoltre l'impegno a ridurre la propria impronta di carbonio entro il 2020, sino ad azzerarla, e prevede di utilizzare energia proveniente al 100% da fonti rinnovabili per le proprie attività negli USA entro la fine di quest'anno.

 

Il Clean Energy Ministerial (CEM) è un forum di discussione intra ministeriale volto ad accelerare la transizione globale verso l'energia pulita. In occasione dell'appuntamento di San Francisco, Bill Bien, Head of Strategy di Philips Lighting ha commentato: "Abbiamo intenzione di trasformare gli accordi stipulati alla conferenza di Parigi COP21 in azioni concrete. L'efficienza energetica è il risultato più semplice da ottenere nella lotta contro il cambiamento climatico. Rispettare questa promessa è vantaggioso sia per l'ambiente che per l'economia globale, in quanto può portare ad un risparmio di circa 12 miliardi di euro ogni anno da qui sino al 2020, risparmio che potrà essere investito in altri progetti. Il tempo scorre per tutta l'umanità – bisogna agire adesso prima che sia troppo tardi."

 

La promessa di Philips Lighting sostiene la Global Lighting Challenge, campagna globale che punta a distribuire a livello globale 10 miliardi di lampade di alta qualità, ad alta efficienza energetica e al tempo stesso a buon mercato (come quelle LED), per combattere il cambiamento climatico. La campagna è stata lanciata lo scorso dicembre dal CEM alla Conferenza di Parigi sui Cambiamenti Climatici COP21.

 

Un impegno verso l'obiettivo "zero emissioni"

In occasione del CEM7 Philips Lighting ha invitato altre società a seguire il suo esempio e accettare la sfida di diventare una società "carbon neutral". Alla COP21, Royal Philips si è impegnata a ridurre a zero la propria impronta di carbonio e ad approvvigionarsi solo da fonti rinnovabili entro il 2020. Philips Lighting conferma oggi queste promesse e si offre di condividere le proprie esperienze e conoscenze con altre organizzazioni per superare questa sfida.

Preferire l'utilizzo di energie rinnovabili e diminuire le emissioni di CO2 nelle operations e nella logistica sono due elementi chiave per puntare ad una strategia "zero emissioni". Philips Lighting ha registrato in questa direzione un miglioramento negli USA dove, entro la fine di quest'anno, prevede di utilizzare il 100% di energia proveniente da fonti rinnovabili grazie all'accordo di acquisto di energia elettrica dall'Hidalgo Wind Farm a McCook in Texas.

 

"È gratificante produrre lampade LED e sistemi di illuminazione connessa che riducono il consumo energetico fino all'80% rispetto all'illuminazione convenzionale. Ma dobbiamo essere responsabili anche della nostra impronta ecologica – è per questo che ci siamo impegnati a ridurre a zero le nostre emissioni di CO2 entro la fine di questo decennio. Al fine di riuscirci abbiamo dovuto fare un riesame interno: operations, processi e filiera. Sono felice di affermare che siamo sulla strada giusta e l'anno scorso abbiamo aumentato al 60%2 il nostro utilizzo di energie rinnovabili a livello globale." ha affermato Bien.

 



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI