Cerca nel blog

lunedì 19 settembre 2016

Giretto d’Italia: 20 check point a Torino per la sfida della mobilità nuova

L'iniziativa organizzata da Legambiente e VeloLove in collaborazione con Euromobility e Fiab interessa 16 città italiane, decine di aziende e scuole

Appuntamento per la stampa: mercoledì 21 settembre dalle 7:30 alle 9:30 in via Puglia 35


Quanto incide la bicicletta sul traffico quotidiano? 
Quante persone usano le due ruote per andare a scuola o al lavoro? 

Il Giretto d'Italia 2016, sesto campionato della ciclabilità urbana organizzato da Legambiente e VeloLove in collaborazione con Euromobility e Fiab, con la preziosa partecipazione di CNH Industries, torna a monitorare il traffico ciclistico nelle città per accendere i riflettori sulla realtà, evidentemente in crescita, dei "pendolari delle due ruote".

Mercoledì 21 settembre, nell'ambito della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile (16-22 settembre), appuntamenti in 16 città italiane, dove verranno monitorati, tra le 7:30 e le 9:30 del mattino, i passaggi di coloro che scelgono la bicicletta per recarsi al lavoro o a scuola. 

Il conteggio avverrà tramite appositi check-point allestiti in zone scelte dagli organizzatori e nelle immediate vicinanze delle aziende pubbliche e private e delle scuole che hanno aderito all'iniziativa. 

A vincere saranno i centri urbani che segnaleranno il maggior numero assoluto di ciclisti.

A Torino verranno allestiti tre check point urbani: il primo nel controviale di corso Francia angolo via Principi d'Acaja, il secondo in via Ormea angolo corso Marconi, il terzo in Lungo Dora Savona angolo corso Regio Parco

Dalle 7:30 alle 9:30 di mercoledì 21 settembre i volontari di Legambiente e i responsabili dell'Ufficio Biciclette del Comune di Torino conteggeranno i diversi mezzi in transito premiando con una mela offerta da Coldiretti chi ha scelto le due ruote ecologiche.

In aumento rispetto alla scorsa edizione i check point allestiti all'ingresso di scuole, aziende municipalizzate, Asl, ospedali e aziende pubbliche e private che hanno deciso di promuovere la bicicletta come mezzo per recarsi al lavoro. 

A Torino e nell'area metropolitana si segnalano le adesioni di Arpa Piemonte, Città Metropolitana, Comune di Torino, Unipol Sai, TEconnectivity (in totale 8 check point). 

All'edizione 2016 partecipano anche 11 stabilimenti di CNH Industrial tra cui quelli di Torino (8 check point) e San Mauro (1 check point). 

L'azienda promuove infatti volontariamente progetti e attività a sostegno dello sviluppo economico, sociale e culturale della comunità stessa, con l'adozione di obiettivi specifici mirati a integrare gli aspetti della sostenibilità nelle operazioni quotidiane, nonché scuole, università, ospedali e imprese.

Al Giretto d'Italia non hanno aderito, purtroppo, Roma e Milano -due città importanti che avrebbero potuto usufruire del monitoraggio anche per migliorare il piano della loro mobilità urbana- mentre, oltre a Torino, l'iniziativa si svolgerà a Bologna, Bolzano, Carpi (Mo), Ferrara, Genova, Jesi (An), Napoli, Padova, Palermo, Pavia, Pesaro, Ravenna, Reggio Emilia, Trento e Udine, in collaborazione con numerose aziende e i loro mobility manager, in partenariato con il progetto europeo BikeToWork (www.biketowork.it) di Fiab.

Il Giretto d'Italia si propone di rendere visibile il traffico ciclistico delle città italiane che normalmente non è misurato nelle indagini statistiche sullo stato della mobilità, fornendo quei dati sugli spostamenti in bicicletta da casa al lavoro, ovviamente simbolici, che però spesso mancano e invece sarebbero utili in sede di programmazione e pianificazione della mobilità urbana. 

Riuscire a far crescere gli spostamenti in bici (a piedi e sul trasporto pubblico) vuol dire non solo ridurre traffico e smog, ma anche creare le premesse per un concreto miglioramento della qualità della vita urbana.

Torino, 19 settembre 2016     


--

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI