Cerca nel blog

lunedì 13 giugno 2016

RISPETTARE L'AMBIENTE, QUANDO CI LASCIA IL NOSTRO ANIMALE DOMESTICO

COME SEPPELLIRE IL PROPRIO ANIMALE DOMESTICO NEL PIENO RISPETTO DELL'AMBIENTE? 

Gianni Amenta, Direttore de Il Fido Custode, primo cimitero per animali d'affezione di Milano, spiega rischi e controindicazioni di scelte poco consapevoli 

Milano, giugno 2016 -  La salma di un animale domestico può rappresentare un serio pericolo per l'ambiente e, anche se si tratta di un fedele compagno di una vita, da un punto di vista legislativo rappresenta un rifiuto speciale. 

Cosa è quindi lecito fare quando il nostro amico a quatto zampe ci lascia per restare nel pieno rispetto delle leggi e dell'ambiente? 

Una tra le scelte che denota maggior consapevolezza e attenzione per gli animali e per il nostro ecosistema è quella di affidare il corpo a un cimitero per animali.

"Il terreno sul quale sorge Il Fido Custode è stato sottoposto ad attenti controlli per verificare fosse abbastanza distante dalle falde acquifere e adatto per le sepolture. Le spoglie dell'animale, nel rispetto della normativa vigente, sono avvolte in un telo in mater-bi e collocato in contenitori di cotone, tutti materiali biodegradabili al 100%" spiega Gianni Amenta, Direttore de Il Fido Custode, primo cimitero per animali d'affezione nato a Milano lo scorso agosto.

"Nel caso un animale sia morto a causa di malattie infettive l'unica strada è la cremazione. Questo perché la sepoltura potrebbe provocare una eventuale contaminazione della sottostante falda acquifera con pesanti ricadute su ambiente e uomo. Il Fido Custode, oltre alla sepoltura dell'urna contenente le ceneri stesse, offre un servizio di cremazione con riaffido delle ceneri o la possibilità di spargimento di queste in una apposita area verde dedicata all'interno del cimitero. È il responsabile medico sanitario e veterinario della struttura, la Dott.ssa SharaFaelli, che si occupa di accertare e certificare i vari tipi di decessi e di rilasciare l'eventuale documento regionale per la cancellazione del microchip" continua Amenta.

Attenzione, quindi, a seppellire la salma di un animale d'affezione in giardino o in un terreno di proprietà. "Un animale, anche se domestico, non può essere seppellito in un qualunque prato, magari proprio in quello sul quale gli piaceva tanto correre, il fai da te non è mai consigliabile. 
Da un punto di vista legislativo si rischiano multe fino a 28.000 euro e da un punto di vista ambientale si possono fare seri danni; è necessario essere autorizzati da un responsabile dei servizi veterinari delle ASL per seppellire il corpo in un terreno di proprietà" conclude Amenta.



IL FIDO CUSTODE
Immerso nel verde del parco sud di Milano fra il Parco di Trenno e il Bosco in Città, il cimitero de "Il Fido Custode" mette a disposizione di tutti coloro che vogliono garantire una degna sepoltura al proprio animale domestico un'area di oltre 50.000 metri quadrati interamente destinata all'ultima dimora di cani, gatti e di tutti gli animali d'affezione.

Nato nell'agosto 2015, "Il Fido custode" è il primo cimitero di Milano dedicato ai compagni di vita dell'uomo ed esegue il servizio di ritiro delle spoglie animali, presso il domicilio o ambulatorio veterinario, si occupa della preparazione della salma e del trasporto presso il cimitero. 

Il servizio principale è l'inumazione ma per chi lo desidera è anche disponibile il servizio di cremazione con riaffido delle ceneri oppure spargimento in una apposita area verde all'interno del cimitero.



          
Areanova srl- Via Emilio Morosini, 36-20135 Milano–T. 389 1449800–info@ilfidocustode.itwww.ilfidocustode.it
P. IVA e Reg. Imp03336230986   -   Rea-MI 2068002  -  Cap. Sociale 100.000 i.v.


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI