Cerca nel blog

venerdì 9 settembre 2016

"Anch'io vado al lavoro in bicicletta!" VINCENZO NIBALI per FIAB nella campagna per la Giornata Nazionale del BikeToWork del 16 settembre

Per la 3^ Giornata Nazionale del BikeToWork di venerdì 16 settembre FIAB-Federazione Italiana Amici della Bicicletta può contare su un "amico" davvero speciale: VINCENZO NIBALI ha accettato con entusiasmo di farsi portavoce del messaggio FIAB con la campagna"Anch'io vado al lavoro in bicicletta!" per invitare tutti i cittadini a provare, almeno in questa giornata, a recarsi al lavoro su due ruote.



Vincenzo Nibali è accanto a FIAB per la Giornata Nazionale del BikeToWork del 16 settembre

"Anch'io vado al lavoro in bicicletta!"

Un "amico" davvero speciale per la Federazione Italiana Amici della Bicicletta

Milano, settembre 2016 - "Anch'io vado al lavoro in bicicletta!". È un Vincenzo Nibali sorridente quello che invita a usare la bici per gli spostamenti casa-lavoro nella campagna della FIAB-Federazione Italiana Amici della Bicicletta in occasione della 3^ Giornata Nazionale del BikeToWork di venerdì 16 settembre.
"Ho aderito con entusiasmo all'iniziativa #BikeToWork e sono felice di essere accanto a FIAB nell'invitare e, spero, convincere, tante persone a provare almeno una volta ad andare al lavoro in bicicletta. Scopriranno certamente che anche nei tragitti quotidiani la bici è un mezzo piacevole, veloce e sostenibile, così come lo è nel tempo libero e nello sport", dice Vincenzo Nibali (#nibali).


"Siamo orgogliosi di avere al nostro fianco un grande campione come Vincenzo Nibali su un tema così importante per le nostre città e per la nostra salute - aggiunge Giulietta Pagliaccio, presidente FIAB. - Cambiare il modello culturale di mobilità adoperando la bici negli spostamenti quotidiani è una grande sfida, che porta con sé enormi vantaggi come la riduzione del traffico, il miglioramento della qualità dell'aria, un maggiore benessere psico-fisico e, di conseguenza, risparmi per tutta la collettività. Un traguardo che vogliamo raggiungere anche con il sostegno di chi, come Vincenzo, usa la bicicletta per sfide davvero grandi e che ha generosamente accettato di farsi portavoce del nostro messaggio, in modo forte e coinvolgente".
Sono molte le iniziative di FIAB per sollecitare le persone a usare la bicicletta tutti i giorni: la Giornata Nazionale del BikeToWork, promossa durante la Settimana Europea della Mobilità del 16-22 settembre, coinvolge tantissime città, centinaia di associazioni e vede la partecipazione di migliaia di cittadini (tutti gli eventi su www.settimanaeuropeafiab.it).


Di respiro europeo è invece il progetto Bike Challenge portato in Italia da FIAB: una competizione divertente e gratuita rivolta alle aziende, ai loro dipendenti e collaboratori che, fino al 31 ottobre, possono cercare di vincere i premi in palio "mettendo in sella" più colleghi possibili. 

Lo scorso anno, la prima edizione italiana della Bike Challenge, circoscritta all'area di Milano, ha coinvolto ben 92 imprese e oltre 2.000 persone, per un totale di 300.000 km in bicicletta tra casa e lavoro nell'arco di un mese e mezzo (per iscrizioni e maggiori info www.biketowork.it).

Sempre al centro delle iniziative FIAB anche l'attenzione per la sicurezza dei ciclisti, come la storica battaglia promossa attivamente dalla Federazione che ha portato il Parlamento a riconoscere la copertura assicurativa INAL nel tragitto casa-lavoro (infortunio in itinere) anche per chi lo compie a bordo della bicicletta.


La campagna FIAB "Anch'io vado al lavoro in bicicletta!" con Vincenzo Nibali sarà veicolata sul web e sui canali social della Federazione e utilizzata in tutta Italia per le iniziative previste in occasione 3^ Giornata Nazionale del BikeToWork.




www.fiab-onlus.it
www.biketowork.it
www.lovetoride.net/italia
www.settimanaeuropeafiab.it




--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI