Cerca nel blog

lunedì 3 ottobre 2016

HELVAR PER GHELFI ONDULATI | Flessibilità e risparmio energetico per il controllo della luce

Flessibilità e risparmio energetico: i plus del sistema di controllo della luce Helvar per Ghelfi Ondulati.


La Ghelfi Ondulati S.p.a. è un'azienda specializzata nella produzione d'imballaggi di qualità in cartone ondulato per il settore industriale e ortofrutticolo. Sinonimo di qualità, originalità e innovazione, da sempre realizza un continuo aggiornamento e miglioramento dei processi produttivi affrontando investimenti per l'acquisizione di macchinari e tecnologie d'avanguardia.

Una parte fondamentale del percorso di rinnovamento che ha riguardo Ghelfi Ondulati in questi ultimi anni è stata l'implementazione di una nuova illuminazione, al fine di raggiungere un efficientamento energetico in linea con gli standard aziendali.

Per migliorare le scarse condizioni d'illuminamento e ottimizzare il risparmio energetico, dal 2014 ad oggi la parte produttiva dell'azienda è stata interessata da un refittingcompleto di tutti gli apparecchi illuminanti prevalentemente a incandescenza e alogeni che sono stati sostituiti con sorgenti a LED gestite da un sistema di controllo della luce firmato Helvar.

Le esigenze principali di Ghelfi Ondulati erano due: ridurre i costi di gestione e aumentare il confort visivo dei dipendenti.Il concept illuminotecnico – progettato dallo Studio Bertolini– ha saputo far fronte alle esigenze del cliente e si è sviluppato in diversi step successivi: partendo nel 2014 dallo scatolificio, si è proceduto in sequenza attraverso le areestampatrici, ondulatore, magazzino prodotto finito emagazzino bobine per terminare nel 2016 nella zona riservata al nuovo ondulatore. 


Il sistema di gestione della luce di Helvar

Anche l'intervento Helvar è avvenuto in varie fasi: i lavori di progettazione e implementazione sono partiti nel luglio 2014 e hanno interessato inizialmente la zona scatolificio e magazzino bobine. L'azienda ha potuto subito toccare con mano i benefici apportati dal sistema di controllo della luce Helvar, soprattutto dal punto di vista del risparmio energetico, e ha deciso così di proseguire step by step nella realizzazione dell'intero impianto che è stato completato nel giugno 2016.

vari ambienti dello stabilimento sono gestiti da un unico sistema centralizzato che fa capo a differenti router Helvar -DIGIDIM ROUTER 910 e DIGIDIM ROUTER 905 – che attraverso i bus DALI agiscono direttamente sugli apparecchi illuminanti, controllati sempre via DALI, regolandonel'intensità luminosaAttraverso i sensori di luce e presenza è stato inoltre possibile ottenere una regolazione puntuale delle varie aree, ognuna regolata ad hoc e gestita in modo autonomo in base alle esigenze lavorative da cui è interessata, con propri sensori di luminosità e di presenza: iMultisensor 312 sensori di luce interna, i sensori High BayPIR Detector 317 ideali per edifici dai soffitti alti, come in questo caso, e il sensore luce esterna 329 che regola i livelli di luce all'interno dell'edificio in base alla luce diurna.
Sono presenti nello stabilimento anche cinque punti di comando manuale collegati ai router attraverso dei moduli che mandano gli input dei comandi al sistema centrale e attraverso una delle pulsantiere è possibile spegnere o accendere contestualmente tutte le zone dell'impianto, risparmiando tempo ed evitando di lasciare accese delle aree, sprecando quindi energia.



La supervisione dell'intero impianto è affidata al software Helvar Touch Studio installato su un PC posizionato nella control room e connesso tramite rete Ethernet ai router HelvarTouch Studio rende la gestione della luce intuitiva e user friendly e permette al facility manager un controllo centralizzato e la possibilità di variare in maniera molto semplice il layout dell'impianto. Permette anche di controllare lo stato dei corpi illuminanti DALI, verificarnla percentuale di dimmerazionel'eventuale guasto o malfunzionamento, facilitando così anche le operazioni di manutenzione ordinaria.

Inoltre è stato predisposto un sistema di emergenza collegato a delle lampade DALI, anch'esse a LED, e integrato al sistema Helvar, per la visualizzazione e il controllo dello stato dell'UPS. Tramite un'interfaccia a contatti, in caso di guasto o malfunzionamento la situazione viene visualizzata immediatamente sull'interfaccia grafica Helvar

"Grazie al sistema di gestione della luce Helvar abbiamo subito riscontrato enormi benefici." afferma Nicola Barri, Operations Engineer di Ghelfi Ondulati "L'estrema flessibilità nel cablaggio e la presenza di sensori, ci ha permesso di sfruttare al meglio ogni singola sorgente LED, abbattendo fin da subito i costi e facilitando anche ai dipendenti delle operazioni quotidiane, come ad esempio la possibilità di spegnere integralmente l'impianto da un unico punto e di controllare lo stato del sistema da remoto". 

Helvar ha progettato per Ghelfi Ondulati un impianto cucito addosso alle esigenze dell'azienda, seguendola in tutte le fasi di sviluppo e implementazione del progetto illuminotecnico. Partendo da una tecnologia LED di alta qualità, i sistemi Helvar hanno permesso di dimmerare la luce in modo da avere consumi automatici in determinate fasce orarie di lavoro e su ambienti non presidiati, sfruttando anche l'apporto della luce naturale dall'esterno e allo stesso tempo dialogando in maniera integrata con il sistema di emergenza


Prodotti Helvar utilizzati:

- Nr. 1Multisensor 312
- Nr. 9 High Bay PIR Detector 317
- Nr.1 External Light Sensor 329
- Nr. 5 mininput 444
- Nr. 2 input unit 942
- Nr. 1 Digidim Router 905
- Nr. 13 Digidim Router 910
- Software Touch Studio



Luogo: Ghelfi Ondulati - Buglio in Monte (SO)
Light design e progetto impiantistico: Studio Bertolini
Installatore elettrico: Elettrica Mottalini di Mottalini Luigi
Fornitore apparecchi illuminanti: Sacchi Giuseppe S.p.A.
Tempi di realizzazione: 2014-2016
Superficie d'intervento: 30000m2


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI